Fare trading sulle azioni GlaxoSmithKline

 

I nostri consigli per fare trading sulle azioni GlaxoSmithKline

Fare trading sulle azioni GlaxoSmithKline

Passiamo ora ai nostri consigli per venire in aiuto nella realizzazione di una buona analisi fondamentale delle azioni GlaxoSmithKline. Per farlo, bisogna sapere quali sono gli avvenimenti e le pubblicazioni che possono influenzare in maniera diretta o indiretta la loro quotazione in Borsa. Ecco alcuni esempi:

  • Bisogna monitorare in particolare gli accordi strategici che il gruppo potrebbe stringere con altre imprese e organizzazioni farmaceutiche con la finalità di favorire le proprie ricerche e innovazioni.
  • La sempre maggiore sensibilizzazione degli Stati e dei cittadini alle esigenze sanitarie sarà un interessante indice di rialzo per questo valore.
  • Vanno seguite le operazioni di acquisizione e di fusione di questa impresa che per il loro tramite potrebbe accelerare la propria penetrazione a livello mondiale e il proprio sviluppo in alcuni mercati strategici.
  • È inoltre bene valutare i rischi connessi ai nuovi prodotti immessi nel mercato dato che potrebbero risultare deludenti in termini di vendite nonostante dei grossi investimenti.
  • Va tenuta d’occhio la regolamentazione di questo settore di attività e i suoi eventuali cambiamenti importanti che potrebbero frenare o accrescere le vendite di GSK.
  • Infine, la salute economica mondiale ha ovviamente un’influenza diretta sulla domanda di medicinali e di cure mediche.

Ovviamente, oltre all’analisi fondamentale è anche necessario tenere d’occhio i grafici di queste azioni e realizzare un’analisi tecnica completa di questo valore.

Servizio di CFD - 76.4% perdono denaro

In questo articolo spiegheremo in che modo sia probabile che evolvano le azioni GlaxoSmithKline nei mesi e negli anni a venire e, quindi, come fare trading su di esse realizzando delle analisi adeguate della loro quotazione. Per farlo, ci interesseremo in particolare alle attività dell’azienda, al suo ambito operativo e  ai suoi principali concorrenti. Ci occuperemo inoltre delle più recenti partnership strette dal gruppo. Infine, forniremo il nostro aiuto nel quadro della messa in opera delle analisi fondamentali di questo valore. A tal fine, forniremo delle indicazioni circa gli avvenimenti e le pubblicazioni che devono essere seguiti prioritariamente. Avrai così tutte le carte in mano per prevedere le variazioni future di questo valore.

 

Le azioni GlaxoSmithKline in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 8.566.114,82 milioni di sterline
  • Numero di titoli: 4.988.420.000
  • Piazza di quotazione: Borsa di Londra
  • Mercato: Main Market
  • Indice: non comunicato
  • Settore di attività: farmaceutica
 

L’attività della società GlaxoSmithKline

Prima di spingerci oltre nello studio dell’ambito operativo della società GlaxoSmithKline, ecco un richiamo per ricordare chi sia questa impresa e quali siano le sue attività principali. Disponendo di una buona conoscenza del gruppo e dei suoi prodotti si hanno infatti maggiori probabilità di sapere in che modo possa svilupparsi negli anni a venire e, quindi, in che modo possano evolvere le sue azioni in Borsa.

Il gruppo GlaxoSmithKline è un’impresa britannica specializzata nel settore della farmaceutica e, più in particolare, è ad oggi il secondo più grande gruppo mondiale di questo settore di attività.

Per comprendere meglio le attività di GlaxoSmithKline è possibile suddividerle come segue in differenti categorie a seconda del volume d’affari generato:

  • La produzione e la commercializzazione di prodotti farmaceutici costituiscono la maggior parte delle attività di questa impresa con oltre il 56% del fatturato. Nel dettaglio, i prodotti destinati al trattamento delle malattie respiratorie rappresentano il 40,1% del fatturato, quelli per il trattamento dell’infezione HIV rappresentano il 27,3% e quelle per il trattamento dei disturbi del sistema immunitario il 2,7%.
  • La produzione e la vendita di medicinali in vendita libera e di prodotti parafarmaceutici rappresentano il 29,8% del volume d’affari dell’impresa.
  • Infine, la produzione e la commercializzazione di vaccini generano il 19,1% del fatturato del gruppo.

