Capitalizzazione, dividendi, fatturato e risultati di Shell nel 2020

  •   DEHOUI Lionel

Fondata nel 1890, Shell è una società olandese attiva nella produzione e distribuzione di petrolio e gas naturale. Nel 2020, il gruppo è stato pesantemente colpito dalla pandemia di Covid-19. La crisi sanitaria ha portato a un lungo periodo di basso consumo di petrolio e gas. Di conseguenza, l'azienda ha subito enormi perdite per tutto l'anno.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Capitalizzazione, dividendi, fatturato e risultati di Shell nel 2020
Immagine: DennisM2 - Flickr

Impatto della pandemia sul settore petrolifero nel 2020

L'anno 2020 è stato segnato dalla crisi sanitaria Covid-19. Questa crisi ha sconvolto gli affari in diversi settori in tutto il mondo. Il settore del petrolio e del gas non è stato risparmiato da questa realtà. In effetti, la pandemia ha causato un crollo dei prezzi e svalutazioni massicce.

Durante il contenimento iniziale in primavera, i prezzi del petrolio sono scesi bruscamente. Sono scesi ai livelli più bassi mai registrati. All'inizio di aprile, sono anche andati in territorio negativo per un breve periodo.

Dall'autunno in poi, la situazione è leggermente migliorata. I prezzi del petrolio si sono ripresi. Sono risaliti verso i 50 dollari. Tuttavia, non hanno potuto raggiungere il loro livello all'inizio del 2020.

Inoltre, l'epidemia di coronavirus ha avuto un grande impatto sul mercato del petrolio nel 2020. I principali attori del settore non hanno avuto altra scelta che conformarsi alle realtà del momento. Così, sono stati costretti ad adattarsi ai prezzi bassi, causando una revisione al ribasso dei loro valori patrimoniali.

 

Di nuovo in verde nel terzo trimestre del 2020

Nonostante il continuo impatto della pandemia Covid-19 sul settore petrolifero, il gruppo Shell ha riportato risultati migliori del previsto nel terzo trimestre del 2020. Dopo aver registrato una perdita (di oltre 18 miliardi di dollari) nel Q2, la compagnia petrolifera ha visto i suoi conti tornare in attivo alla fine del Q3-2020.

Per l'intero periodo, la società ha registrato un utile netto di 489 milioni di dollari, rispetto ai 5,9 miliardi di dollari dello stesso periodo dell'anno precedente. Durante questo trimestre, il gruppo petrolifero ha beneficiato dell'andamento positivo dei prezzi del greggio. Tuttavia, questi prezzi sono rimasti ben al di sotto di quelli dell'anno precedente.

D'altra parte, il mercato del petrolio ha registrato un rimbalzo dei prezzi da marzo 2020. Nonostante questo, è rimasto depresso a causa della bassa domanda di petrolio. Questo è dovuto all'impatto economico della pandemia. Allo stesso tempo, l'offerta è stata così abbondante che i paesi OPEC e i suoi partner hanno scelto di tagliare la produzione per sostenere i prezzi.

Nel terzo trimestre del 2020, il gruppo Shell ha visto la sua produzione di petrolio scendere del 14% su base annua a 3,1 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno. Questa cifra riflette la debole domanda di oro nero in questo periodo.

 

L'attività del gruppo cala nel 4° trimestre 2020

Durante il quarto trimestre del 2020, il gruppo Royal Dutch Shell ha visto la sua attività diminuire a causa della debole domanda di petrolio e di gas naturale liquefatto. È stata anche colpita da una produzione e da margini di raffinazione più bassi. Questa situazione ha penalizzato l'intero settore petrolifero durante gli ultimi tre mesi di quest'anno.

In questo difficile contesto, il gigante degli idrocarburi è stato costretto a limitare la sua produzione. Questo ha logicamente influenzato i suoi risultati per il Q4-2020. In effetti, in tutto questo trimestre, la compagnia petrolifera anglo-olandese ha subito una perdita netta di 4,01 miliardi di dollari.

Un anno prima, nello stesso periodo, l'azienda aveva realizzato un profitto di 965 milioni di dollari. Nell'ultimo trimestre dell'esercizio 2020, la società ha registrato un utile netto rettificato (un parametro di riferimento del settore) di 393 milioni di dollari, rispetto ai 955 milioni di dollari del Q4-2019. Questo è in calo dell'87% rispetto all'anno precedente.

Il mercato si aspettava un utile netto rettificato di 597 milioni di dollari nel trimestre.

 

Perdita netta dell'intero anno 2020

Per i dodici mesi dell'anno fiscale 2020, il gruppo Shell ha registrato un utile rettificato di 4,8 miliardi di dollari. Questo era il 71% in meno rispetto all'anno precedente. Ha anche raggiunto il livello più basso dal 2000. Una delle ragioni di questo forte calo è stato il calo del consumo di energia dovuto alla pandemia di Covid-19.

Per tutto il 2020, la compagnia petrolifera ha registrato una perdita netta di 21,7 miliardi di dollari. Ciò è stato dovuto principalmente alla caduta dei prezzi e alla massiccia svalutazione dovuta all'impatto dell'epidemia di coronavirus. Come promemoria, un anno prima, il gruppo aveva registrato un utile netto di 15,8 miliardi di dollari.

 

Sulle misure adottate dal gruppo

Di fronte alla difficile situazione del mercato del petrolio in quel periodo, il gruppo Shell fu costretto ad adottare misure forti. L'azienda anglo-olandese ha dovuto effettuare una grande ristrutturazione. Questo permetterà all'azienda di adattarsi ai prezzi più bassi.

Inoltre, questo piano dovrebbe aiutare l'azienda a realizzare la sua ambizione di "rendere verdi" le sue attività e raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Inoltre, il gruppo è particolarmente concentrato sulla riduzione drastica dei suoi costi. Per raggiungere questo obiettivo, dovrà tagliare da 7.000 a 9.000 posti di lavoro entro il 2022.

D'altra parte, il gigante del petrolio e del gas ha sospeso il suo importante programma di riacquisto di azioni. In un annuncio fatto alla fine di marzo 2020, il gruppo petrolifero aveva espresso l'intenzione di ridurre le sue spese di capitale a 20 miliardi di dollari, una riduzione di 5 miliardi di dollari.

 

Dividendo e capitalizzazione di mercato di Shell nel 2020

Il gruppo Shell ha pagato dividendi agli azionisti senza interruzione per 16 anni. Ecco i dettagli dei dividendi distribuiti nel 2020 con le date di stacco dei dividendi.

  • 0,166 per azione: 12 novembre 2020
  • 0,135 per azione: 13 agosto 2020
  • 0,142 per azione: 14 maggio 2020
  • 0,419 per azione: 13 febbraio 2020.

Inoltre, le azioni Shell sono quotate sia all'Euronext Amsterdam che al LSE e sono incluse nel calcolo degli indici AMX e FTSE 100. Nel 2020, la sua capitalizzazione di mercato è stata stimata a 136.231 miliardi di euro.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com