Valutazione in corso e nessuna data di ritorno in servizio :

Nel comunicato stampa di questa mattina, la Boeing spiega che sta valutando continuamente i suoi piani di produzione in caso di arresto prolungato di questo aereo, che è rimasto a terra dal mese di marzo senza che in questo momento sia stata menzionata alcuna data di rientro in servizio. Senza questo comunicato stampa, il gruppo afferma: "A seguito di questa valutazione in corso, abbiamo deciso di dare priorità alla consegna degli aerei immagazzinati e di sospendere temporaneamente la produzione del programma 737 a partire dal mese prossimo".

Il gruppo non ha spiegato per quanto tempo ancora potrà durare questa sospensione della produzione, ma ha anche dichiarato che l'impatto finanziario della sospensione sarà reso noto al momento della pubblicazione dei risultati annuali, prevista per la fine di gennaio. Aggiunge che questa situazione non dà luogo a piani di riduzione dei posti di lavoro per il momento, anche se questa decisione rischia di perturbare la riorganizzazione del suo personale e dovrà quindi riguardare direttamente i suoi subappaltatori. Infatti, la produzione del 737 Max a Renton, vicino a Seattle negli Stati Uniti, impiega più di 12.000 persone.

Il gruppo specifica quindi che alcuni dei suoi dipendenti continueranno a lavorare sul 737 e altri saranno riassegnati ad altri siti situati nella stessa regione. Da parte sua, lo IAM o il Syndicat des Machinistes et Ouvriers de l'Aérospatial non ha ricevuto alcun dettaglio relativo a questi trasferimenti.

 

Una decisione consapevole presa dal gruppo:

Boeing ha anche commentato l'annuncio di questa mattina, dicendo: "Riteniamo che questa decisione sia la meno pregiudizievole per la manutenzione a lungo termine del sistema produttivo e per la salute della catena di fornitura".

La decisione di fermare questa produzione è stata presa lunedì durante il Consiglio di Amministrazione del Gruppo e si basa su diversi fattori, tra cui l'incertezza sulla data di rientro in servizio del velivolo e le approvazioni per l'addestramento dei piloti in tutto il mondo. Ha detto: "Continueremo a valutare i nostri progressi verso il ritorno al servizio (di MAX) e prenderemo decisioni sulla ripresa della produzione e delle consegne di conseguenza.

Boeing ha inoltre dichiarato che il ritorno sicuro del 737 Max in servizio rimane la sua priorità assoluta.