È inoltre interessante conoscere la ripartizione geografica degli introiti del gruppo che ovviamente svolge le proprie attività a livello internazionale. Il fatturato generato da GlaxoSmithKline in Gran Bretagna è infatti soltanto il 3% mentre il più grande mercato del gruppo è quello degli Stati Uniti con il 38,9% del volume d’affari. Il 58,1% restante viene realizzato nel resto del mondo.

 

Conoscere la concorrenza di GlaxoSmithKline

Adesso che conosci alla perfezione le attività della società GlaxoSmithKline, ti proponiamo di saperne di più sull’ambiente in cui opera il gruppo. È infatti indispensabile conoscere bene i concorrenti del gruppo per prenderli in considerazione in occasione delle analisi future. Ecco quindi i principali avversari di questa azienda:

  • Il primo concorrente - è il gruppo statunitense Johnson & Johnson, uno dei leader dei prodotti terapeutici che offre, in particolare, dei prodotti farmaceutici per il trattamento di malattie cardiovascolari, oncologiche, gastrointestinali, immunitarie, neurologiche e dermatologiche. Il gruppo commercializza inoltre prodotti e macchinari medicali nonché dei prodotti di largo consumo quali farmaci da banco, prodotti oftalmologici ed altro. Dispone attualmente di 111 siti di produzione installati un po’ dovunque nel mondo.
  • Viene poi il gruppo Roche che è specializzato nel settore della ricerca sanitaria e le cui attività sono organizzate in due divisioni, la Divisione Farmaceutica, che gestisce due settori di attività ovvero Roche Pharmaceutical e Chugai, e la Divisione Diagnostica, che è composta da quattro settori principali: diabete, diagnostica molecolare, diagnostica professionale e diagnostica dei tessuti. Il gruppo sviluppa quindi dei trattamenti in differenti settori terapeutici come l’oncologia, l’immunologia, le malattie infettive, l’oftalmologia e le neuroscienze.
  • In terza posizione troviamo il gruppo Merck che è in particolare specializzato in sviluppo, produzione e vendita di prodotti terapeutici e vaccini su prescrizione. Tra le attività del gruppo si trova ovviamente la vendita di prodotti farmaceutici per il trattamento di ipertensione, osteoporosi, arteriosclerosi, malattie respiratorie, batteriche e fungine, oftalmologiche e urologiche nonché l’emicrania acuta, la perdita di capelli e altro ancora. Commercializza inoltre vaccini e prodotti per la salute animale.
  • Tra i concorrenti si trova inoltre il gruppo Novartis, uno dei leader in sviluppo, produzione e vendita di prodotti farmaceutici con dei prodotti dedicati al trattamento di malattie cardiovascolari, respiratorie e dermatologiche, di affezioni gastrointestinali, di tumori, di disfunzioni del sistema nervoso centrale, di turbe ormonali e altro. Commercializza inoltre dei farmaci generici e dei prodotti per la cura degli occhi. Impiega ad oggi 125.161 dipendenti.
  • La società Pfizer è un altro serio concorrente della società GlaxoSmithKline ed è il leader mondiale della farmaceutica. In particolare, commercializza, principalmente in Stati Uniti ed Europa, vaccini, prodotti oncologici, prodotti farmaceutici di largo consumo e farmaci generici.
  • Troviamo poi la società Novo Nordisk che è specializzata nella creazione, produzione e vendita di prodotti farmaceutici con dei prodotti per il trattamento di diabete, obesità ed emofilia nonché di ormoni della crescita e di prodotti ormonali sostitutivi.
  • Negli Stati Uniti, va anche tenuto d’occhio il gruppo Amgen che è uno dei leader mondiali della biotecnologia e propone, in particolare, la vendita di medicinali destinati al trattamento di tumori, turbe metaboliche, malattie ossee, insufficienze renali ed emofilia.
  • Va inoltre seguito con attenzione il gruppo Astrazeneca che è uno dei principali gruppi farmaceutici mondiali e propone dei trattamenti per malattie cardiovascolari, metaboliche, respiratorie e oncologiche nonché per malattie infiammatorie, autoimmuni, neurologiche, gastrointestinali ed infettive. Realizza inoltre ricerche e studi per conto terzi.

