DAIMLER: I guadagni sono calati del 78% nel primo trimestre

  •   Le 27/04/2020 à 11h33
  •   DEHOUI Lionel

DAIMLER è presente sul mercato commerciale dal 1926. Fino al 1998 era conosciuta come "Daimler-Benz" e il suo marchio di fabbrica era Mercedes-Benz. Si può quindi capire che si tratta di un produttore di auto e camion. Nel 1998 il gruppo ha firmato un nuovo accordo di fusione con Chrysler e ha creato DaimlerChrysler. Non è durato a lungo. Chrysler è stata venduta nell'ottobre 2007 e il gruppo è diventato di nuovo Daimler. Da allora, il gruppo è diventato ben noto in diversi mercati. È noto non solo come produttore, ma anche come importante fornitore di servizi finanziari. Quest'ultimo è fornito da Daimler Financial Services. Sicuramente sapete abbastanza sul gruppo tedesco Daimler. Ma quello che non si sa è il contenuto della sua pubblicazione. Mercoledì sera, infatti, Daimler ha fatto il punto della situazione sul primo trimestre del 2020.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
DAIMLER: I guadagni sono calati del 78% nel primo trimestre
Immagine: Michael Andersen

Ebit e Free Cash Flow

Le cifre annunciate dal produttore Daimler sono lungi dall'essere soddisfacenti. Attraverso il bilancio del primo trimestre dell'anno fiscale 2020, il gruppo mostra quanto sia stato messo in difficoltà. Per quanto riguarda i risultati preliminari, la società tedesca ha realizzato nel periodo un fatturato di 617 milioni di euro. 617 milioni di euro, un enorme calo annuo del 78% che mostra l'impatto della pandemia di Covid-19 sulla sua attività.

Inoltre, il gruppo ha fornito altri dettagli altrettanto importanti. Soprattutto, si è pronunciata al suo margine e ritiene che dovrebbe finire per avere un valore positivo. Successivamente, ha fornito un altro chiarimento che interessa i suoi azionisti. Questo è il suo free cash flow, che si è rivelato negativo, pari a -2,3 miliardi di euro. Ha anche dato l'evoluzione del suo Ebit, delle vendite e del fatturato.

 

Fatturato, Ebit e vendite

Chiunque sia interessato alle attività del gruppo tedesco dell'industria automobilistica e dei servizi finanziari ricorderà il suo annuncio a marzo. In quel mese, infatti, ha abbandonato gli obiettivi per l'esercizio in corso (2020). Aveva anche previsto un fatturato che sarebbe rimasto stabile con riferimento al 2019. Egli prevedeva che il suo Ebit sarebbe stato molto più alto di quello del 2019. Ma la realtà è diversa dalle sue previsioni.

Ha infine dichiarato che il suo fatturato sarà ben al di sotto del livello dell'esercizio 2019. Il gigante tedesco dell'auto non ha taciuto il suo Ebit e i suoi volumi di vendita. Si prevede già che questi saranno notevolmente inferiori rispetto al 2019. Questa è una triste notizia per la Daimler, che dovrà dare prova di sé per mantenere i suoi azionisti non appena l'acquisizione avrà luogo. Per il momento il gruppo ha ribadito la sua determinazione.

 

Daimler rimane determinata

In effetti, il gruppo si è dimostrato più che fiducioso di fronte a queste cifre in calo. Non si è lasciata scoraggiare e ha subito parlato delle misure adottate al suo interno. Daimler ha dichiarato nella sua pubblicazione che si stanno attuando misure per garantire la protezione della sua liquidità. Inoltre, ha aumentato la sua flessibilità finanziaria.

Si considera quindi in pole position per affrontare la crisi sanitaria causata dalla Covid-19. Daimler assicura che sarà in grado di gestire efficacemente il periodo post-crisi. Invita tutti ad aspettare fino al 29 aprile 2020 per avere i risultati trimestrali. E' proprio su questo punto che il gruppo ha terminato la pubblicazione del mercoledì.