Comprare le azioni Engie

Valutazione: 4.14 21 voti
 

In Francia, il settore dell’energia è stato privatizzato alcuni anni fa e, di conseguenza, diverse grandi aziende hanno potuto essere introdotte in Borsa e tra queste la società GDF Suez, recentemente diventata “Engie”. È quindi ormai possibile acquistare online le azioni Engie e,a tal fine, ecco il suo corso in diretta, un’analisi dei suoi prezzi ed alcune informazioni complementari a proposito di questa società.  

 

A proposito del gruppo Engie

Engie è una società francese il cui obiettivo è rispondere alle sfide energetiche ed ambientali contemporanee. Propone a privati, comuni ed aziende delle soluzioni basate su un approvvigionamento di gas diversificato e degli impianti di produzione elettrica ecologica.

È anche un fornitore di energia in concorrenza diretta con i più grandi come EDF.

Engie impiega attualmente oltre 147.000 dipendenti e realizza un volume d’affari che supera i 74 miliardi di euro l’anno.

 

Dettagli della società Engie

Per trattare le azioni Engie in Borsa è anche necessario conoscere bene le sue attività. Eccole in dettaglio:

L’elettricità. Engie è ad oggi il primo produttore di elettricità al mondo. Produce elettricità a partire da differenti tipi di centrali tra cui:

  • Le centrali idroelettriche con la filiale Tractebel Engie.
  • Le centrali a gas a ciclo combinato
  • Le centrali a carbone
  • Le centrali a nafta
  • Le centrali nucleari

Le energie rinnovabili. Engie è molto presente anche nel settore delle energie rinnovabili con:

  • L’eolico
  • Il solare
  • La biomassa
  • La geotermia

Il gas. Engie è anche presente nella catena di estrazione, produzione e fornitura di gas. Sono sue la più grande rete di trasporto di gas naturale in Europa così come la più grande rete di distribuzione. Engie è inoltre leader europeo per capacità di stoccaggio di gas naturale e numero due in Europa per capacità di stoccaggio nei terminali GNL.

I servizi. Per concludere, Engie propone un certo numero di servizi nel settore energetico oltre alla semplice fornitura di gas e di elettricità. Ecco alcuni di questi servizi:

Progettazione con relativi studi di fattibilità, ingegneria di base, gestione di progetti, assistenza nella gestione delle opere, smantellamento.

Installazioni e manutenzione con le soluzioni di installazione elettrica, climatizzazione e refrigerazione, sistemi di informazione e di comunicazione e manutenzione industriale.

Servizi energetici come il miglioramento delle performance energetiche delle costruzioni, la produzione, lo sfruttamento e la distribuzione di energie locali e rinnovabili, il facility management e la gestione delle reti urbane.

Servizi per le abitazioni con le soluzioni di gestione dei consumi intorno alle energie rinnovabili e alla ristrutturazione termica degli immobili, i servizi di finanziamento dei lavori di isolamento degli alloggi.

Servizi di smart city con lo sviluppo di reti interconnesse con sensori intelligenti, computer comunicanti, tecnologie digitali di monitoraggio dei consumi, strumenti di controllo a distanza delle installazioni energetiche e soluzioni di riduzione dell’impronta carbone delle costruzioni.

 

I principali concorrenti di Engie

Il gruppo francese Engie è attualmente il numero due del settore della produzione e distribuzione di elettricità in Francia. Poiché esporta la sua energia anche in Europa e nel mondo deve far fronte ad una concorrenza più o meno forte. Vi proponiamo qui la classifica dei più grandi produttori di elettricità al mondo, concorrenti diretti di Engie.

  • E.ON in Germania è il leader in termini di volume d’affari.
  • L’italiana Enel è la seconda in classifica.
  • EDF è attualmente al terzo posto nel mondo.
  • Engie si posizione in quarta posizione nella classifica.
  • Segue TEPCO in Giappone.
  • RWE in Germania.
  • Korea Electric Power Corporation in Corea del Sud.
  • SSE nel Regno Unito.
  • Iberdrola in Spagna.
  • Ed infine Kansai electric Power in Giappone.

È fondamentale tener conto dell’insieme di questi concorrenti per elaborare le proprie analisi fondamentali delle azioni Engie. Per farlo potete consultarne i risultati online o presso il vostro broker.