Infine, è anche bene sorvegliare la società Sanofi che è uno dei leader del suo settore in Europa e propone dei prodotti farmaceutici come  trattamenti per malattie cardiovascolari, per la trombosi, per i disturbi del sistema nervoso centrale (insonnia, sclerosi a placche, epilessia), per i tumori e per le allergie. Commercializza inoltre dei prodotti da banco e dei farmaci generici nonché dei vaccini a uso umano. Possiede 75 siti di produzione e svolge le proprie attività a livello internazionale.

 

Le alleanze strette dal gruppo GlaxoSmithKline

Interessiamoci ora alle varie partnership che il gruppo GlaxoSmithKline ha potuto stringere nel corso degli ultimi anni e che hanno avuto un’influenza sulla sua quotazione in Borsa. Le alleanze strategiche sono infatti spesso seguite da interessanti movimenti delle azioni in Borsa ed è quindi interessante saperle individuare in anticipo ed interpretarle. Ecco quindi alcuni esempi recenti di questo tipo di partnership.

  • Per cominciare, nel 2006 il gruppo GlaxoSmithKline ha annunciato una partnership strategica con la società Myogen che ha avuto come effetto una forte crescita dei rispettivi titoli sul mercato. Questa partnership riguarda la distribuzione di un nuovo trattamento contro l’ipertensione arteriosa a livello polmonare. I diritti su questo farmaco, l’Ambrisentan, sono del gruppo Myogen che era all’epoca nella fase III dei test clinici ed ha proposto di cederli a GlaxoSmithKline per la distribuzione nel mercato statunitense. Sempre nel quadro di questa partnership, Myogen ha ricevuto un pagamento iniziale di 20 milioni di dollari e poi un importo di 80 milioni di dollari correlato all’ammontare delle vendite nonché dei diritti supplementari.
  • Nel 2016, il gruppo ha siglato un’altra partnership strategica con la società Siemens. Tale accordo strategico su scala mondiale ha permesso di fare della Siemens un ottimo partner per il laboratorio in termini di automazione della produzione. Infatti, nel quadro di questo accordo Siemens è diventata il fornitore privilegiato dei siti di produzione e di ricerca e sviluppo di GSK nel mondo. Questo nuovo accordo consolida una partnership di lunga data tra le due società e permette a GlaxoSmithKline di rinnovare la propria strategia globale in termini di automazione. Per permettere questa collaborazione sono stati concordati dei criteri ben precisi soprattutto per quanto riguarda la direzione generale delle due aziende che sosterrà pienamente la partnership e promuoverà una trasparenza basata su una fiducia reciproca. Siemens e GSK desiderano creare in tal modo del valore aggiunto in particolare attraverso la gestione di procedure, delle apparecchiature di automazione e di controllo distribuito nonché dei sistemi di automazione di edifici per i siti del laboratorio britannico. Questa alleanza prende di mira in particolare i settori della produzione modulare, della fabbricazione per lotti di prodotti sterili, l’ottimizzazione dei macchinari e delle linee di produzione e la produzione di farmaci.
  • Sempre nel 2016, è con il gigante statunitense Google che GlaxoSmithKline ha stretto una partnership di grande respiro. Le due imprese hanno infatti creato una joint-venture tramite la filiale di Google Verily Life Science di cui il gruppo statunitense detiene il 45% lasciando, quindi, al laboratorio britannico la maggioranza. La joint-venture è stata denominata Galvani Bioelectronics in memoria dello scienziato italiano Luigi Alosio Galvani, che ha scoperto la bioelettricità nel XVIII° secolo nel corso di un esperimento sulle cosce di rana, ed ha a disposizione dei fondi per 640 milioni di euro su 7 anni nel quadro del finanziamento della ricerca, dello sviluppo e della commercializzazione di trattamenti basati sulla bioelettricità.

Così come queste partnership del passato hanno influenzato la quotazione delle azioni GlaxoSmithKline, le alleanze a venire vanno seguite con attenzione per prevedere in anticipo i movimenti futuri.

 

 

Nessun voto ancora

Come cominciare a fare trading sulle azioni GlaxoSmithKline?

Investi senza attendere oltre sulla quotazione delle azioni GlaxoSmithKline sia all’acquisto che alla vendita grazie ai CFD dei broker riconosciuti e ad una piattaforma di trading che ha già fatto prova di efficacia presso gli investitori.

Inizia a fare trading su GlaxoSmithKline!
76.4% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.