IPSEN

Analisi della quotazione delle azioni Ipsen

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Prima di iniziare a investire nella società farmaceutica francese Ipsen, vi offriamo di trovare tutte le informazioni necessarie per un'analisi efficiente in un unico posto. Conoscerete la storia finanziaria di questo gruppo e il suo prezzo delle azioni, ma anche la concorrenza in questo settore e le possibili partnership strategiche della società Ipsen. Naturalmente, riveleremo anche alcune cifre chiave sullo stock.

Ultimi notizie

IPSEN pubblica risultati annuali piuttosto interessanti

11/02/2021 - 14h03

Il laboratorio francese Ipsen ha svelato i suoi risultati annuali. Nonostante il contesto della crisi sanitaria, il gruppo ha ottenuto un aumento significativo delle vendite

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

In particolare, sappiamo che Ipsen è un titolo in crescita. Dovremo quindi tenere d'occhio le tendenze a lungo termine dei grafici azionari.

Analisi n. 2

Si sa anche che il prezzo delle azioni è particolarmente sensibile alle dichiarazioni di Allergan, la società che detiene il brevetto del Botox, o alle dichiarazioni di un altro dei suoi concorrenti, cioè Specialty Pharma.

Analisi n. 3

Naturalmente, si dovrà seguire l'evoluzione della strategia di sviluppo attuata dal gruppo con una data obiettivo del 2020.

Analisi n. 4

Anche le varie alleanze create recentemente da Ipsen dovrebbero mostrare i loro primi benefici nei mesi o anni a venire.

Analisi n. 5

Naturalmente, il primo impatto finanziario della commercializzazione di Cabometyx per il cancro ai reni in Europa sarà di grande importanza nel 2019. Si attende anche una possibile autorizzazione alla commercializzazione di Telotristat per la sindrome da carcinoide.

Analisi n. 6

Anche la crescita delle vendite nella medicina specialistica, nella salute della famiglia e lo sviluppo del margine operativo saranno attentamente monitorati su base annuale in linea con gli obiettivi del Gruppo.

Analisi n. 7

Infine, l'evoluzione dell'azionariato è anche un punto da sorvegliare, poiché i desideri della famiglia Beaufour fondatrice, che detiene ancora il 68,3% delle azioni e l'81,5% dei diritti di voto, rimangono poco chiari tra una possibilità di acquistare gli azionisti di minoranza o di allargare il flottante.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Ipsen

La società francese Ipsen è uno degli specialisti internazionali nel settore farmaceutico. È specializzata nella ricerca, sviluppo, produzione e vendita di medicinali e trattamenti medici. Naturalmente, le sue attività possono essere suddivise in diverse divisioni in base alla quota di fatturato generata.

Così, la commercializzazione dei farmaci rappresenta più del 98,4% del fatturato di Ipsen. Il 58% di questi farmaci riguarda trattamenti oncologici, il 18,4% il trattamento di disturbi neuromuscolari, il 14% il trattamento di disturbi gastroenterologici, il 5,2% trattamenti endocrinologici e il 2,8% farmaci per disturbi cognitivi.

L'1,6% del fatturato restante proviene dalla vendita di materie prime e principi attivi vari ad altri laboratori. Questi prodotti sono utilizzati per fabbricare altri medicinali che non sono prodotti direttamente dal gruppo.

Il gruppo Ipsen gestisce attualmente 5 centri di ricerca in Francia, oltre che nel Regno Unito, in Irlanda e negli Stati Uniti. Ha anche 7 impianti di produzione di farmaci e materie prime in tutto il mondo. L'azienda impiega non meno di 4.907 persone in questi diversi paesi.

Ipsen genera la maggior parte delle sue vendite in Nord America, ma opera anche in altre aree geografiche come la Francia, naturalmente, ma anche in Regno Unito, Spagna, Germania e Italia, così come nel resto d'Europa e in Asia.

