Analisi delle azioni Molmed

Vi proponiamo, prima di lanciarvi nel trading delle azioni Molmed, di leggere questo articolo interamente dedicato a questo valore e a questa azienda. Vi forniremo infatti delle informazioni preziose a proposito di questo gruppo, delle sue attività nel dettaglio, dei suoi concorrenti nonché dei suoi principali contratti e partenariati. Illustreremo inoltre nel dettaglio i punti di forza e le debolezze dell’impresa e vi spiegheremo come realizzare una buona analisi fondamentale del suo titolo.  

66% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

 

Le azioni Molmed in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 154.097.348 €
  • Numero di titoli: 1.224
  • Piazza di quotazione: Borsa di Milano
  • Mercato: Non comunicato
  • Indice: FTSE MIB
  • Settore di attività: Biofarmaceutica

 

L’attività della società Molmed

Cominciamo questo articolo con un rapido richiamo alle attività della società Molmed. È infatti importante capire bene in quale settore di attività operi attualmente questo gruppo per studiare il suo ambiente economico e avere coscienza delle sfide a cui deve rispondere. Ecco quindi una rapida presentazione dell’impresa.

La società Molmed è un’impresa del settore delle biotecnologie creata nel 1996 a Milano. Al momento della sua creazione, la vocazione di Molmed era prima di tutto di svolgere le proprie attività proponendosi per la produzione in subappalto e per altri servizi alle aziende che sviluppavano prodotti di terapia genetica e di terapia cellulare.

Successivamente, a partire dal 2000, Molmed ha effettuato una vera e propria svolta strategica scegliendo di cambiare il proprio modello economico e commerciale ed ha così cominciato a sviluppare i propri prodotti. Molto rapidamente, un anno dopo aver preso questa decisione, Molmed sigla un accordo di grande importanza con l’ospedale San Raffaele che gli offre la possibilità di acquistare una licenza nell’ambito degli interventi di terapia genetica e cellulare realizzati in seno all’ospedale stesso nel trattamento di HIV e tumori. In seguito ad una rapida crescita delle sue attività, Molmed è stata introdotta alla Borsa di Milano nel 2008.

Nel 2015, come vedremo a seguire più nel dettaglio, Molmed ha inoltre siglato un importante partenariato strategico con i laboratori Glaxo Smith Kline negli Stati Uniti nel quadro dell’acquisizione da parte di quest’ultima di Strimvelis, un prodotto che era stato in gran parte sviluppato da Molmed.


 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Molmed

Fin dalla sua creazione, e ancora oggi, il gruppo Molmed ha potuto contare sulla realizzazione di diversi partenariati e alleanze strategici con altre imprese dello stesso settore o di settori differenti per incrementare il proprio sviluppo e la propria crescita. Vi proponiamo qui tre grandi esempi di questo tipo di partenariato che vi permetteranno di comprenderne meglio l’importanza in termini di analisi della quotazione dell’attivo.

Nel 2005, per esempio, il gruppo Molmed ha stretto un accordo strategico di collaborazione di ricerca e di licenza su scala internazionale nel quadro dello sviluppo congiunto di una terapia genetica contro l’HIV e l’AIDS con la società giapponese Takara Bio Inc, anch’essa una società operante nelle biotecnologie. Sulla base di questo accordo, Molmed ha concesso sotto licenza le proprie competenze nonché delle sotto-licenze di tecnologie pertinenti di alcuni attori terzi. Il principio di questa terapia genetica per il trattamento dell’HIV e dell’AIDS si basa su un vettore per il trasferimento di geni che inserisce nelle cellule staminali ematopoietiche di pazienti affetti dalla malattia due nuovi geni terapeutici sviluppati da Molmed per impedire la riproduzione e la proliferazione del virus nell’organismo. Le due biotech italiana e giapponese hanno quindi stretto una collaborazione in parti uguali per lo sviluppo del gene dell’AIDS terapia. In Europa, i diritti di commercializzazione del gene e le terapie sviluppate rimarranno esclusivamente riservati a Molmed mentre i diritti saranno spartiti con Takara sul mercato nord-americano. Per quanto riguarda il mercato asiatico, Takara ha acquistato una licenza esclusiva della tecnologia sviluppata nel quadro di questa ricerca congiunta nonché delle sotto-licenze di brevetti sviluppati da terzi e connessi alla tecnologia sviluppata.

