IMPERIAL BRANDS

Analisi della quotazione delle azioni Imperial Brands

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Prima di cominciare a speculare sulla quotazione delle azioni Imperial Brands, ti proponiamo il nostro aiuto nel quadro delle analisi di questo titolo. In questo articolo dedicato a queste azioni trattiamo infatti dei dati economici e finanziari che risultano utili nel quadro delle analisi. Ci occupiamo dell’impresa, con il dettaglio delle sue attività, presentiamo i suoi principali concorrenti sul mercato ed illustriamo alcuni esempi concreti di partnership che il gruppo ha potuto stringere negli ultimi anni. Inoltre, spieghiamo in che modo si possa realizzare una buona analisi fondamentale di questo valore basandosi sulle giuste pubblicazioni e notizie di questo settore.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

In considerazione del settore di attività in cui opera Imperial Brands, vanno ovviamente monitorate le normative relative al tabacco e, soprattutto, le misure prese dai vari governi per ridurre il numero di fumatori come aumenti di tasse e pacchetti di sigarette neutri.

Analisi n. 2

È inoltre necessario interessarsi alla strategia messa in atto dal gruppo per diversificare le proprie attività. È noto che Imperial Brands dispone già di un ramo specializzato in sigarette elettroniche e per i prossimi anni ha in programma di commercializzare della cannabis.

Analisi n. 3

Nel mercato del tabacco la concorrenza è molto forte e bisogna quindi seguire con attenzione tutte le notizie importanti relative ai concorrenti diretti del gruppo che presentiamo in questo articolo.

Analisi n. 4

È necessario seguire le diverse operazioni di cessione, acquisizione e di partnership che il gruppo Imperial Brands potrebbe mettere in opera per favorire la propria crescita o per installarsi in nuovi mercati o nuovi segmenti.

Analisi n. 5

Infine, bisogna analizzare in maniera sistematica i risultati finanziari dell’azienda interessandosi al suo utile netto annuale, ai margini e ai principali indici finanziari. È anche bene confrontare i risultati con le previsioni fatte dagli analisti e con gli obiettivi prefissati dal gruppo stesso.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Imperial Brands

Lanciamoci ora alla scoperta della società Imperial Brands. Conoscere bene il gruppo è infatti un prerequisito indispensabile di cui disporre prima di un qualsiasi investimento sulla quotazione delle sue azioni perché la buona conoscenza delle attività dell’azienda e delle sue principali fonti di reddito aiuta a prevedere le opportunità e le minacce che le si presenteranno in futuro.

Il gruppo Imperial Brands PLC è una società britannica specializzata nel settore del tabacco. Per la precisione, il gruppo è attualmente uno dei leader mondiali della fabbricazione e vendita di tabacchi e il leader del settore nel Regno Unito.

Per comprendere meglio le attività di questo gruppo è possibile suddividerle in differenti poli qui elencati a seconda del volume d’affari generato:

  • La fabbricazione e vendita di tabacchi tradizionali e di nuova generazione rappresenta la maggior parte degli introiti del gruppo con il 71,6% del fatturato grazie alle sigarette a marchio Davidoff, JPS, Parker & Simpson, Fine, West, Lambert & Butler, Winston, News, Bastos, Kool, Gauloises e Knox, ai sigari a marchio Backwoods e Dutch Master, alle sigarette elettroniche sotto il marchio Blu, ai prodotti a tabacco riscaldato sotto il marchio Pulze, ai tabacchi da masticare con il marchio Skruf e alle cartine per rollare con il marchio Rizla, attualmente leader mondiale.
  • La distribuzione di tabacchi genera il rimanente 28,4% del volume d’affari della società.

È anche interessante conoscere la ripartizione geografica degli introiti del gruppo che realizza il 12,5% del fatturato nel Regno Unito, l’11,6% in Germania, l’11,4% in Francia, il 10,8% negli Stati Uniti e il 53,7% nel resto del mondo.

Analisi della quotazione delle azioni Imperial Brands
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Il gruppo Imperial Brands è attualmente uno dei leader del suo settore di attività ma deve comunque far fronte alla forte concorrenza degli altri giganti dell’industria del tabacco. Nel quadro di una strategia di investimento sulle sue azioni, è importante conoscere questi concorrenti e seguirne le attività.

Philip Morris International

 Questa impresa internazionale, anch’essa specializzata in tabacchi, ha sede negli Stati Uniti e in Svizzera. Nel dettaglio, il gruppo si occupa di produzione, distribuzione e vendita di prodotti derivati dal tabacco come sigarette, tabacco sfuso, kretek, snus, e tabacco riscaldato. Impiega 79.500 dipendenti nel mondo e suoi prodotti escono da 50 fabbriche distribuite in vari paesi.

