Il CAC 40 rimane in calo, appesantito dal settore petrolifero e automobilistico

  •   Le 12/02/2020 à 10h23
  •   DEHOUI Lionel

Le aspettative erano elevate, così come le richieste del mercato per il CAC40. Gli sforzi sono stati fatti da tutti gli attori e in tutti i settori, ma il CAC40 è ancora oggi in rosso. Il motivo: l'olio e le auto non hanno fatto un regalo. Tutti i mercati europei puntano a diventare verdi limitando il loro declino. Ma l'obiettivo non è ancora stato raggiunto, mentre Tesla ha raggiunto gli 800 dollari con un lodevole rimbalzo del 6%. Il Nasdaq ha approfittato di questo rimbalzo per battere un nuovo record, raggiungendo i 9.580.    

Trattate sul CAC 40 da subito!
76.4% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Il CAC 40 rimane in calo, appesantito dal settore petrolifero e automobilistico

Aumento del mercato azionario di Wall Street

I numeri di Wall Street sono passati da valori negativi a quote crescenti. Stiamo parlando di un +0,5% sul Nasdaq e di un +0,3% sul Dow Jones. Intorno alle 15.30, enormi minacce pesavano sui 6.000 punti della borsa di Parigi, che alla fine è uscita dalla situazione crollando di -0,23% a 6.016 punti. Questa è una buona notizia, perché è riuscita a preservare il suo famoso altopiano. Stamattina presto, le squadre di Kiplink hanno sottolineato che "la rottura dei 5.970 punti porterebbe a una continuazione della caduta sui 5.924 punti e sui 5.890 punti in linea di vista".

 

Euro Stoxx 50: all'1% delle sue prestazioni

Tutti gli attori dell'economia hanno immaginato il peggio per l'Euro Stroxx 50. L'Euro Stroxx 50 è sceso all'1% dei suoi minimi assoluti record di -0,15% ed è di circa 3,793 punti. C'era più paura che danno. Inoltre, l'evoluzione della situazione economica in Cina rassicura oggi gli investitori. In effetti, il coronavirus avrebbe superato il suo picco secondo le dichiarazioni delle autorità cinesi, ma questo nella provincia di Huebei dal 6 febbraio. Va notato che il governo di questo paese non comprende più semplici casi di contaminazione. Durante le valutazioni vengono presi in considerazione solo i casi di malattia dichiarati dalla perizia di un medico. Successivamente, altri 88 milioni di cinesi sono in isolamento dopo le misure di quarantena. Questi sono stati annunciati il giorno prima del fine settimana.

Le attività di febbraio ed eventualmente di marzo potrebbero essere significativamente influenzate dalla crisi del coronavirus. Tutti gli attori del mercato borsistico si concentrano sulla valutazione delle conseguenze economiche. Per il direttore del dipartimento di ricerca economica del Gruppo BNP Paribas, "La vera domanda è se in aprile apparirà una ripresa nei sondaggi. In caso contrario, possiamo temere un impatto più duraturo dell'epidemia sull'economia". Conclude: "che aprirebbe la strada a uno scenario di recupero a forma di U".

Attualmente, i dati del PIL del quarto trimestre di Gran Bretagna e Germania sono seguiti molto da vicino dagli investitori, in quanto potrebbero evitare per un pelo una situazione di contrazione. L'Europa nel suo complesso continua a piangere la perdita in borsa di gennaio (da 7,6 a 5,2). Gli investitori sono molto ottimisti sulla caduta dell'Euro. Tuttavia, i tassi lunghi si stanno allentando attraverso i -3,5% punti osservati sui Bund a -0,417% e il -3,7% sull'OAT a -0,171. Il NYMEX è vicino ai 50 dollari con -1,3% a 49,7 dollari e Londra ha visto una breccia nel suo piano annuale (54 dollari). Resta inteso che la discesa del petrolio è ripresa con un -1,5%, mentre l'Euro continua a spingere nuovi minimi annuali. Si segnala che il prezzo al barile è in caduta libera con Vallourec -2,3%, TechnipFMC -3,7% e Total -1,5%.

 

Il settore automobilistico ha raggiunto

Si noti che la azione Peugeot con -2,3% scende a 19 euro, mentre la azione Renault con -2% ritorna ai suoi minimi annuali di 10 anni fa. Tendente verso una grande transizione, il settore dell'auto sta attirando l'attenzione sulle sue difficoltà attraverso gli annunci della Daimler che, secondo Handelsblatt, potrebbero porre fine a 15.000 posti di lavoro. Ricordate che il gruppo aveva in programma di ridurre i propri investitori nell'ultimo piano di ristrutturazione che ha tenuto conto di un totale di 10.000 posti di lavoro in tutto il mondo.

Tuttavia, il traffico passeggeri è in crescita, lasciando il 2,7% a gennaio, con un netto aumento della capacità del 2,3. Il fattore di carico è stato quindi migliorato di 0,3 punti all'86,1%. Questa è la realtà del mondo dell'automobile. In altre parole, la crisi non risparmia alcun settore di attività. Ma una transazione attira tutta l'attenzione. AXA e UNIQA Insurance Group stanno raggiungendo un accordo che potrebbe portare all'acquisizione delle attività della prima in Repubblica Ceca dalla seconda. Questo accordo comprende anche le operazioni in Polonia e Slovacchia, con l'applicazione di tutte le autorizzazioni in regola alle condizioni abituali. Si svolgerà nel 4° trimestre di questo nuovo anno 2020.