Carrefour e Tesco terminano l'alleanza d'acquisto

  •   Le 11/06/2021 à 12h40
  •   DEHOUI Lionel

L'alleanza d'acquisto tra Carrefour e Tesco UK è stata stabilita nel 2018. Finirà a dicembre e non sarà rinnovato. Si tratta di una partnership che si concentra sull'acquisto di gruppo di etichette private.

Il 67% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro

I due concorrenti sono di nuovo liberi

Carrefour e il rivenditore britannico Tesco hanno appena annunciato che hanno deciso di non estendere l'alleanza d'acquisto oltre il quadro operativo. Questo è per tre anni come concordato nel 2018 e terminerà ufficialmente il 31 dicembre 2021. L'alleanza si concentra principalmente sull'acquisto in gruppo di prodotti per le proprie marche.

Si concentra anche sugli acquisti fuori mercato (attrezzature per negozi, ecc.) e sulle vendite di servizi. Le due società hanno detto in una dichiarazione che hanno beneficiato di varie opportunità di acquisto congiunto nelle categorie alimentari e non alimentari negli ultimi tre anni.

Inoltre, si sono assicurati nuovi fornitori, nuovo sourcing e nuovi servizi. Tuttavia, per il futuro, entrambe le aziende hanno concordato di continuare questo lavoro in modo indipendente. In particolare, si baseranno sull'esperienza e sui progressi fatti durante l'attuazione dell'alleanza.

 

Un'alleanza sottoposta al vaglio dell'Autorità della concorrenza

L'anno scorso, l'Autorità per la concorrenza si è interessata alla sezione delle private label dell'alleanza. Di conseguenza, un'indagine sull'alleanza ha rivelato problemi di concorrenza. Le autorità francesi erano preoccupate soprattutto per il rischio di indebolimento dei fornitori.

Di conseguenza, data la situazione, Carrefour e Tesco hanno proposto di eliminare diverse famiglie di frutta e verdura dal campo di applicazione dell'accordo. Hanno anche proposto di limitare l'acquisto congiunto di alcuni prodotti. Ma, fino alla fine di quest'anno, i due partner non hanno specificato se le restrizioni normative erano la ragione della loro decisione.

Né hanno indicato se c'erano altre ragioni per sospendere la cooperazione. Da parte sua, le autorità della concorrenza temevano che l'accordo tra questi gruppi, sui loro marchi, avrebbe portato all'omogeneizzazione di questi prodotti, riducendo così la concorrenza tra loro.

 

Carrefour firma una nuova partnership

Infatti, anche Casino, Metro, Auchan e Schiever hanno vissuto la stessa situazione. Hanno anche dovuto ridurre la portata del loro accordo per evitare qualsiasi rischio di danno alla concorrenza. Più tardi, Casino ha annunciato la fine dell'alleanza per concluderne una nuova con Intermarché. Il nuovo accordo durerà cinque anni e coprirà i prodotti acquistati dai principali produttori internazionali.

Andando nella stessa direzione, Carrefour ha annunciato un mese fa di aver stipulato una nuova partnership di distribuzione per i propri marchi. L'accordo è stato concluso con Coop Nordics e i marchi privati possono ora essere venduti nei suoi negozi.

Il partenariato è stato firmato da Carrefour Partenariat International e Coop Trading, nonché da quattro delle sue filiali. Questi ultimi sono quelli situati in Finlandia (SOK Group), Danimarca (Coop Danimarca), Norvegia (Coop Norvegia) e Svezia (Coop Svezia). L'accordo permetterà a questi affiliati di acquistare le private label di Carrefour. L'accordo copre sia le forniture alimentari che quelle non alimentari.