Presentazione e funzionamento di un effetto leva:

Consideriamo prima per alcuni istanti in cosa consiste un effetto leva, quali sono le sue funzioni e le sue peculiarità.

L’effetto leva viene utilizzato come parte degli investimenti in borsa al fine di avere la possibilità di investire più capitale di quello che uno possiede. Con un effetto leva, un investitore ha l’opportunità di moltiplicare le proprie posizioni per multipli, a volte fino a 1.000 volte il valore del proprio capitale. Naturalmente, gli effetti di leva più importanti sono riservati agli investitori professionisti. I privati, da parte loro, dispongono di un effetto leva molto meno importante in termini di rischi connessi al suo utilizzo.

Si noti che in inglese, il termine per questo effetto leva è il termine “leverage”. Questo chiarimento è importante perché è spesso in questa lingua che verrà menzionato.

In breve, un effetto leva è un mezzo proposto dai broker per consentire agli investitori di negoziare con volumi molto più grandi di quelli effettivamente posseduti e utilizzando solo il proprio capitale di negoziazione. Tale leva consente talvolta l’accesso a mercati altrimenti inaccessibili.

Passiamo ora al funzionamento concreto dell’effetto leva. Un effetto leva è quindi destinato a stipulare ordini molto più grandi del deposito effettivamente rilasciato. Ciò significa che questo effetto leva può essere paragonato a un credito concesso dal broker che consente ai negoziatori di negoziare più di quanto abbiano nel loro conto di investimento. L’obiettivo qui è, naturalmente, quello di generare più guadagni con poca differenza di prezzo, ma anche le perdite vengono qui moltiplicate da questo effetto leva in caso di previsioni errate. Ecco perché la legislazione è così stringente per quanto riguarda l’utilizzo di questa leva. Si raccomanda inoltre di esercitare la massima cautela prima di prendere posizione su un bene utilizzando l’effetto leva.

Per rendere possibile questa leva, è necessario comprendere il concetto di margine. Ciò significa che una parte del tuo capitale viene bloccata quando apri una posizione sul mercato: si tratta del margine. Il resto dei fondi necessari per aprire la tua posizione è in realtà anticipato dal broker, o intermediario finanziario. Pertanto, l’intero importo investito non viene bloccato sul tuo conto di trading.

Se l’operazione di effetto leva è ancora complicata da capire, ti consigliamo di testare questa funzionalità con l’aiuto di un account dimostrativo e in condizioni reali, per verificare quale rischio genera.

 

Vantaggi e svantaggi dell’effetto leva:

Naturalmente, la funzione dell’effetto leva proposta dai broker online ha alcuni vantaggi, ma anche alcuni importanti svantaggi che è necessario conoscere prima di utilizzarlo.

Per quanto riguarda i vantaggi di questo effetto leva, è ovviamente importante notare che questo strumento consente di speculare sul mercato con più fondi rispetto a quanto a disposizione nel tuo capitale. Come indicato in precedenza, questo ti permette di accedere a determinati mercati ai quali non avresti avuto accesso senza questo aiuto.

Naturalmente, nel caso di una previsione corretta dell’evoluzione del prezzo di un bene, l’effetto leva genererà guadagni maggiori rispetto al non utilizzo di un effetto leva. Si può quindi affermare che, in una posizione efficace, il tasso di rendimento dell’investimento è migliorato dall’effetto leva.

Passiamo ora ai principali svantaggi dell’utilizzo dell’effetto leva in borsa. È importante notare che questa leva aumenterà in modo significativo i rischi sostenuti durante l’investimento, aumentando in modo significativo le perdite potenziali. Pertanto, in caso di previsioni errate dell’evoluzione del prezzo del bene monitorato, il tasso di rendimento del tuo investimento è fortemente ridotto.

Alla luce di queste informazioni, si noterà qui che l’effetto leva è sia interessante che rischioso ed è quindi essenziale utilizzarlo con la massima cautela. Ricordiamo che l’impiego di questo strumento presenta rischi significativi e può portare alla perdita totale del capitale investito in breve tempo, soprattutto se si utilizza un forte effetto leva. In generale, l’effetto leva è uno strumento che dovrebbe essere riservato agli investitori più esperti.

 

Quali sono i limiti legali dell’effetto leva ai sensi del regolamento dell’ESMA?

Dal mese di agosto 2018, l’autorità europea di regolamentazione ESMA, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, ha pubblicato nuove rigorose norme relative all’impiego dell’effetto leva per gli investitori privati. Scopo di queste norme è proteggere nel miglior modo possibile questi investitori contro i rischi di leve troppo importanti in considerazione della volatilità di determinati beni.

Quindi, se si desidera sfruttare un effetto leva dall’Europa, le leve massime sono le seguenti:

  • Per il mercato Forex, la leva massima è 1:30 con un margine del 3,33% per le principali coppie di valute.
  • I CFD sugli indici, sull’oro e sulle coppie di valute minori del Forex hanno un effetto leva massimo di 1:20 con un margine richiesto del 5%.
  • Gli altri CFD sulle materie prime hanno un effetto leva massimo di 1:20 con un margine del 5%.
  • I CFD sulle azioni e sulle altre attività sottostanti hanno una leva massima di 1:5 con un margine del 20%.
  • Infine, i CFD sulle criptovalute hanno un effetto leva massimo di 1:2 con un margine del 50%.

Prima di questa decisione dell’ESMA, l’effetto leva in Europa era illimitato e gli intermediari erano gli unici a decidere in merito al livello di leva che proponevano ai propri utenti. Ora, ovviamente, questo non è più possibile, dato che l’effetto leva massimo per i singoli investitori è solo 1:30 e solo per determinati beni. Come accennato in precedenza, i clienti professionali sono gli unici che hanno la possibilità di sfruttare un effetto leva maggiore, ma solo se il broker tramite il quale effettuano le loro transazioni gli concede uno status professionale. Questo regolamento, ovviamente, si applica solo alle transazioni effettuate in Europa e non si applica ad altre regioni del mondo che dispongono di regolamentazioni diverse.

Domande frequenti

In cosa consiste l’effetto leva?

Un effetto leva è uno strumento proposto dai broker online per prendere in prestito denaro da questo broker in occasione dei tuoi investimenti, con l’obiettivo di aumentare il capitale investito. Pertanto, la posizione assunta è più importante, il che può generare più guadagni ma anche creare più perdite in caso di errata previsione dei prezzi. È quindi opportuno utilizzarlo con la massima cautela.

Come scegliere l’effetto leva?

Prima di tutto, ricordiamo che l’uso dell’effetto leva è riservato solo ai negoziatori esperti. Gli investitori che non hanno padronanza dei mercati finanziari devono tener conto del rischio che questo strumento comporta per il loro capitale. Un negoziatore che decide di utilizzare l’effetto leva dovrebbe farlo con cautela e rischiare un massimo dell’1-2% del proprio capitale totale per ciascuna delle operazioni effettuate sul mercato.

L’effetto leva può variare da un broker all’altro?

Naturalmente, come abbiamo visto in questo articolo, l’ESMA ha stabilito alcune regole relative all’effetto leva massimo che un broker può proporre a seconda del tipo di bene e quindi della sua volatilità. Ma al di fuori di questo limite, i broker sono liberi di proporre leve più o meno importanti. È quindi frequente notare che le leve sono diverse su un singolo bene a seconda del broker scelto, con margini ugualmente variabili.

--- Pubblicità ---
Inizia a fare trading adesso
Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.