Le aziende che compongono il CAC 40 nel 2021

  •   HARMANT Adeline

Il CAC 40 è l'indice del mercato azionario nazionale francese, che è composto da 40 azioni separate che cambiano costantemente. Se volete saperne di più sulla composizione precisa di questo indice, vi suggeriamo di scoprire qui l'elenco dettagliato delle società che ne fanno parte e la loro capitalizzazione di mercato, ma anche alcune spiegazioni supplementari per permettervi di capire meglio come si ottiene questa composizione.  

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Le aziende che compongono il CAC 40 nel 2021

Cosa riflette l'indice francese CAC 40?

Prima di tutto, prendiamoci un momento per ricordare cos'è l'indice francese CAC 40. Si tratta di un paniere di 40 aziende francesi. La composizione di questo indice è determinata dalla scelta di 40 società tra le 100 società con il più alto volume di scambio. È anche importante capire che ogni società nell'indice ha una ponderazione predefinita in relazione alla sua capitalizzazione di mercato totale sul mercato NYSE Euronext. È anche importante notare che il peso massimo della capitalizzazione di una singola azione su questo indice di mercato è del 15%.

Naturalmente, i titoli inclusi in questo indice sono selezionati per rappresentare al meglio l'economia francese e provengono quindi da tutti i settori di attività. Questa rappresentatività è importante e richiede quindi un aggiornamento continuo di questa composizione, il che spiega perché, da un anno all'altro, le aziende incluse in questo indice cambieranno.

Più precisamente, è il consiglio scientifico di NYSE Euronext che è responsabile di determinare quali azioni possono entrare o uscire dalla composizione di questo indice. Questo consiglio è composto da esperti indipendenti dall'operatore di borsa per garantire l'obiettività. Una riunione si tiene ogni tre mesi su base permanente, ma anche su base ad hoc quando si verifica un evento finanziario importante, come dopo una fusione tra due società. Come vedremo più in dettaglio in seguito, gli elementi utilizzati per selezionare i titoli inclusi in questo indice sono sia il volume delle transazioni del titolo dell'azienda che la sua rappresentatività nel suo settore di attività.

 

Classifica delle aziende

Per interpretare meglio la composizione dell'indice borsistico CAC 40, bisogna prendere in considerazione la capitalizzazione totale di mercato delle società che compongono l'indice. Ecco l'elenco completo delle società dell'indice dalla più grande alla più piccola capitalizzazione al 12 ottobre 2021:

  • Il gruppo LVMH con una capitalizzazione di mercato totale di 318,96 miliardi di euro
  • Il gruppo L'Oréal con una capitalizzazione di mercato totale di 197,97 miliardi di euro
  • Il gruppo Hermes International con una capitalizzazione di mercato totale di 129,69 miliardi di euro
  • Il gruppo TotalEnergies con una capitalizzazione di mercato totale di 115,39 miliardi di euro
  • Il gruppo Sanofi con una capitalizzazione di mercato totale di 105,99 miliardi di euro
  • Il gruppo Airbus con una capitalizzazione di mercato totale di 88,37 miliardi di euro
  • Il gruppo Kering con una capitalizzazione di mercato totale di 78,72 miliardi di euro
  • Il gruppo Schneider Electric con una capitalizzazione di mercato totale di 78,70 miliardi di euro
  • Il gruppo BNP Paribas con una capitalizzazione di mercato totale di 71,24 miliardi di euro
  • Il gruppo Essilor Luxottica con una capitalizzazione di mercato totale di 70,50 miliardi di euro
  • Il gruppo Air Liquide con una capitalizzazione di mercato totale di 65,22 miliardi di euro
  • Il gruppo Dassault Systems con una capitalizzazione di mercato totale di 58,26 miliardi di euro
  • Il gruppo AXA con una capitalizzazione di mercato totale di 57,74 miliardi di euro
  • Il gruppo Vinci con una capitalizzazione di mercato totale di 53,61 miliardi di euro
  • Il gruppo Stellantis con una capitalizzazione di mercato totale di 52,5 miliardi di euro
  • Il gruppo Pernod Ricard con una capitalizzazione di mercato totale di 51,59 miliardi di euro
  • Il gruppo Safran con una capitalizzazione di mercato totale di 48,19 miliardi di euro
  • Il gruppo Crédit Agricole con una capitalizzazione di mercato totale di 39,06 miliardi di euro
  • Il gruppo Danone con una capitalizzazione di mercato totale di 38,96 miliardi di euro
  • Il gruppo STMicroelectronics con una capitalizzazione di mercato totale di 32,57 miliardi di euro
  • Il gruppo Saint-Gobain con una capitalizzazione di mercato totale di 31,76 miliardi di euro
  • Il gruppo Capgemini con una capitalizzazione di mercato totale di 29,43 miliardi di euro
  • Il gruppo Engie con una capitalizzazione di mercato totale di 28,08 miliardi di euro
  • Il gruppo ArcelorMittal con una capitalizzazione di mercato totale di 25,64 miliardi di euro
  • Il gruppo Orange con una capitalizzazione di mercato totale di 25,05 miliardi di euro
  • Il gruppo Société Générale con una capitalizzazione di mercato totale di 24,05 miliardi di euro
  • Il gruppo Legrand con una capitalizzazione di mercato totale di 23,95 miliardi di euro
  • Il Gruppo Michelin con una capitalizzazione di mercato totale di 23,27 miliardi di euro
  • Il gruppo Eurofins Scientific con una capitalizzazione di mercato totale di 20,39 miliardi di euro
  • Il Gruppo Teleperformance con una capitalizzazione di mercato totale di 19,78 miliardi di euro
  • Il gruppo Worldline con una capitalizzazione di mercato totale di 18,45 miliardi di euro
  • Il Gruppo Veolia con una capitalizzazione di mercato totale di 18,35 miliardi di euro
  • Il gruppo Thales con una capitalizzazione di mercato totale di 17,85 miliardi di euro
  • Il gruppo Publicis con una capitalizzazione di mercato totale di 14,35 miliardi di euro
  • Il gruppo Bouygues con una capitalizzazione di mercato totale di 13,1 miliardi di euro
  • Il gruppo Vivendi con una capitalizzazione di mercato totale di 12,24 miliardi di euro
  • Il gruppo Carrefour con una capitalizzazione di mercato totale di 12,16 miliardi di euro
  • Il gruppo Alstom con una capitalizzazione di mercato totale di 11,42 miliardi di euro
  • Il gruppo Renault con una capitalizzazione di mercato totale di 9,62 miliardi di euro
  • Il gruppo Unibail Rodamco con una capitalizzazione di mercato totale di 8,71 miliardi di euro

