Analisi n. 1

Bisogna ovviamente studiare il mercato mondiale del tessile e dell'abbigliamento, nonché la sua evoluzione, dato che le attività di questa società sono fortemente legate ad esso.

Analisi n. 2

Va seguita l'evoluzione del potere d'acquisto delle famiglie e la salute economica mondiale che possono influenzare le vendite e i ricavi di questa società.

Analisi n. 3

Tutti i risultati finanziari e borsistici del gruppo, sia quelli trimestrali che quelli annuali, devono essere analizzati e confrontati con gli obiettivi e le previsioni degli analisti specializzati del settore.

Analisi n. 4

Bisogna prendere in considerazione i diversi concorrenti del gruppo in tutto il mondo seguendo per ciascuno l'evoluzione delle quote di mercato, le pubblicazioni e gli eventi più importanti.

--- Pubblicità ---
Trattate l’azione OVS!
Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

A proposito del gruppo OVS

Il gruppo OVS, acronimo di Organizzazione Vendite Speciali, è una delle più importanti società italiane di abbigliamento, leader di mercato in Italia, che opera principalmente nell’ambito di creazione, realizzazione e vendita di capi di abbigliamento e accessori per donne, uomini e bambini. Il gruppo è presente nel mercato attraversi due principali marchi: OVS e Upim.

 

Storia del gruppo OVS

La storia del gruppo OVS ha origine nel 1968 quando venne fondata dal gruppo Coin una catena di magazzini denominata Coinette. Il brand Oviesse compare in un primo negozio a Padova nel 1972, per poi diffondersi in tutto il territorio italiano.

Nel 1998 la rete commerciale si ampliò ulteriormente con l’acquisto di 167 negozi dell’azienda Standa, un’operazione che costò 2,7 miliardi di lire.

Nel 2004 il gruppo OVS raggiunge i 250 punti vendita, mentre nel 2005 si passò a una ristrutturazione di tutti gli esercizi della rete commerciale e si avviò la fase della formula franchising per un graduale piano di sviluppo e di crescita sul territorio. A segnare un punto di svolta importante nella storia del gruppo fu l’apertura del grande magazzino OVS in Corso Buenos Aires a Milano.

Il piano di espansione a livello internazionale iniziò invece con un passo falso in Germania e in Svizzera, mercati che non diedero mai i risultati previsti. Nel 2006 le attività in Germania e Svizzera furono vendute per una più fortunata immissione nei mercati di Russia e Serbia. Nel 2007 a questi esercizi commerciali esteri se ne aggiunsero altri, fino a diventare complessivamente diciassette.

In quegli anni venne anche effettuato un restyling del brand e dal classico Oviesse si passò a OVS Industry che fu utilizzato fino al 2012, quando si decise poi di passare all’attuale OVS.

Nel 2008 il gruppo OVS supera in Italia i 400 punti vendita, con l’acquisto dell’intero capitale sociale della società Tre.bi Spa, proprietà del brand di abbigliamento Melablu, presente in Lombardia, Piemonte, Veneto e in alcune città del Sud Italia.

Nel 2009 il marchio UPIM converge nel brand OVS e nel 2010 viene inaugurato a Milano il cinquecentesimo negozio.

Nel 2014 si costituisce la nuova società OVS S.p.A. Nel 2015 la società viene quotata alla Borsa di Milano con una capitalizzazione iniziale di 930,7 milioni di euro, pari a 4,10 euro per azione.

Nel 2015 OVS è sponsor ufficiale di Expo Milano 2015.

 

Analisi del corso delle azioni OVS

Il 2016 è stato un anno proficuo per il gruppo OVS. La chiusura del bilancio d’esercizio per il 2016 ha infatti registrato ricavi in aumento del 7,5%, pari a 1,31 miliardi di euro, contro gli 1,23 miliardi di euro registrati rispetto all’esercizio dell’anno precedente.

Un dato dovuto in gran parte ai profitti delle nuove aperture che hanno generato anche un margine operativo lordo in forte miglioramento  a 179,6 milioni di euro contro i 157,1 milioni di euro dell’anno precedente con una marginalità salita dal 12,8% al 13,6%. L’utile netto per il 2016 è stato pari a 81,1 milioni di euro, un risultato decisamente importante rispetto a quello del 2015 pari a 25,3 milioni di euro. Un risultato che ha generato una riduzione di oneri finanziari e un miglioramento del tax rate. L’indebitamento del gruppo è sceso nel 2016 a 235 milioni di euro.

Per gli azionisti il dividendo è stato pari a 0,15 centesimi per azione.

Per il primo trimestre del 2017 il gruppo OVS ha registrato 319,3 milioni di euro di vendite nette, con un aumento di 6,5 punti percentuali. Il margine operativo lordo ha avuto un’incidenza del 9,2% sulle vendite nette, ed è pari a 29,3 milioni di euro, con un aumento di circa 3 milioni di euro rispetto ai risultati dello stesso periodo nell’anno precedente.

--- Pubblicità ---
Trattate l’azione OVS!
Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.