Analisi della quotazione delle azioni Ipsen
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Bisogna anche essere consapevoli che la concorrenza in questo settore è particolarmente forte e tenerne conto quando si analizza questo titolo. Vorremmo quindi dirvi di più sui principali concorrenti e avversari di questo gruppo e la loro presentazione dettagliata:

Sanofi

Naturalmente, il principale concorrente di Ipsen è il gigante Sanofi, che è anche una società francese attiva principalmente nel settore farmaceutico con farmaci da prescrizione per il trattamento del diabete, malattie rare, sclerosi multipla e oncologia, così come prodotti sanitari di consumo e farmaci generici o vaccini. Il gruppo Sanofi è attualmente il terzo laboratorio al mondo per fatturato. Realizza la maggior parte dei suoi profitti al di fuori del mercato europeo e impiega più di 100.000 persone in circa 100 paesi diversi.

Novartis

C'è anche la concorrenza del gruppo Novartis, un laboratorio svizzero che esiste dal 1996 ed è stato formato dalla fusione di due laboratori, Ciba-Geigy e Sandoz. Questo gruppo svolge gran parte delle sue attività nel campo della ricerca, con l'obiettivo di avere sempre un catalogo di diversi prodotti brevettati. Secondo numerose classifiche, è una delle aziende più innovative del mondo, con investimenti particolarmente elevati in R&S.

Merck

sempre nell'ambito della nostra analisi della concorrenza di Ipsen, prenderemo in considerazione il gruppo tedesco Merck, che esiste dal 1668 ed è attivo nel campo dei prodotti farmaceutici e chimici. Il gruppo impiega attualmente più di 55.000 persone in tutto il mondo e opera in più di 66 paesi diversi. Tra le attività principali del gruppo ci sono, naturalmente, la produzione di prodotti farmaceutici originali, farmaci generici e altre offerte chimiche. Attualmente, il gruppo Merck è uno dei più grandi produttori mondiali di alcune categorie di prodotti, come i cristalli liquidi, dove ha più del 60% della quota di mercato globale.

Roche

Infine, analizzeremo anche Roche, un'azienda svizzera anch'essa specializzata nel settore farmaceutico e che è anche una delle aziende leader in questo settore a livello mondiale. Dal 2004, questa azienda è attiva in due principali categorie di attività, tra cui il settore farmaceutico e quello diagnostico. È anche il leader mondiale nel campo dei farmaci contro il cancro, ma anche nella virologia. È specializzato nel campo della medicina individualizzata. Il gruppo è attivo in non meno di 150 paesi diversi.


Alleanze strategiche

Il gruppo Ipsen deve il suo crescente successo alla sua capacità di innovare sviluppando farmaci di nuova generazione in segmenti specifici e molto richiesti. Ma usa anche i partenariati come leva per la sua strategia di sviluppo. Ecco alcuni esempi di partnership tra Ipsen e altre aziende in vari settori.

Oncodesign

La prima partnership di cui parleremo qui è quella istituita nel 2016 tra Ipsen e Oncodesign. Questa partnership strategica nel campo dell'oncologia ha permesso a Oncodesign di effettuare test preclinici dei programmi di ricerca di Ipsen in oncologia. Inoltre, i team di Oncodesign sono entrati a far parte del più grande centro di ricerca e sviluppo di Ipsen, situato sull'altopiano di Parigi-Saclay, nel cuore di un ecosistema che riunisce ricercatori, grandes écoles, centri di ricerca e importanti gruppi industriali. Le due aziende collaborano già da più di 20 anni in vari progetti di ricerca e sviluppo nell'ambito di relazioni di servizio, co-sviluppi e una partnership di ricerca istituita nel 2012. Nell'ambito di questa nuova partnership, Ipsen sarà in grado di utilizzare i modelli sperimentali di Oncodesign e i nuovi approcci in farmacologia, basati sul farmaco-imaging e sull'individuazione dei biomarcatori. Questa nuova alleanza dimostra un modello di collaborazione che ha già dimostrato il suo successo in passato con una nuova collaborazione rinnovabile di 5 anni basata sulla creazione di un team di ricerca congiunto basato simultaneamente nel sito di Ipsen negli Stati Uniti e in quello di Oncodesign a Digione. Durante questo periodo, Oncodesign riceverà un importo minimo garantito ogni anno per finanziare gli sforzi di ricerca a Les Ulis e nella sua piattaforma di Digione. Inoltre, Oncodesign riceverà una remunerazione variabile legata al volume di attività intorno ai programmi di Ipsen.

