FACEBOOK

Analisi della quotazione delle azioni Facebook

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

L’azione della società Facebook è una delle ultime ad essere stata quotata in Borsa nel 2012. Si possono, perciò ormai acquistare dei titoli di questo celebre social forum o speculare sul rialzo o il ribasso dei suoi valori.

Ultimi notizie

Facebook: Bruxelles e Londra aprono indagini su pratiche anticoncorrenziali

15/06/2021 - 07h36

L'apertura di un'indagine formale non pregiudica il risultato. Ma Facebook dovrà dare spiegazioni ai regolatori di mercato dell'UE su Facebook Marketplace.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Le cifre e le statistiche relative alle spese per la pubblicità su Internet sono della massima importanza in quanto rappresentano la maggior parte delle fonti di reddito del gruppo.

Analisi n. 2

Andranno inoltre seguite le previsioni relative all’attività dei giochi ospitati su Facebook che da alcuni anni seguono un trend relativamente positivo.

Analisi n. 3

Bisognerà poi seguire lo sviluppo di nuove funzionalità e di sviluppi tecnici apportati da Facebook in diversi ambiti di intervento.

Analisi n. 4

I dati riguardanti l'utilizzo di diversi media e supporti (PC o dispositivi mobili) possono anch’essi influenzare le attività e quindi i risultati di Facebook.

Analisi n. 5

Il gruppo fronteggia inoltre alcuni problemi relativi all’utilizzo dei dati personali e saranno quindi da seguire le vicende legate a tali problemi nonché lo sviluppo di soluzioni per proteggere gli utenti e rassicurarli.

Analisi n. 6

Lo sviluppo di Facebook in alcuni mercati a cui per il momento non può accedere, come quello cinese, è un ulteriore fattore in grado di influenzare le sue azione.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Facebook

Chi non conosce ancora il nome Facebook? Pochissimi di sicuro, visto che la società Facebook non è altro che quella che ha lanciato il celebre social forum omonimo.

Questa impresa, con un numero di utilizzatori unici che supera il miliardo, incarna da sola la riuscita che numerose società su internet si augurano.

Basti dire che i privati che questa società permette di raggiungere sono numerosi e interessano da molto vicino gli inserzionisti. È a partire da questa constatazione, quindi, e dalle possibilità di ricavi che promette che i titoli della società Facebook sono stati introdotti in Borsa.

Si constata anche che, rispetto al numero di utenti di questo sito di condivisione, i capitali ottenuti al momento del suo inserimento hanno permesso di valutare a 100$ il prezzo da pagare per ogni utente. Non è stata una sorpresa, quindi, che gli investitori si siano presentati massicciamente per comprare titoli di questa società, mirando ad un rialzo costante ed esponenziale del numero di prospettive potenziali su questa rete ed alle  possibilità di volumi d’affari a lungo termine.

Analisi della quotazione delle azioni Facebook
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Per comprendere meglio come possa evolvere nel tempo la quotazione delle azioni Facebook, è importante sapere in quale contesto evolve l’impresa. A tal fine, elenchiamo qui i suoi principali concorrenti sul suo settore di attività principale:

Tencent

In primo luogo, il gruppo Tencent Holding Limited è senza dubbio uno dei principali concorrenti di Facebook. Si tratta di una società cinese specializzata in servizi Internet e mobili e in pubblicità online con sede a Shenzhen. Tra i servizi offerti da Tencent figurano social network, portali web, commercio online, giochi online multiutente, un servizio di messaggeria istantanea denominato Tencent QQ e la messaggeria istantanea WeChat.

LinkedIn

Sul segmento professionale, il gruppo Facebook si trova anche a dover far fronte al social network Linkedin, un'impresa statunitense con sede in California creata nel 2002. Attualmente il sito conta oltre 660 milioni di membri e utenti in oltre 170 settori di attività ed è presente in circa 200 paesi e territori. È inoltre importante segnalare che nel 2016 la società e il suo social network sono stati acquistati da Microsoft per un importo di 26,2 miliardi di dollari, pari a 23,4 miliardi di euro.

TikTok

La società TikTok gestisce un social network sotto forma dell'omonima applicazione mobile per la condivisione di video lanciata nel 2016. L’applicazione è stata sviluppata dalla società cinese ByteDance come versione internazionale dell’applicazione Douyin già esistente sul mercato cinese.