 

I principali partner di Engie

Il gruppo Engie ha sviluppato anche un certo numero di partenariati strategici nel corso degli ultimi anni, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo all’internazionale e l’innovazione tecnologica. Ecco le principali alleanze mezze in opera.

  • Nel 2015 Engie si è associata a BNP Paribas per mettere in opera un programma pilota di factoring collaborativo all’internazionale.
  • Nel 2016 Engie e General Electric sono diventate anch’esse partner e rafforzano la loro collaborazione nello sviluppo digitale, in particolare per migliorare la performance degli attivi di produzione del gruppo Engie.

Nel 2017 il gruppo Schneider Electric è diventato partner di Engie equipaggiando i parchi eolici e solari del gruppo con i suoi software tecnologici di controllo e gestione dati.

 

Analisi del corso delle azioni Engie

Le azioni Engie sono quotate contemporaneamente a Parigi, Bruxelles e nel Lussemburgo ed integrano il calcolo degli indici borsistici CAC 40, BEL 20, DJ Stoxx 50, DJ Euro Stoxx 50, Euronext 100, FTSE Eurotop 100, MSCI Europe e ASPI Eurozone.

L’analisi storica della loro quotazione mostra un periodo rialzista tra giugno 2006 e giugno 2008 seguito da una correzione al ribasso che dura ancora oggi.

 

Storico economico e finanziario della società Engie

Per aiutarvi a cogliere meglio i movimenti futuri delle azioni Engie è necessario conoscere gli avvenimenti che hanno avuto un impatto su di esse nel passato. Ecco quindi un riepilogo storico dei fatti più recenti:

  • La formula di calcolo dei costi di approvvigionamento di GFD Suez è stata resa pubblica dalla Commissione di Controllo dell’Energia francese nel 2009.
  • Nel 2010 il gruppo annuncia la propria alleanza con la compagnia elettrica britannica International Power che darà vita alla New International Power in cambio del 70% del capitale di International Power. Il gruppo diventa in tal modo leader del settore dei servizi alle collettività.
  • Nel 2013 il gruppo annuncia l’acquisto di Balfour Beatty Workplace per un importo sconosciuto.
  • Nel 2013 GDF Suez acquista per un importo di 335 milioni di dollari il gruppo statunitense Ecova che opera nel settore dell’ottimizzazione energetica.
  • Nel 2015 GDF Suez annuncia un cambiamento di nome e diventa Engie. L’anno stesso il gruppo acquista il 95% delle quote di Solairedirect per un importo sconosciuto e quadruplica in tal modo la propria produzione di fotovoltaico. Sempre nel 2015 Engie acquista TSC, una società australiana specializzata in servizi energetici.
  • Nel 2016 Engie sigla un accordo con Gazprom per l’adattamento del prezzo dei loro contratti di approvvigionamento di gas a lungo termine. Lo stesso anno il gruppo acquista l’80% di Green Charge Network, azienda specializzata nello stoccaggio di energia nelle batterie.
  • Nel 2017 Engie vince un appalto in Arabia Saudita per la costruzione di una centrale di cogenerazione di elettricità per un ammontare di 1,2 miliardi di dollari. Lo stesso anno annuncia la vendita a Dynergy per 3,3 miliardi di dollari della propria partecipazione in una joint venture in Asia e negli Stati Uniti nonché la vendita del proprio 40% di quote in Nugen per 139 milioni di euro. Allo stesso tempo aumenta la propria partecipazione nella Compagnie du Vent dal 59% al 100%.

 

Dati borsistici importanti a proposito delle azioni Engie

  • Nel 2017 la società Engie presenta una capitalizzazione borsistica totale che raggiunge i 33.290,35 milioni di euro.
  • Il numero di titoli emessi dalla società Engie attualmente in circolazione è di 2.435.285.011.
  • Il corso delle azioni Engie viene attualmente quotato in Francia sul compartimento A del mercato Euronext Paris.
  • La società Engie fa anche parte della composizione dell’indice borsistico nazionale belga BEL20.
  • L’azionariato della società Engie è composto per il 59.48% da floating assets, per il 32.76% da quote dello Stato francese, per il 2.75% da quote dei dipendenti, per l’1.88% da quote della Cassa Depositi e Prestiti francese, per l’1.54% da quote in autocontrollo, per l’1.02% da quote di CNP e per lo 0.57% da quote di GBL.

