PANDORA

Analisi della quotazione delle azioni Pandora

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Potete cominciare ad acquistare online le azioni Pandora per speculare sulla loro evoluzione a breve o a lungo termine ma, prima di lanciarvi e per aiutarvi nelle vostre strategie, scoprite qui delle informazioni pratiche su di loro nonché la loro quotazione in diretta e la loro analisi tecnica storica.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Gli sforzi fatti dal gruppo Pandora per installarsi in dei nuovi mercati, in particolare in Italia, Cina e Russia, devono essere seguiti da vicino.

Analisi n. 2

Andrà poi seguita l’evoluzione delle capacità di produzione dell’azienda prendendo in considerazione gli acquisti di nuove fabbriche o l’assunzione di nuovi artigiani per rispondere ad una domanda in crescita.

Analisi n. 3

Tutti i tentativi fatti da Pandora per diversificare le attività ed estendere la gamma di prodotti, in particolare nel settore degli orologi con diamanti, dovranno essere presi in considerazione al momento delle analisi.

Analisi n. 4

Ovviamente, la salute economica mondiale avrà un impatto sulla vendita di gioielli e dovrà essere messa in conto.

Analisi n. 6

Infine, dato che il gruppo Pandora realizza la maggior parte della propria produzione di gioielli in Tailandia, andranno seguiti con attenzione gli eventuali problemi politici e tutti i cambiamenti di regolamentazione in questo paese che potrebbero incidere più o meno fortemente sulla produttività dell’azienda o influenzare i valori della società Pandora.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Pandora

Il gruppo Pandora è uno dei grandi nomi della bigiotteria e della gioielleria. È specializzato nell’ideazione, produzione e vendita di ciondoli, anelli ed altri gioielli.

I suoi prodotti vengono distribuiti attraverso una rete di 9.271 punti vendita nel mondo intero, la maggior parte dei quali sono negli Stati Uniti ma sono presenti anche in Europa e in Asia Pacifica ed è nel Nord America che realizza la maggioranza del suo volume d’affari.

Analisi della quotazione delle azioni Pandora
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Naturalmente, il gruppo Pandora non è l’unico ad operare in questo settore e deve quindi affrontare alcuni grandi concorrenti che presentiamo qui elencando i principali operatori del settore.

Swarovski

In primo luogo, il gruppo Swarovski, che è un marchio di componenti in cristallo prodotti da imprese appartenenti alla sua holding e denominati «Strass», è un concorrente diretto di Pandora.

Thomas Sabo

Tra i concorrenti diretti del gruppo si trova Thomas Sabo GmbH & Co, un produttore tedesco di gioielli e orologi. Creata nel 1984, l'impresa si è specializzata in particolare nella progettazione, fabbricazione e distribuzione di gioielli e orologi.

Cartier

Bisogna seguire con la massima attenzione anche il gruppo francese Cartier, un'impresa del settore del lusso che progetta, fabbrica, distribuisce e vende gioielli, orologi da polso, occhiali, profumi, borse o portafogli. Il marchio è stato creato nel 1847 da Louis-François Cartier ed è rimasto sotto il controllo della famiglia Cartier fino al 1964. Il marchio, il cui indirizzo storico è il numero 13 di rue de la Paix a Parigi, è stato reso celebre da Louis Cartier, nipote del fondatore. Nel corso degli anni il piccolo negozio è diventato un'impresa multinazionale.

Tiffany & Co

Questa impresa statunitense è specializzata nella gioielleria e negli articoli per la tavola ed è stata creata da Charles Lewis Tiffany e John B Young il 18 settembre 1837 a Manhattan. Il gruppo commercializza ancora oggi diversi articoli di lusso, orologeria, abbigliamento, pelletteria, profumi, occhiali da sole e penne e possiede 206 negozi in tutto il mondo, di cui 76 negli Stati Uniti e 9 in Italia. Nel novembre 2019, l’impresa è stata rilevata da LVMH, l’attuale leader mondiale nel settore dei prodotti di lusso.


Alleanze strategiche

Nel corso degli ultimi anni il gruppo Pandora ha messo in opera pochissimi partenariati strategici di rilievo. Segnaliamo qui le uniche due alleanze strette da Pandora con altre grandi aziende che possono aver influito in maniera più o meno marcata sulla quotazione delle sue azioni.

Louis Vuitton

Nel 2004 Pandora ha siglato un partenariato con il marchio Louis Vuitton per creare una linea di borse decorate con creazioni del gioielliere.