Pinterest

Occorre inoltre seguire con interesse la concorrenza del sito statunitense Pinterest, che è ovviamente uno dei giganti dei social network. Più precisamente, il sito racchiude diversi concetti, tra cui quello di social network e di condivisione di fotografie. È stato lanciato nel 2010 da Paul Sciarra, Evan Sharp e Ben Silbermann e consente in particolare ai propri utenti di condividere i loro centri d'interesse e le loro passioni attraverso album di fotografie pubblicate sul web. Il nome attribuito al sito deriva dalla contrazione di pin e interest che significano puntina e interesse.

Twitter

Infine, è ovviamente necessario seguire il gruppo Twitter, che è attualmente il maggiore concorrente di Facebook. Si tratta di un social network di microblogging gestito dalla società Twitter Inc che consente agli utenti di inviare gratuitamente sul web micromessaggi denominati «tweets», tramite posta istantanea o SMS. I messaggi sono limitati a 280 caratteri. Il social network è stato creato nel 2006 e da allora è diventato molto popolare con diverse centinaia di milioni di utenti attivi al mese in tutto il mondo. Il gruppo ha iniziato a generare profitti per la prima volta nel 2018 in seguito a delle restrizioni di budget. Ha sede negli Stati Uniti e più precisamente a San Francisco.


Alleanze strategiche

Dal punto di vista delle imprese partner di Facebook, si possono citare alcuni giganti della Borsa che si sono associati nel 2016 nella creazione di un partenariato dedicato all’intelligenza artificiale a vantaggio dei cittadini e della società. Si tratta delle società IBM, Microsoft, Google e Amazon.

Questa associazione è in realtà un’organizzazione non a fine di lucro che ha come principale obiettivo, come dice il nome stesso, di effettuare delle ricerche per determinare quali sono le buone prassi per l’utilizzo dell’intelligenza artificiale, che è sempre più spinta in avanti al giorno d’oggi. I risultati delle ricerche ottenuti da queste società saranno pubblicati con una licenza open.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Le azioni Facebook, fin dalla loro prima quotazione in Borsa, hanno suscitano un grande interesse presso gli investitori del mondo intero e non è un caso. Bisogna infatti riconoscere che questo titolo presenta un certo numero di vantaggi per il trading online che vi proponiamo di scoprire più nel dettaglio attraverso un riassunto delle sue principali qualità.

La prima cosa che si constata riguardo alla società Facebook è la sua capacità di migliorare i propri risultati di anno in anno. La liquidità del gruppo mostra un rialzo quasi costante e i profitti sono generalmente quelli attesi. Queste specificità rassicurano molto gli investitori e permettono a Facebook di essere un titolo privilegiato da chi possiede un portafogli borsistico.

È inoltre noto che il gruppo Facebook presenta una eccezionale capacità di penetrazione del mercato su scala internazionale. Tocca infatti oltre il 66% degli utenti di Internet negli Stati Uniti ed anche il 46% degli utenti di Internet in Asia, ivi inclusa la Cina che è un mercato piuttosto difficile da penetrare in questo segmento. In Europa oltre il 46% degli utenti di Internet possiede un conto Facebook e lo utilizza regolarmente.

Sebbene Facebook subisca la concorrenza di altri social media, di cui vi abbiamo parlato prima, rimane un attore principale di questo settore di attività e conserva la sua posizione di predominanza in termini di quote di mercato. Il suo titolo borsistico può quindi appoggiarsi a questa popolarità costante per attirare nuovi investitori. Il successo del social media è dovuto principalmente ad un fenomeno ben noto ai sociologi che consiste nel generare presso i propri utenti un fortissimo senso di appartenenza e di dipendenza che costituisce una vera garanzia per il futuro della piattaforma.

Infine bisogno comunque sottolineare che le operazioni di acquisto mirate effettuate da Facebook nel corso degli ultimi anni hanno contribuito al suo successo, come per esempio l’acquisto della società Instagram nel 2012.

