Diminuzione del 15% delle vendite nel 1° trimestre per LVMH e Christian Dior

  •   Le 20/04/2020 à 10h56
  •   DEHOUI Lionel

Nel tempo, il mondo del lusso si è reso conto che Christian Dior è una delle aziende più importanti del settore. Il Gruppo Christian Dior, noto anche come Dior, è una holding quotata alla Borsa di Parigi. In LVMH, essa detiene il 56,4% dei diritti di voto con il 41,1% del capitale. È titolare del marchio "haute couture" nella filiale Christian Dior Couture creata da Marcel Boussac nel 1946. In altre parole, è un'eredità del couturier Christian Dior, che oggi comprende diverse aziende. Ci sono aziende di profumi, pelletteria (borse e scarpe), cosmetici, liquori, vino, ecc. Sono le vendite di questi prodotti nel loro complesso che hanno registrato un calo significativo nel primo trimestre. Ma prima di questo, è importante ricordare che Christian Dior Couture fa parte di LVMH dal 2017.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Il calo delle cifre

Questo venerdì il mercato mondiale ha rivelato strane variazioni nei mercati azionari. Quello di Parigi ha registrato un calo significativo. Il gruppo Christian Dior ne è solo un esempio, con un fatturato di 10,6 miliardi di euro nel primo trimestre dell'esercizio 2020. Questa cifra corrisponde ad un calo del 15%. Con riferimento al primo trimestre 2019 e alle valute comparabili, il gruppo dichiara che le vendite sono diminuite del 17%.

Inoltre, la società madre di LVMH, Christian Dior, ha comunque rassicurato i propri clienti e azionisti. Con l'annuncio di questo venerdì ha affermato un'ottima capacità di resistenza. Si noti, di passaggio, che i siti produttivi e i negozi del gruppo sono chiusi. Il gruppo non compie più viaggi internazionali a causa della crisi sanitaria che sta imperversando nel mondo e che sta sconvolgendo l'ambiente economico.

 

Un dividendo consistente

Oggi è chiaro che il mercato finanziario non è più quello di fine gennaio, quando il gruppo ha annunciato il pagamento di un dividendo. L'ambiente è cambiato e la crisi sanitaria ha guadagnato terreno in Francia come in altri paesi del mondo. Di conseguenza, il Consiglio di amministrazione del gruppo proporrà un dividendo ridotto in occasione dell'Assemblea generale del 30 giugno.

Dopo aver analizzato la situazione, l'importo da distribuire come dividendo ai propri azionisti ammonterebbe a 2,60 euro per azione. Almeno questo è quanto il gruppo Christian Dior ha dichiarato ufficialmente venerdì. Ha colto l'occasione per specificare che il pagamento di quest'ultimo entrerà nella sua fase effettiva a partire dal 9 luglio.

 

Borsa di Parigi

La Borsa di Parigi ha chiuso la settimana con un incremento stimato del +3,42% a 4.499. Ha perso lo 0,9% per tutta la settimana. Il CAC 40 è aumentato del +4,5% e ha raggiunto un totale di 4.550 verso mezzogiorno. Il Nasdaq è aumentato del 27%. Per quanto riguarda l'Euro-Stoxx50, si è registrato anche un incremento del +2,7% verso il 2,888 e l'indice ha chiuso la settimana con un -0,6%.