Più recentemente, nel 2014, Molmed ha stretto un partenariato finanziario per finanziare la propria attività attraverso una linea opzionale di finanziamento in fondi propri. Molmed ha infatti firmato un accordo con il gruppo bancario francese Société Générale che gli ha permesso di emettere in alcuni anni fino a 46 milioni di nuove azioni corrispondenti al 19,9% del suo capitale precedente. Si tratta di un’operazione di grandi dimensioni visto che si tratta di quasi il doppio di quanto normalmente autorizzato per questo tipo di operazione. Le nuove azioni sono state emesse con uno sconto del 5% e Molmed ha dovuto in contropartita impegnarsi a non emetterne più del 10% per un periodo di 12 mesi per ottenere l’avallo della Consob, l’autorità italiana dei mercati, e per evitare di dover pubblicare un documento informativo. L’operazione è stata poi sottoposta al voto degli azionisti della società in occasione di un’assemblea generale ed è stata approvata.

L’anno dopo, nel 2015, la società Molmed ha inoltre siglato un importante contratto di cui abbiamo già accennato in precedenza. Si tratta del partenariato stretto con il gruppo statunitense Glaxo Smith Kline o GSK. Nel quadro di questo contratto, Molmed ha ottenuto la fornitura di servizi di sviluppo, di produzione e di trasferimento di tecnologia destinati all’applicazione clinica di terapie genetiche a base di virus di trasduzione. Grazie a questo partenariato, Molmed apporterà il proprio know how in materia di sviluppo di processi e di produzione nonché le proprie competenze e capacità nell’ambito della produzione di vettori virali e di trasduzione cellulare. Sempre secondo i termini dell’accordo, Molmed ha ottenuto il diritto a un minimo di 34 milioni di euro ripartiti sulle differenti fasi chiave, i servizi e l’offerta dei cinque anni seguenti ovvero fino al 2020. I 12 mesi successivi alla firma dell’accordo hanno permesso a Molmed di incassare un importo nell’ordine dei 6 milioni di euro.

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Molmed come attivo di Borsa

Conoscere i principali punti di forza di cui dispone la società italiana Molmed e confrontarli con le sue debolezze ci aiuterà anche a capire meglio come l’azienda possa comportarsi in futuro e se saprà o meno attirare gli investitori. Ecco i suoi principali vantaggi:

  • Molmed gode di una leadership riconosciuta nel settore delle terapie cellulari e genetiche.
  • Il gruppo ha permesso di mettere a punto un trattamento innovativo nel settore della leucemia, Zalmoxis, che è già disponibile sul mercato.
  • Come visto in precedenza, l’impresa ha stretto diversi partenariati strategici interessanti, in particolare nel quadro della distribuzione dello Zalmoxis in Europa e in altri mercati di minori dimensioni.
  • Si nota inoltre che la gestione d’impresa di Molmed è rafforzata e strutturata con una grande esperienza in settori complementari. L’equipe di gestione dell’azienda è infatti di alto livello e il suo Consiglio Scientifico Consultativo gode di conclusioni precedenti nel settore delle biotecnologie.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Molmed come attivo di Borsa

Sebbene il gruppo Molmed abbia diversi vantaggi, ha quantomeno anche un difetto principale: la mancanza di una strategia per la commercializzazione dello Zalmoxis negli Stati Uniti.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Molmed

Per concludere, ecco alcuni elementi che dovete analizzare e seguire in maniera particolare nelle notizie di attualità per quanto riguarda la possibile evoluzione della quotazione delle azioni Molmed. Per realizzare con successo un’analisi fondamentale di questo valore dovete seguire in particolare i punti seguenti:

  • Lo sviluppo dei differenti studi preclinici e i loro risultati, in particolare quelli relativi alle cellule CAR-T.
  • Andrà seguita la crescita generale del settore della biofarmaceutica e in particolare il sempre maggiore interesse nel settore per questo tipo di terapie.
  • La concorrenza è ovviamente un elemento preoccupante per Molmed e andranno tenuti d’occhio soprattutto tutti i progetti di sviluppo di terapie simili allo Zalmoxis.
  • Molmed subisce anche una certa pressione sui suoi prezzi ma ha delle esigenze di investimento elevate in proporzione alla dimensione dell’azienda. Andranno quindi seguite con attenzione le possibilità di finanziamento da parte di grandi laboratori.

 

Valutazione: 4.33 3 voti

Trattare le azioni italiane con i CFD online

Avete la possibilità di fare trading online sulla quotazione di numerose azioni italiane grazie ai CFD dei broker riconosciuti. Scoprite qui un’ottima piattaforma di trading che vi offre una vasta scelta di titoli.

Inizia a fare trading online!
66% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.