Analisi n. 1

Per quanto riguarda le opportunità, si attende in particolare di osservare le ricadute economiche della joint-venture creata con il marchio Polo Ralph Lauren. Andranno anche seguite le altre aziende del gruppo Richemont come il marchio Montblanc che dovrebbe continuare a guadagnare in fama e redditività. Infine, nei prossimi tempi il gruppo Richemont potrebbe raddoppiare gli sforzi per riuscire a posizionarsi sui mercati emergenti. Va da sé che questo obiettivo è una delle priorità dell’azienda per gli anni a venire.

Analisi n. 2

Per quanto riguarda le minacce che possono pesare sul futuro di Richemont andrà presa in considerazione la concorrenza sempre più forte, soprattutto da parte del gruppo LVMH che punta sulla sua immagine di marca per differenziarsi e guadagnare delle quote di mercato. In risposta a questa concorrenza aggressiva Richemont dovrà investire ulteriormente nella promozione del suo marchio per mantenere la propria immagine presso il pubblico.

Analisi n. 3

Infine, tanto quanto i suoi concorrenti, Richemont deve trovare delle soluzioni per combattere le contraffazioni, sempre più numerose nel settore del lusso, che rappresentano delle perdite importanti per il gruppo e possono nuocere alla sua immagine.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

A proposito del gruppo Richemont

Il gruppo svizzero Richemont è attualmente uno dei leader internazionali della fabbricazione di prodotti di lusso come orologi, articoli di gioielleria ed altri oggetti lussuosi. L’attività di distribuzione si svolge sia al dettaglio che all’ingrosso.

Il gruppo Richemont realizza la maggior parte del proprio volume d’affari ad Hong Kong e poi sul mercato asiatico, in Europa, in Nord America, in Africa e nel Medio Oriente. Il mercato svizzero rappresenta soltanto il 5,2% del volume d’affari totale.

 

I principali concorrenti del gruppo Richemont

Il gruppo Richemont è ancora oggi uno dei grandi nomi del lusso nel mondo. Anche se i suoi risultati sono floridi e la sua notorietà non è stata intaccata dagli anni, Richemont deve comunque affrontare la concorrenza di alcuni grandi gruppi che bisogna assolutamente conoscere prima di lanciarsi nel trading delle sue azioni in Borsa. Vi proponiamo qui di scoprire nel dettaglio quali sono questi concorrenti con un’elencazione delle principali imprese del lusso in ordine di volume d’affari.

Potete ottenere delle informazioni dettagliate su ognuna di queste imprese consultando gli articoli di attualità del settore presso il vostro broker o in siti specializzati.

 

I principali partner di Richemont

Scoprite, per chiudere questo articolo, i principali partenariati realizzati da Richemont in questi ultimi anni.

 

I differenti marchi del gruppo Richemont

Richemont produce e commercializza i propri prodotti sotto differenti marchi tra cui:

 

Analisi del corso delle azioni Richemont

Il corso delle azioni Richemont viene attualmente quotato sul Main Standard del SIX Swiss Exchange ed integra il calcolo dell’indice borsistico Ai100.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni Richemont

Ecco, per concludere questo articolo, alcuni dati generali che è indispensabile conoscere a proposito delle azioni Richemont:

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Richemont come attivo di Borsa

Le forze e le debolezze di un’azienda determinano in gran parte la sua capacità di generare dei profitti a lungo termine o, al contrario, di subire una recessione ed è quindi fondamentale analizzare questi elementi prima di qualsiasi presa di posizione. Vi proponiamo qui in un primo momento il riepilogo dei vantaggi e degli atout di questo gruppo.

Come punto di forza innegabile possiamo evidenziare la capacità di questa azienda di proporre e commercializzare dei prodotti molto diversificati tra cui in particolare gioielli, orologeria, accessori di fascia alta quali strumenti di scrittura o articoli di moda e pelletteria. In tal modo il gruppo si può proteggere in maniera molto più efficace dalle crisi di settore.

Gli investitori in Borsa apprezzano inoltre il posizionamento della società Richemont sul mercato borsistico svizzero. Richemont è infatti uno dei più grandi valori dell’indice svizzero in termini di capitalizzazione e ciò gli conferisce una certa stabilità nonché una grande volatilità.

Il gruppo Richemont gode anche di un posizionamento molto interessante nel suo settore di attività e nel mondo. Si tratta infatti ad oggi della seconda più grande azienda mondiale nel settore del lusso in termini di volume d’affari.

Richemont può infatti contare su alcuni segmenti che fanno attualmente parte dei più redditizi nonché dei più stabili nel tempo con una buona resistenza alla crisi, segmenti quali gioielleria, orologi di lusso e strumenti di scrittura.

Il gruppo può avvalersi di una grande forza lavoro visto che attualmente impiega oltre 20.000 dipendenti, principalmente in Europa ma anche nel resto del mondo.

Infine, Richemont ha il vantaggio di possedere moltissimi marchi popolari e prestigiosi fra cui Cartier, Van Cleef & Arpels, Piaget, Vacheron Constantin, Jaeger-LeCouture, IWC e Panerai.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Richemont come attivo di Borsa

Come potrete constatare leggendo quanto segue, il gruppo Richemont dispone di molti più punti forti che punti deboli. Tuttavia, prima di mettere in opera una qualsivoglia strategia di trading su queste azioni, è necessario prendere in considerazione tali debolezze, per poche che siano, visto che il loro peso può avere un’importanza sulle tendenze del mercato. Ecco quindi i principali difetti di questa azienda.

Prima di tutto, per vendere i propri prodotti il gruppo Richemont deve necessariamente promuoverli in maniera aggressiva con dei costi che sono di conseguenza molto elevati. Lo stesso vale per la commercializzazione di questi prodotti che avviene tramite molti intermediari che applicano dei margini elevati.

La seconda e ultima debolezza della società Richemont riguarda il suo posizionamento sul piano geografico e internazionale. Infatti, malgrado una buona installazione dei suoi marchi del lusso nella maggior parte dei paesi del mondo, Richemont fatica a ricavarsi uno spazio sui mercati emergenti come l’India o la Cina, motivo per cui perde delle grosse quote di mercato rispetto alla concorrenza che è invece riuscita a conquistare questi nuovi clienti del lusso.

Domande frequenti

Qual è il posizionamento di Richemont sul mercato borsistico?

Prima di prendere una qualsiasi posizione su questo valore, è interessante sapere come si posizioni il gruppo Richemont nel suo settore di attività e nel mercato borsistico. È noto che il gruppo Richemont è attualmente il numero due a livello mondiale del settore del lusso in termini di fatturato posizionandosi dietro la società LVMH. L'impresa è anche l‘ottava capitalizzazione borsistica del Swiss Market Index, l'indice di riferimento svizzero.

Quando è stata creata la società Richemont?

La società Richemont è stata creata nel 1988 quando la famiglia Rupert ha separato i propri attivi sudafricani da quelli stranieri per evitare di subire delle sanzioni internazionali suscettibili di colpire il regime dell’apartheid. Richemont si è quindi lanciata nelle società Cartier Monde SA e Rothmans International con delle quote minoritarie, operazione che gli ha permesso di ottenere delle quote in Alfred Danhill, Montblanc e Chloé.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.