Engie: rafforza la sua partecipazione in TAG (Brasile)

  •   Le 22/07/2020 à 14h29
  •   DEHOUI Lionel

Ieri è stato considerato il giorno di maggior successo in termini di rilascio dei guadagni aziendali. Gradualmente, i frutti stanno mantenendo la promessa dei fiori, dato che diverse aziende hanno riportato i loro primi risultati semestrali. Michelin, Eurazeo, Renault, Casino, Novartis, UBS, ADP, Linkedln e persino Engie si sono sottoposti a questo difficile esercizio in questo contesto di crisi sanitaria, sociale ed economica. Un passo piuttosto coraggioso e altrettanto indispensabile per lo sviluppo di queste grandi aziende. Ma una notizia richiama in particolare l'attenzione sul continente sudamericano e soprattutto sul Brasile. La notizia riguarda un annuncio del gruppo Engie e lo collega direttamente al secondo paese attualmente più colpito dal coronavirus. In effetti, Engie ha annunciato che una delle sue offerte è stata mantenuta nel processo di dismissione guidato da Petrobras. Nota: In primo luogo, va notato che stiamo parlando dell'offerta congiunta proposta da Engie e dal CDPQ (cioè la Caisse de Dépôt et Placement du Québec). Si tratta ovviamente di un'ottima notizia per il gruppo Engie, vista la sua rimanente partecipazione del 10% in TAG, Transportadora Associada de Gas. Il gruppo francese non ha mancato di fornire importanti dettagli su questa operazione, il cui interesse non è più da dimostrare.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

L'importo della transazione

Secondo l'annuncio di Engie, il valore di questa famosa operazione al suo completamento è di 1 miliardo di real brasiliani. Per apprezzare appieno la portata di questa operazione, è necessario convertire questa somma in valuta europea. Si tratta di una somma colossale di 160 milioni di euro. Il contributo di questa operazione non è più un mistero per gli investitori e gli azionisti del colosso francese Engie. Ha un impatto diretto sulla sua partecipazione in TAG.

 

Le implicazioni dell'operazione

Questa acquisizione ha portato la partecipazione totale di Engie in TAG al 65%. Allo stesso tempo, il suo partner in questa operazione di acquisizione deterrà il resto. In altre parole, il restante 35% va alla Caisse de dépôt et placement du Québec (CDPQ). Ci sono altre misure che accompagneranno questa transazione non appena sarà conclusa. Il gruppo Engie ha fatto bene a notificarlo nel suo annuncio.

La società, specializzata nel settore dell'energia in Francia e altrove, dovrà infatti mantenere il metodo di consolidamento. Ciò avverrà esclusivamente con il metodo del patrimonio netto corrente. D'altra parte, il gruppo francese prevede un impatto netto sull'indebitamento di quasi 105 milioni di euro a seguito di questa operazione. Va notato che Engie è una delle aziende più importanti del CAC 40, che fa un significativo passo avanti questo martedì, così come le borse europee.

Nota: Ricordiamo che questa operazione non è la prima tra i due partner (Engie e CDPQ). La presente acquisizione è avvenuta subito dopo l'acquisizione di una partecipazione del 90% nella stessa TAG ed è avvenuta un anno fa (giugno 2019). Attualmente, le capacità di questa società brasiliana sono pienamente contrattualizzate con clausole "ship-or-pay". Inoltre, la durata media residua è di 11 anni.