PeptiMimesis

Un'altra partnership interessante da studiare è quella tra Ipsen e PeptiMimesis, una start-up creata sulla base di un progetto dell'INSERM e dell'Università di Strasburgo e finanziata da SATT Conectus Alsace. Le due aziende hanno annunciato la firma di una partnership di ricerca e un'opzione di licenza per lo sviluppo e la vendita di nuovi peptidi terapeutici nel campo dell'oncologia. Il gruppo Ipsen ha così combinato la sua esperienza nella progettazione e nello sviluppo di peptidi con le competenze di PeptiMimesis nel campo dell'identificazione dei peptidi transmembrana e della segnalazione intracellulare. Questo progetto si rivolge al recettore coinvolto in diverse fasi dello sviluppo del cancro con angiogenesi, tolleranza immunitaria e proliferazione.

Dassault Systèmes

Nel 2016, Ipsen ha istituito una partnership un po' più sorprendente con la società Dassault Systèmes. L'obiettivo di questo accordo di cooperazione è quello di utilizzare gli strumenti digitali, le soluzioni di simulazione e di modelli 3D dello specialista di software per cambiare la sua R&S e potenziarla per quanto riguarda i nuovi farmaci.

Debiopharm

Più recentemente nel 2019, Ipsen ha annunciato il rinnovo di un'altra importante partnership. Si tratta della partnership con Debiopharm per il rinnovo di un accordo su Decapeptyl. Le due aziende estenderanno la loro collaborazione fino al 2034 con lo sviluppo, la produzione e la vendita di questo prodotto sui mercati europei e in alcuni paesi asiatici e africani. In base a questo accordo, le due aziende svilupperanno congiuntamente nuove formulazioni ed esploreranno nuove indicazioni terapeutiche per popolazioni di pazienti con bisogni medici insoddisfatti. Le due aziende hanno iniziato a collaborare negli anni '80 e questa nuova partnership rafforza l'impegno a lungo termine nei confronti dei pazienti, offrendo i benefici di Decapeptyl per il trattamento del cancro alla prostata localmente avanzato, dell'endometriosi, dei fibromi uterini, della pubertà precoce centrale o del cancro al seno precocemente responsivo al sistema endocrino.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

La prima forza di Ipsen è ovviamente la sua specializzazione in settori molto specifici e specializzati. L'azienda a conduzione familiare è specializzata in peptidi e tossine, e il suo obiettivo principale è quello di diventare rapidamente il leader mondiale nel trattamento delle malattie invalidanti.

Il gruppo Ipsen ha anche beneficiato della forte crescita della medicina specialistica negli ultimi anni. Infatti, genera non meno dell'82% delle vendite totali di Ipsen. Anche qui, le tre principali aree di attività che generano il maggior margine per Ipsen sono l'endocrinologia con Somatuline, la neurologia con Dysport e l'uro-oncologia. Queste attività generano più profitti delle attività legate alla medicina generale e sono meno sensibili alla concorrenza, che qui è più debole che in altre grandi aziende farmaceutiche.

Ispsen può anche contare tra le sue risorse l'efficacia del suo sviluppo internazionale. Infatti, il gruppo ha una forte presenza in tutto il mondo con un eccellente equilibrio tra l'Europa e il resto del mondo.

