Analisi delle azioni Unieuro

Se siete interessati alle azioni della società italiana Unieuro, forse volete saperne un po’ di più a proposito di questa azienda per essere in grado di analizzarne in maniera efficace la quotazione e prevedere le future variazioni. È quanto vi proponiamo di fare ora con un articolo interamente dedicato a questo valore in cui troverete in particolare una presentazione dettagliata di questo gruppo e delle sue attività, una presentazione dei suoi principali concorrenti in Italia nonché un richiamo agli avvenimenti economici e finanziari che hanno segnato la sua storia. Potrete ovviamente anche consultare la quotazione in diretta di questo valore e troverete inoltre alcuni dati borsistici generali.  

66% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

 

Le azioni Unieuro in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 228 milioni di euro
  • Numero di titoli: 20.000.000
  • Piazza di quotazione: Borsa di Milano
  • Mercato: Non comunicato
  • Indice: FTSE MIB
  • Settore di attività: Informatica ed elettronica

 

L’attività della società Unieuro

Per iniziare questo articolo dedicato alle azioni Unieuro, vi proponiamo prima di tutto una rapida presentazione di questa impresa. Conoscere bene e con precisione le attività svolte dall’azienda vi aiuterà infatti a comprendere come questa possa evolvere negli anni a venire e quindi se sia in grado o meno di attirare degli investitori.

La società Unieuro Spa è un’impresa italiana specializzata nel settore di attività della produzione e vendita di materiale informatico ed elettronico per il mercato consumer. Va comunque notato che il gruppo concentra le sue attività soprattutto sulla filiera dell’elettronica consumer e degli elettrodomestici.

Per commercializzare i suoi prodotti Unieuro dispone di una vastissima rete di distribuzione ed è infatti alla testa di oltre 470 negozi distribuiti in tutto il territorio italiano. Di questi punti vendita circa 180 sono negozi di vendita diretta e circa 300 sono negozi affiliati. Unieuro commercializza i suoi prodotti anche tramite il suo sito e-commerce unieuro.it.

Tra i numerosi prodotti commercializzati da Unieuro si trovano in particolare telefoni mobili, videogiochi, occhiali 3D, computer portatili, lavatrici, tablet, frigoriferi, diffusori audio, robot aspirapolvere, videocamere, sistemi di navigazione, home cinema, consolle di gioco, condizionatori, fotocamere, piani di cottura, orologi connessi, schermi e televisori, laser multifunzione, generatori di vapore, lavastoviglie e asciugatrici.

 

Conoscere la concorrenza del gruppo Unieuro

Le aziende italiane specializzate nello stesso settore di attività di Unieuro sono piuttosto rare se non inesistenti. Si possono quantomeno prendere in considerazione alcuni avversari indiretti come la società Ubaldi che non è però veramente in competizione con Unieuro perché si posiziona soprattutto nel segmento low cost di questo settore.

Tuttavia, un altro grande gruppo straniero occupa una posizione importante nel mercato dell’elettronica e degli elettrodomestici consumer in Italia. Si tratta dell’impresa francese Fnac Darty che dovete conoscere alla perfezione prima di analizzare il valore Unieuro. Si tratta attualmente del numero uno della distribuzione di prodotti informatici e elettronici consumer in Europa e propone in particolare numerosi prodotti simili a quelli distribuiti da Unieuro fra cui videogiochi, computer, tablet, telefoni e consolle. Questo gruppo commercializza anche altri apparecchi elettronici e high-tech come televisori, fotocamere e altro.

Fnac Darty propone inoltre la vendita di elettrodomestici consumer tramite i propri negozi omonimi e raggiunge in tal modo il mercato europeo nel suo complesso. Per via dei mezzi di cui dispone è quindi in grado di rappresentare una reale minaccia per Unieuro e deve quindi essere preso sul serio.

 

Storico economico e finanziario della società Unieuro

La buona conoscenza delle attività e della concorrenza di Unieuro è indispensabile prima di cominciare ad analizzare e trattare questo valore ma è altrettanto opportuno conoscere la storia di questa impresa per individuare gli avvenimenti importanti che hanno influito sulla sua quotazione nel passato. Ecco quindi un rapido richiamo allo storico economico e finanziario di questa azienda italiana.

La creazione della società Unieuro risale al 1967, anno in cui Paolo Farinetti ha creato in un magazzino il supermercato omonimo che commercializzava all’epoca vestiti e biancheria per la casa. Il nome Unieuro prende ispirazione dall’europeista Altiero Spinelli che aspirava ad un mercato unico con l’unione degli Stati europei.