Walt disney

Nel 2015 si è vista un’alleanza ancora più sorprendente tra Pandora e il gruppo Walt Disney. Questo partenariato commerciale includeva i mercati di Australia, Cina e Giappone.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Investire sulla quotazione delle azioni Pandora mettendo in opera una strategia a medio o lungo termine richiede ovviamente un’eccellente conoscenza di questa impresa e, più in particolare, una buona conoscenza e comprensione delle sue principali forze e debolezze. Per aiutarvi in ciò, spieghiamo qui, in dettaglio, quali siano gli atout di cui dispone questa azienda e, in un secondo tempo, quali siano le sue debolezze. Ecco quindi, per cominciare, i suoi principali punti di forza.

La società Pandora attira gli investitori soprattutto per la sua storia relativamente recente ma proficua. Il gruppo è stato infatti creato nel 1982 in Danimarca e da allora ha conquistato numerosi paesi. Ad oggi Pandora impiega oltre 5.500 dipendenti distribuiti in diversi paesi ed è in particolare ben installata in Tailandia dove dispone di oltre 3.600 dipendenti.

La forza lavoro in Tailandia è in particolare quella che si occupa della produzione dei gioielli del marchio. Questi dipendenti, particolarmente qualificati, permettono quindi al gruppo di produrre dei gioielli di grande qualità tenendo però sotto controllo i costi di produzione. Per la maggior parte si tratta infatti di manodopera altamente qualificata e di veri e propri artigiani che contribuiscono al mantenimento di una buona immagine del marchio Pandora nel mondo.

Sebbene Pandora produca gran parte dei suoi gioielli all’estero, riesce a conservare un’immagine di marca positiva grazie a delle azioni umanitarie di grande respiro. Il gruppo è in particolare molto implicato in opere caritative tese a rendere le donne africane più autonome e libere.

Infine, l’ultimo atout di cui dispone il gruppo Pandora rispetto alla concorrenza riguarda ovviamente la sua gamma di prodotti che è variata e di grandissima qualità.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

In considerazione di quanto letto fin qui, vi renderete certamente conto del fatto che Pandora dispone di numerosi atout che le permettono di affrontare il futuro con serenità ma, prima di cominciare a trattare queste azioni al rialzo, dovete conoscere anche gli aspetti negativi di questo valore visto che l’impresa Pandora ha anche alcune debolezze che riportiamo a seguire.

Sebbene Pandora mostri un’espansione internazionale molto interessante ed una buona presenza in tutto il mondo, bisogna comunque sottolineare che la sua presenza sui mercati a forte potenziale rimane limitata. La concentrazione dei negozi e dei rivenditori del marchio sui mercati emergenti rimane infatti al di sotto delle attese.

Infine, va notato, con rammarico, che la strategia di comunicazione e pubblicitaria di questa azienda è ancora molto debole. I gioielli Pandora continuano ad essere meno conosciuti di altri marchi concorrenti perché l’azienda non investe abbastanza in pubblicità, che sia tramite la televisione, la stampa o la diffusione nei negozi. Ciò potrebbe spiegare in particolare le piccole quote di mercato del marchio di questo gruppo in certi paesi.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Quando è avvenuta l’introduzione in Borsa della società Pandora?

Nell’ottobre 2010 la società Pandora ha fatto il suo ingresso nel mercato azionario di Copenaghen dove viene ancora quotata e fa anche parte dell’indice borsistico di riferimento OMX 20. In occasione di questa IPO, quasi il 40% del capitale della società è stato messo in vendita. La sua capitalizzazione di mercato ha raggiunto, a seguito di questa operazione, i 33,7 miliardi di corone danesi, pari a 4,5 miliardi di euro. Si è trattato in quell’anno di una delle più importanti introduzioni in Europa.

Qual è l’origine e la storia della società Pandora?

La società Pandora è stata creata nel 1982 come piccola gioielleria creativa di Copenaghen. I due fondatori della società hanno poi deciso di importare gioielli di fantasia dalla Thailandia e hanno avuto un grande successo che li ha spinti a lanciarsi nella vendita all’ingrosso. Dopo diversi anni di attività all'ingrosso, i due creatori hanno avviato la loro propria impresa in Thailandia allo scopo di controllare meglio la loro produzione.

Qual è il migliore indicatore tecnico per le azioni Pandora?

Per effettuare una buona analisi tecnica della quotazione delle azioni Pandora, occorre innanzitutto scegliere con cura gli indicatori da utilizzare. In questo caso si potranno scegliere in particolare degli indicatori di tendenza come le medie mobili, le bande di Bollinger e l'indicatore RSI.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com