Il gruppo Facebook ha del resto numerose opportunità ancora da cogliere nel futuro che potrebbero permettergli di guadagnare ulteriori quote di mercato accrescendo la propria reddittività. Da qualche anno ormai assistiamo in particolare ad un aumento importante delle spese pubblicitarie online da parte delle aziende. Poiché il modello di redditività di Facebook si basa essenzialmente su questo tipo di entrate, si può facilmente scommettere sul fatto che le entrate della società beneficeranno di questa infatuazione. 

Nel settore dei giochi online, il gruppo Facebook ha ancora molto da guadagnare perché i risultati ottenuti da qualche anno rimangono al rialzo.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Come abbiamo appena visto, la solidità finanziaria e le prospettive future piuttosto positive del gruppo Facebook lasciano pensare che questo attivo di Borsa sia particolarmente interessante per gli investitori. Ma questo titolo non presenta ovviamente soltanto dei vantaggi ed è importante conoscere anche i suoi principali difetti prima di trattarlo online.

Tra i principali difetti delle azioni Facebook si rimarca in particolare una mancanza al momento attuale di efficacia delle pubblicità nelle pagine del social media che fatica perciò a trovare nuovi inserzionisti, nonostante una domanda in forte crescita.

Si nota inoltre che l’applicazione Facebook per i dispositivi mobili, sebbene sia stata salutata dalla critica per la sua qualità, produce meno entrate della sua versione online soprattutto perché ottiene meno click sui suoi link pubblicitari. Poiché gli utenti dei social media privilegiano sempre più gli Smartphone rispetto ai computer, questo problema potrebbe comportare, nel tempo, una riduzione della redditività e delle difficoltà crescenti per il gruppo nel reclutare nuovi inserzionisti. 

Il gruppo Facebook deve inoltre portare avanti alcune battaglie in ambito legale soprattutto per quanto riguarda i problemi legislativi legati alla privacy. Sebbene la società abbia fatto dei veri sforzi in questa direzione nel corso degli ultimi anni, l’utilizzo dei dati personali da parte del suo social media si presta ancora a delle controversie e potrebbe avere delle ripercussioni negative in futuro.

Infine, uno degli ultimi punti deboli di Facebook riguarda la sua esposizione sempre più forte ad una concorrenza sempre più aggressiva. Il mantenimento della sua posizione predominante in questo settore dipenderà quindi essenzialmente dalla sua capacità di innovarsi per rimanere sempre all’avanguardia e di proporre funzionalità che seducono il grande pubblico.

Concludendo, anche se il gruppo Facebook deve far fronte ad alcuni ostacoli per mantenere la sua popolarità e la sua redditività al rialzo, gli obiettivi rimangono raggiungibili e questa azione gode del parere positivo degli esperti dell’analisi. È però comunque consigliato seguire con la maggior attenzione possibile le notizie relative al gruppo abbonandosi ad un flusso o utilizzando un sito specializzato come quello del vostro broker online perché questo titolo reagisce immediatamente agli effetti annuncio.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Come acquistare le azioni Facebook?

Ci sono diversi modi per acquistare online le azioni statunitensi Facebook tra i quali, in particolare, si può scegliere tra due metodi correnti ovvero aprire un conto di trading di CFD presso un broker regolamentato o aprire un conto azioni e ETF. Basta quindi aprire un conto di trading online, depositarvi il capitale che si desidera investire e prendere posizione sulle tendenze future di questo valore.

Qual è il rendimento medio delle azioni Facebook in Borsa?

Dalla loro prima quotazione nel 2012 le azioni Facebook hanno seguito una forte evoluzione al rialzo ed hanno guadagnato circa il 300% del loro valore in meno di 7 anni. Va comunque segnalato che nel 2018, in seguito allo scandalo che ha colpito l’azienda, le azioni Facebook sono scese del 26% ma bisogna anche rilevare che a partire da inizio 2019 il titolo è riuscito a recuperare efficacemente prendendo più del 19% in un anno ritrovando i livelli di inizio 2018.

Quali sono le acquisizioni strategiche realizzate da Facebook?

Il gruppo Facebook ha messo in opera una strategia di sviluppo e di espansione delle proprie attività basata in gran parte su delle acquisizioni mirate, strategia del resto condivisa dalle altre grandi imprese del settore come Apple e Google. Per quanto riguarda Facebook, il gruppo ha acquistato, in particolare, Instagram, WhatsApp e Occulus VR.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com