Capitalizzazione, dividendi, fatturato e risultati di Eni nel 2020

  •   DEHOUI Lionel

Fondata nel 1953, Eni è una società italiana di petrolio e gas con sede a Roma. Il gruppo è una delle principali compagnie petrolifere del mondo. È presente in 68 paesi e ha circa 31.400 dipendenti in tutto il mondo. L'azienda è stata anche colpita dalla crisi sanitaria del Covid-19 che ha colpito l'intero settore energetico nel 2020. Ecco i punti principali da ricordare sui risultati annuali dell'anno.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Capitalizzazione, dividendi, fatturato e risultati di Eni nel 2020
Immagine: Luca Mascaro

Settore energetico colpito da Covid-19 nel 2020

L'anno 2020 è stato segnato dalla pandemia di Covid-19. Questa epidemia ha avuto un grande impatto sulle attività economiche di tutto il mondo. Diversi settori di attività hanno sperimentato un calo notevole durante quest'anno. Il settore energetico rimane uno dei più colpiti dalla crisi sanitaria.

Per l'industria energetica, questo è l'anno più difficile della sua storia. La pandemia di Covid-19 ha portato a un crollo del consumo di petrolio e gas. Una situazione che ha colpito pesantemente l'intero settore energetico per tutto il 2020. Per gran parte di questo periodo di 12 mesi, l'economia globale ha subito un forte calo.

 

Attività in calo nel 2020

Per l'anno 2020, il fatturato annuo del gruppo Eni ha raggiunto i 43,98 miliardi di euro. È sceso del 37% su base annua. Questo calo è quindi più pronunciato di quello previsto dal mercato, che puntava a un fatturato di circa 55,88 miliardi di euro per quest'anno.

Per l'anno 2020 nel suo complesso, l'azienda ha registrato una perdita abissale di 8,56 miliardi di euro. Ciò è dovuto principalmente alla caduta dei prezzi del petrolio e del gas causata dalla pandemia del coronavirus. Anche qui, l'azienda non è riuscita a soddisfare le aspettative del mercato. Questa performance è peggiore del previsto.

Infatti, il mercato puntava a una perdita di 7,57 miliardi di euro per l'esercizio 2020. Come promemoria, per l'anno 2019, il gigante italiano degli idrocarburi aveva registrato un utile di 148 milioni di euro. Nel Q4-2020, ha subito una perdita netta di 725 milioni di euro. Questo era il trimestre in cui l'economia globale si era ripresa da periodi di stretto contenimento.

Inoltre, la perdita netta del quarto trimestre del 2020 è diminuita rispetto al livello dello stesso periodo dell'anno fiscale 2019. All'epoca, il gruppo aveva registrato un deficit di 1,89 miliardi di euro. Inoltre, per tutto il 2020, Eni ha registrato una perdita netta rettificata di 742 milioni di euro.

Questo è infatti un indicatore che è molto sondato dai mercati. Infatti, non tiene conto degli elementi eccezionali. Nel Q4-2020, il risultato rettificato è stato positivo. L'azienda ha superato le aspettative con un piccolo profitto di 66 milioni di euro.

 

Prezzi del petrolio Brent più bassi nel 2020

Nei dodici mesi dell'esercizio 2020, la produzione di idrocarburi è scesa del 7% a 1,73 milioni di barili al giorno (mbd). Tuttavia, questa performance è in linea con gli obiettivi dell'azienda. Inoltre, il prezzo del petrolio Brent è un punto di riferimento per il mercato del petrolio.

Nel corso dell'anno 2020, è diminuito del 35%. Va notato che i prezzi del petrolio avevano raggiunto livelli più bassi dopo i primi confinamenti in primavera. Peggio ancora, all'inizio di aprile, si sono spostati (per un breve periodo) in territorio negativo.

 

Riduzione dei costi

Nel corso del 2020, i grandi attori del settore petrolifero hanno fatto enormi perdite. Il gruppo americano ha registrato una perdita di 22,4 miliardi di dollari. Royal Dutch Shell segue con una perdita di 21,7 miliardi di dollari.

Il gruppo Total ha registrato una perdita di 20,3 miliardi di dollari nel 2020. Le perdite della BP e della Chevron sono state rispettivamente di 7,2 e 5,5 miliardi di dollari. Si tratta di performance mai registrate prima. Per diversi anni, questi attori chiave avevano sempre sedotto gli investitori con profitti che raggiungevano i miliardi di dollari.

In questo difficile contesto, il gruppo Eni ha dimostrato grande forza. Ha anche dimostrato una notevole flessibilità. Questo gli ha permesso di adattarsi rapidamente a questo contesto senza precedenti segnato dalla crisi sanitaria del coronavirus. Nel luglio 2020, l'azienda ha annunciato la sua ambizione di ridurre i suoi investimenti del 35% durante quest'anno.

Questa riduzione è principalmente rivolta alle attività di esplorazione e produzione (upstream). Nel 2020, l'azienda ha anche previsto di lanciare un piano di risparmio dei costi stimato in 1,4 miliardi di euro.

 

L'obiettivo della neutralità del carbonio

Come tutti i grandi attori del settore energetico, il gruppo Eni ha dovuto affrontare una forte pressione per rivedere il suo modello. Ciò è dovuto in particolare alla crisi climatica e al calo della domanda di idrocarburi, penalizzata dall'epidemia di coronavirus.

L'azienda italiana conta su un rafforzamento dello sviluppo delle attività di energia rinnovabile. Questa prospettiva è sostenuta dall'idea del gruppo che non c'è un domani migliore per le aziende che operano esclusivamente nel settore del petrolio e del gas.

Per esempio, nel dicembre 2020, la società ha annunciato l'acquisto di una quota del 20% del progetto tra il gruppo norvegese Equinor e la società britannica SSE. Lo scopo di questo progetto è quello di costruire (al largo della costa del Regno Unito) il più grande parco eolico offshore del mondo.

Inoltre, il gigante italiano del petrolio e del gas ha preso un forte impegno per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050, riducendo le emissioni nette di gas serra dei suoi prodotti energetici dell'80%. Mira quindi a superare la soglia del 70% definita dall'AIE (Agenzia Internazionale dell'Energia).

Anche l'italiana Eni prevede di raggiungere la neutralità del carbonio nel settore upstream (produzione ed esplorazione) entro il 2030. Così, ha iniziato ad accelerare la sua transizione energetica. Per raggiungere i suoi obiettivi, l'azienda prevede di aumentare la capacità delle sue bioraffinerie entro il 2024.

Conta anche su un forte uso del biogas. Il gruppo mira anche a riciclare i suoi prodotti e intende utilizzare la cattura del carbonio.

 

Dividendo e capitalizzazione di mercato di Eni nel 2020

Negli ultimi 19 anni, il gruppo Eni ha regolarmente pagato dividendi ai suoi azionisti. Per l'esercizio 2020, il consiglio di amministrazione della società ha deciso di pagare un dividendo di 0,43 euro per azione. Va anche notato che la società aveva preso la decisione di distribuire un acconto sul dividendo per il 2021 (relativo all'esercizio 2020) di 0,12 euro per azione.

È stato pagato il 23 settembre 2020. Inoltre, Eni è presente sui mercati azionari. Nel 2020, aveva una capitalizzazione di mercato di 30,53 miliardi di euro.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com