Naturalmente, Ipsen è prima di tutto un'azienda innovativa che si basa molto sulla sua ricerca e sviluppo. Investe più del 20% del suo fatturato in R&S ogni anno, il che le permette di essere all'avanguardia nel campo dei peptidi e delle tossine.

Entro il 2019, Ipsen dovrebbe anche ottenere l'autorizzazione alla commercializzazione in Europa per il suo trattamento per il cancro ai reni Cabometyx, che è già in vendita negli Stati Uniti e dovrebbe dare un ulteriore impulso alla crescita e ai profitti dell'azienda.

Infine, sappiamo che il gruppo Ipsen non intende fermarsi qui e sta considerando molte altre importanti acquisizioni per sviluppare ancora più nuovi prodotti.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Naturalmente, mentre i punti di forza di Ipsen sono numerosi e ci portano a credere che il suo prezzo delle azioni salirà in futuro, bisogna anche essere consapevoli delle varie debolezze di questa azienda e degli svantaggi di questo titolo. Ecco una sintesi delle debolezze del gruppo Ipsen.

Tra gli ostacoli allo sviluppo di Ipsen ci sono i problemi incontrati in Europa, e più in particolare in Francia, per quanto riguarda la fine del rimborso di alcuni prodotti. Queste misure hanno portato a un calo netto delle vendite nel settore ambulatoriale e a un'ulteriore pressione sui prezzi di questi farmaci.

D'altra parte, il successo e la redditività di Ipsen si basano principalmente su tre tipi di farmaci, che da soli rappresentano più di 2/3 delle vendite. Questa dipendenza da pochi prodotti espone il Gruppo ad alcuni rischi.

Se la distribuzione delle attività del gruppo Ipsen in tutto il mondo è benvenuta, alcune carenze riguardanti il mercato americano pesano ancora sulla sua redditività. La presenza del gruppo negli Stati Uniti rimane insufficiente.

Un altro fattore di rallentamento dell'attività del gruppo Ipsen è il rallentamento della crescita nei paesi emergenti, che porterà a un calo delle vendite di prodotti di medicina generale di circa il 3-5% in pochi anni.

D'altra parte, gli investimenti fatti in Octero Pharm mostreranno effetti ritardati, cioè non prima del 2020 in termini di primi ricavi ricevuti.

Infine, gli analisti non escludono la possibilità di finanziamenti nei prossimi due anni per garantire lo sviluppo di Onivyde.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Su quali indici di borsa sono quotate le azioni Ipsen?

Come molte grandi società quotate, il prezzo delle azioni di Ipsen è incluso in diversi indici di borsa. L'azienda è naturalmente inclusa nell'indice borsistico SBF 120, ma anche nel CAC Mid 60 e in altri indici borsistici come il CAC All Share, CAC All Tradable, CAC Mid Small, Euronext CDP Environment France EW, Euronext CDP Environment France Ex Oil e Stoxx Europe 600.

Qual è stata la performance del titolo Ipsen negli ultimi 5 anni?

Naturalmente è interessante conoscere la performance del titolo Ipsen negli ultimi anni. In un anno, il titolo ha perso il 15,41% del suo valore. Quando guardiamo la performance su due anni, vediamo una perdita del 33,19%. Questa perdita aumenta a -22,44% in tre anni e infine, negli ultimi cinque anni, il gruppo è riuscito a registrare una performance positiva con un guadagno del 42,31%.

Quali sono stati gli ultimi risultati pubblicati dal gruppo Ipsen?

Gli ultimi risultati noti ad oggi per il gruppo Ipsen sono i risultati dell'esercizio 2019. Il gruppo ha quindi registrato un utile netto di -50 milioni di euro su questo bilancio. Il P/E 2019 di Ipsen Group era di 12,70 con un dividendo di 1 euro e un rendimento vicino al 6,74. Potete vedere i dettagli di questi risultati sul sito web della società.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com