Tuttavia, la vera storia di Unieuro comincia negli anni ’70 quando l’azienda comincia a proporre elettrodomestici tramite un catalogo. Nel 1978, Oscar, figlio del fondatore dell’impresa, diventa presidente di Unieuro ed è all’origine dello sviluppo dei primissimi magazzini dedicati unicamente alla casa e agli elettrodomestici che vedono la luce nel 1986. Questi magazzini sono riconoscibili per il logo realizzato con il carattere Futura italico, bianco su fondo blu e con un punto rosso sulla lettera i.

Nel 1995 Unieuro acquista il marchio Trony e consolida così la sua espansione soprattutto mettendo in opera un sistema di franchising che gli permette di diventare una grande catena di vendita al dettaglio specializzata nel settore dell’elettronica presente su tutto il territorio nazionale.

Nel 2001 il gruppo fa ancora parlare di sé diffondendo delle pubblicità televisive che mettono in scena il poeta Tonino Guerra che recita lo slogan “L’ottimismo è il profumo della vita”.

Nel 2003 la società Unieuro viene infine venduta alle società inglesi di Dixons Retail ma Oscar Farinetti crea, grazie agli utili di questa operazione, una nuova catena di distribuzione, questa volta nel settore alimentare, chiamata Eataly.

Nel 2009 la nuova direzione alla testa del gruppo Unieuro decide di rendere la marca più contemporanea e moderna concentrandosi maggiormente sull’aspetto tecnologico dei prodotti proposti. L’agenzia Nascent Design assume l’incarico di cambiare lo stile del marchio e crea nel 2010 il logo a lettere minuscole con un carattere appositamente creato e il testo associato “Tech Superstore” che viene poi eliminato nel 2012. La “i” inclinata e il suo puntino rosso rimangono un elemento distintivo primario del nuovo logo e rappresentano il dinamismo del marchio.

Nel 2013 il gruppo Dixons sottoscrive con il gruppo SGM distribuzione, che svolge le proprie attività sotto il marchio Marcopolo Expert, un accordo nel quadro della vendita e della fusione di quest’ultimo con Unieuro. Unieuro diventa così il secondo più grande gruppo italiano del settore dell’elettronica consumer.

Nel 2014 il gruppo procede ad un rifacimento della propria identità che viene questa volta affidato a Future Brand Italy. La nuova strategia di comunicazione parte dal progetto di un nuovo marchio che esprima dei valori positivi di posizionamento. A poco a poco tutti i punti vendita del marchio vengono rinnovati. In termini di cambiamenti visibili, si nota che la “u” di Unieuro somiglia a un cuore per raffigurare la passione e l’unione di due realtà. Per quanto riguarda i colori, sono quelli delle due entità all’origine del gruppo ovvero il blu di Unieuro e l’arancione di Marcopolo. Questa importante operazione è stata ovviamente promossa tramite una campagna di comunicazione di dimensioni appropriate. Unieuro è poi diventata una delle più grandi catene di elettronica ed elettrodomestici consumer del paese con un numero di punti vendita sempre crescente.

 

Alcuni consigli per analizzare la quotazione delle azioni Unieuro

Per realizzare una buona analisi della quotazione delle azioni Unieuro e mettere in opera una strategia precisa su questo valore vi consigliamo di realizzare sia una buona analisi tecnica che una buona analisi fondamentale.

Per l’analisi fondamentale dovrete studiare sia gli attuali punti di forza del gruppo che le sue debolezze, il livello di concorrenza del settore e le minacce e le opportunità che potrebbero influenzare l’evoluzione del prezzo di questo attivo.

Le notizie di attualità andranno ovviamente seguite con interesse prendendo in considerazione in particolare tutti gli annunci di partenariato e le operazioni di acquisto o di fusione nonché i risultati finanziari del gruppo, le comunicazioni strategiche e il raggiungimento degli obiettivi fissati. Infine, sarà da seguire l’evoluzione dei consumi in questo settore in Italia per prevedere l’evoluzione delle attività del gruppo.

Per l’analisi tecnica, troverete tutti gli indicatori necessari nei grafici online dei broker.

 

Valutazione: 5.00 1 voti

Fare trading sulle azioni italiane con i CFD online

Fate trading su moltissime azioni italiane di qualità direttamente da casa vostra raggiungendo una piattaforma di trading di CFD online e profittate di numerosi strumenti di supporto all’analisi e alla decisione.

Inizia a fare trading online!
66% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.