Crédit Agricole SA: dividendo generoso in vista e utili in calo

  •   Le 15/02/2021 à 13h02
  •   DEHOUI Lionel

Giovedì 11 febbraio 2021, Crédit Agricole SA ha rilasciato i suoi guadagni trimestrali, che erano in forte calo. L'azienda intende proporre un dividendo che rifletterà un ritorno di quasi l'8%, poiché si basa su una solvibilità abbastanza solida. Ecco i dettagli.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500
Crédit Agricole SA: dividendo generoso in vista e utili in calo
Immagine: CA SAfr

Alcune cifre per l'ultimo trimestre del 2020

La performance operativa di Crédit Agricole nel periodo da ottobre a dicembre 2020 ha mostrato un calo dell'utile netto, inferiore al dato dell'esercizio 2019. 124 milioni, in calo del 92,6% rispetto al Q4 2019. Questa cifra tiene conto di alcune voci eccezionali per un totale di 851 milioni.

Tuttavia, l'utile del Q4, esclusi gli elementi eccezionali, è stato di 975 milioni di euro, in calo del 26%. Per quanto riguarda l'NBI (Net Banking Income) trimestrale, è aumentato del 2,6% a 5,251 miliardi di euro. Da notare che il costo del rischio di credito è aumentato del 58,5% a 538 milioni di euro. Per l'intero anno 2020, il gruppo bancario francese ha registrato un utile netto di 2,692 miliardi di euro, in calo del 44,4%.

Informazione: NBI per l'esercizio 2020 è di 20,5 miliardi (+1,7%) mentre il costo del rischio è di 2,6 miliardi. Quest'ultimo è 2,1 volte il suo livello del 2019.

 

Il dividendo previsto da CASA

Crédit Agricole SA o "CASA" rimane fiducioso sul suo rapporto di solvibilità "Common Equity Tier 1" (CET1). A fine dicembre, il CET1 era del 13,1%, più di cinque volte superiore ai requisiti normativi. Di conseguenza, CASA intende pagare un dividendo per azione di 0,80 euro. Questo corrisponde a due terzi dell'utile netto sottostante per azione per l'anno finanziario 2020. Tuttavia, la politica tradizionale del Crédit Agricole SA è di limitarla al 50%.

D'altra parte, e soprattutto per non sembrare in disaccordo con le esigenze della BCE (Banca Centrale Europea), questa generosa distribuzione di dividendi è destinata a raggiungere un obiettivo. In primo luogo, è accompagnato da un'opzione di pagamento di azioni che la SAS "La Boétie" si è impegnata a sottoscrivere. Quest'ultimo detiene il 55% del capitale. In secondo luogo, questa stessa generosa distribuzione è destinata a compensare l'assenza di un pagamento di dividendi per il 2019.

 

 

CASA sta pianificando un programma di riacquisto

Il gruppo bancario Crédit Agricole ha ipotizzato che i fondi comuni dei dipendenti opteranno per un pagamento basato su azioni. Presuppone che lo stesso sia vero per gli azionisti di minoranza.

Di conseguenza, sta considerando un programma di riacquisto di azioni in grado di riacquistare fino al 5% del capitale, che sarà attuato in due fasi. Il primo avrà luogo subito dopo il pagamento del dividendo, mentre il secondo avrà luogo nel quarto trimestre. Ecco come la società bancaria prevede di terminare l'impatto dell'operazione sul patrimonio netto tangibile per azione. Infine, il gruppo ha riaffermato la sua fiducia nell'esito della sua offerta pubblica di acquisto sulla banca italiana Credito Valtellinese (Creval).