British American Tobacco

 Anche questa impresa è uno dei leader mondiali di tabacchi e sigarette e possiede i marchi Pall Mall, Gladstone, Dunhill, Lucky Strike, Kent, Winfield, Vogue, Players, Parisienne e Alain Delon. È inoltre il secondo più grande produttore mondiale di tabacchi per quantità di vendite ed è il leader in oltre cinquanta paesi.

Altria

 Questa impresa è una multinazionale statunitense che un tempo, fino al 2008, faceva parte della composizione dell’indice Dow Jones. Prima di separarsi da Philip Morris International nel 2008, il gruppo produceva le sigarette Philip Morris e Marlboro. La sua attività nel settore del tabacco si limita attualmente agli Stati Uniti.

Japan Tobacco International

 Infine, un ulteriore serio concorrente di Imperial Brands è la società JTI che fa parte del gruppo Japan Tobacco e che è uno dei protagonisti mondiali del settore del tabacco. Con sede in Svizzera, il gruppo commercializza i propri marchi in oltre 120 paesi. La società JTI impiega attualmente oltre 40.000 dipendenti nel mondo e possiede 24 fabbriche di produzione di sigarette, 6 centri di ricerca e sviluppo e 5 centri per il trattamento del tabacco. La sua strategia di crescita esterna si basa sulle numerose acquisizioni di marchi e società concorrenti.


Alleanze strategiche

Dopo aver presentato i principali avversari di Imperial Brands, proponiamo di saperne di più sulle sue alleanze strategiche. Questa società stringe regolarmente delle partnership con altre imprese di qui ecco alcuni esempi concreti:

Auxly Cannabis

 Nel 2020 Imperial Brands ha fatto il suo ingresso nell’industria della cannabis in Canada tramite un accordo di investimento di 123 milioni di dollari con Auxly Cannabis Group. Questa partnership include delle sinergie nell’ambito di ricerca e sviluppo e permette a Auxly di profittare delle licenze mondiali di Imperial Brands per la tecnologia del vaping. L’accordo prevede una partecipazione del 19,9% per Imperial Brands tramite un’obbligazione convertibile in azioni di Auxly ad un prezzo di conversione di 81 centesimi per titolo.

Gemstone Investment Holding

 Sempre nel 2020, per ridurre il proprio indebitamento Imperial Brands ha deciso di cedere al gruppo Gemstone Investment Holding, per un importo di 1,2 miliardi di euro, le proprie attività nel settore dei sigari di fascia alta negli Stati Uniti. La cessione viene in realtà effettuata a favore di due consorzi di investitori individuali e la società Allied Cigar Corporation acquisterà i sigari di fascia alta per il resto del mondo.

China National Tobacco

 Nel 2013 è stata sottoscritta una partnership con il gruppo pubblico China National Tobacco per rafforzare il posizionamento di Imperial Brands in Cina che all’epoca era il primo consumatore mondiale di tabacco. Si tratta di una joint venture denominata Global Horizon Ventures Limited con sede ad Hong Kong che ha associato Imperial Brands a Yunnan Tobacco, una filiale del gigante cinese. L’accordo ha in particolare permesso ad Imperial Brands di incrementare le proprie vendite in Cina dei marchi West e Davidoff nonché di promuovere a livello internazionale i marchi Jade e Horizon prodotti dalla società Yunnan.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Domande frequenti

Quali filiali possiede Imperial Brands?

Il gruppo Imperial Brands possiede attualmente diverse filiali tra cui Seita (Société d’exploitation industrielle des tabacs et des allumettes), Reemtsma, SOCACIG (Société centrafricaine de cigarettes), MABUCIG (Manufacture burkinabe de cigarettes), la società dei tabacchi del Marocco, la manifattura di sigarette del Ciad e SONATAM (Société nationale de tabacs et allumettes).

Quali sono i principali azionisti del gruppo Imperial Brands?

Attualmente, il capitale della società Imperial Brands è così ripartito: 4.75% Capital Research & Management, 3.11% Woodford Investment Management, 2.81% The Vanguard Group, 2.41% Threadneedle Asset management, 2.40% BlackRock Fund Advisors, 2.39% Independant Franchise Partners, 2.28% Legal & General Investment Management, 1.98% FIL Investment Advisors, 1.70% Orbis Investment Management.

Dove trovare i dati finanziari della società Imperial Brands?

Per venire a conoscenza dei dati finanziari della società Imperial Brands, quali i risultati annuali e trimestrali del gruppo o i dati relativi ai dividendi versati agli azionisti, basta visitare le pagine riservate agli investitori nel sito ufficiale dell’azienda. Vi si trovano tutte le informazioni necessarie nonché delle notizie e delle comunicazioni importanti del gruppo che possono risultare utili.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com