Naturalmente, l'elenco che abbiamo appena presentato è destinato a cambiare nel tempo e corrisponde alla composizione di questo indice nell'ottobre 2021.

 

Criteri di selezione

Come spiegato sopra, le 40 società che vengono scelte per essere incluse nel CAC 40 sono selezionate tra le 100 società francesi con i più alti volumi di scambio.

Tuttavia, per essere incluse in questo indice, le società quotate devono ovviamente soddisfare determinate condizioni finanziarie, come la liquidità delle azioni, la capitalizzazione di mercato e un significativo scambio giornaliero di azioni. Bisogna anche notare che il flottante, cioè la proporzione di azioni della società che possono essere scambiate sul mercato, è anche un criterio preso in considerazione in questa decisione. Infatti, il peso di una società nell'indice sarà proporzionale al suo flottante.

Naturalmente, una volta che tutti questi criteri sono stati stabiliti, è il consiglio di esperti che è responsabile di modificare o meno la composizione dell'indice ogni tre mesi. Quando una società lascia il CAC 40, è logicamente sostituita da un'altra, che è più spesso scelta dall'indice CAC Next 20.

Storicamente, alcuni titoli sono stati inclusi in questo indice dalla sua creazione nel 1987. Questi includono Air Liquide, Carrefour, Danone, L'Oréal, LVMH, Michelin, Saint-Gobain, Sanofi, Société Générale e Vivendi.

 

Possiamo fare affidamento sul CAC 40 per analizzare la salute dell'economia francese?

In realtà, il CAC 40 non è un vero riflesso dell'economia francese perché alcuni settori sono sovrarappresentati. Questo è particolarmente vero per il settore finanziario, che da solo rappresenta quasi il 16% dell'indice, e il settore dei beni di lusso, che rappresenta l'11,4% dell'indice CAC 40.

Vale anche la pena notare che la stragrande maggioranza delle 40 aziende che compongono questo indice sono anche multinazionali che generano una gran parte del loro fatturato al di fuori del mercato francese. Per esempio, Sanofi e Total generano solo un quarto del loro fatturato in Europa occidentale e solo il 10% al massimo in Francia. Questo è anche il caso di LVMH e L'Oréal, che sono anche due pesi massimi in questo indice e che generano solo meno del 12% del loro fatturato in Francia. Tuttavia, queste aziende hanno un peso molto alto nel calcolo dell'indice borsistico CAC 40, che non riflette realmente l'economia francese in quanto tale.

Tuttavia, è interessante conoscere questi titoli perché è possibile scambiarli individualmente online su una piattaforma di trading CFD.

Domande frequenti

Quali aziende sono state incluse nel CAC 40 dalla sua creazione?

Ci sono diverse società francesi che fanno parte dell'indice borsistico CAC 40 dalla sua creazione. Questi includono Air Liquide, Bouygues, Carrefour, BNP Paribas, Essilor, l'Oréal, Legrand, ilOréal, Legrand, LVMH, Michelin, Pernod Ricard, Saint-Gobain, Sanofi e Société Générale.

Quando viene rivista la composizione dell'indice borsistico CAC 40?

La composizione dell'indice borsistico CAC 40 è rivisto ogni trimestre da un comitato di esperti al fine di rimanere rappresentativo del mercato finanziario francese in termini di capitalizzazione fluttuante e volumi di scambio. Quando una società non è più quotata, viene sostituita da uno dei titoli CAC Next 20 e soddisfa i requisiti finanziari per la quotazione sul CAC 40 in termini di liquidità, capitalizzazione, volumi di scambio giornalieri ecc.

Qual è stato il massimo storico dell'indice CAC 40?

Il CAC 40 ha raggiunto il suo massimo storico il 4 settembre 2000 con 6.944,77 punti durante la sessione e grazie alla bolla speculativa dei titoli di telecomunicazioni, media e tecnologia. Ma è rapidamente sceso a 2.401,15 punti il 12 marzo 2003, il livello più basso dal 1997, soprattutto a causa della sovraccapacità produttiva in Europa e negli Stati Uniti.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com