 

La nuova strategia di sviluppo del gruppo Engie

In seguito alla privatizzazione del fornitore di energia storico francese EDF-GDF ed alla creazione di GDF-Suez, diventata in seguito gruppo Engie, questa nuova entità ha dovuto rimettersi molto spesso in gioco per fronteggiare una concorrenza sempre più forte ed aggressiva. Il gruppo Engie ha quindi recentemente riorganizzato la propria strategia concentrandola su tre grandi assi principali: prima di tutto un’energia decarbonizzata e meno inquinante (sostituendo il carbone ed il petrolio con il gas naturale e le energie rinnovabili), un’energia decentralizzata (producendola e stoccandola lontano dal luogo di vendita e di utilizzo) ed un’energia digitale (con l’utilizzo di sensori, big data e vari strumenti digitali destinati a migliorare l’efficienza energetica e ad ottimizzare la gestione delle reti). Questa strategia, in riferimento ai tre assi, è stata quindi denominata “strategia delle 3D”. Ecco in dettaglio i cambiamenti e i miglioramenti strategici attuati dall’azienda nel quadro di questa revisione strategica.

Un’energia decarbonizzata. Sono ormai diversi anni che il gruppo Engie ha messo in opera una strategia efficace nel settore delle energie verdi. Dal 2014 ha infatti investito molto nelle energie a bassa emissione di CO2 con lo sviluppo di diverse energie rinnovabili come l’energia eolica, l’energia solare, la geotermia, la biomassa, l’energia idroelettrica e il gas naturale. Ha inoltre messo a disposizione di collettività, aziende e privati dei servizi finalizzati ad un consumo più responsabile. Successivamente, nel 2015, il gruppo ha interrotto del tutto i propri investimenti nel settore del carbone, una delle energie più inquinanti. Ricordiamo qui che nel 2013 Engie aveva annunciato la propria volontà di posizionarsi come pioniere e leader della transizione energetica emettendo anche, nel 2014, un’obbligazione verde di oltre 2,5 miliardi di euro. Questo cambiamento di rotta in favore delle energie verdi non interessa unicamente la Francia visto che il gruppo punta anche ad altri mercati nel mondo e sviluppa questo tipo di servizi in tutta Europa nonché in Africa, Cile, Stati Uniti e Messico.

Un’energia decentralizzata. Il gruppo Engie cerca anche di favorire la produzione decentralizzata dell’energia. A tal fine, ha creato delle offerte diversificate come quella di autoconsumo, un’offerta destinata a privati, imprese e collettività che prevede l’installazione di pannelli solari o la trasformazione di superfici solarizzabili. Per portare a buon fine questa transizione, il gruppo Engie deve ovviamente cedere alcuni attivi nel settore della produzione elettrica delle sue grandi centrali per finanziare queste soluzioni di nuova generazione e decentralizzate. Si tratta quindi di una strategia a lungo termine che dovrebbe portare i suoi frutti nel tempo.

Un’energia digitale. Come qualsiasi azienda che voglia mantenersi al passo coi tempi e profittare dei progressi tecnologici per prosperare, Engie ha puntato molto sulla modernizzazione e sulla digitalizzazione delle sue attività. La digitalizzazione concerne al tempo stesso le categorie professionali impiegate, i servizi offerti e l’organizzazione aziendale in generale. A tal fine, il gruppo ha stretto diversi partenariati nei settori delle relazioni con i clienti, della cyber sicurezza nonché nel settore dell’analisi del big data. Ha inoltre creato l’entità Engie Digital che produce in prima persona dei software e fa previsioni sulle esigenze digitali del gruppo. Grazie a questi diversi progetti ed innovazioni il gruppo Engie ha tra l’altro ottenuto il premio eCAC 40 per la trasformazione digitale rimesso da Les Echos Business nel 2016.

Si noti che, oltre a questa strategia delle 3D, il gruppo Engie investe molto anche nel settore dell’innovazione aperta per il quale ha creato un fondo finalizzato al finanziamento di start-up innovative e di bandi di progetti interni ed esterni.

 

Le grandi filiali detenute dal gruppo Engie

Il gruppo Engie detiene numerose società ed entità indipendenti che gli permettono di attuare una buona strategia multicanale. Per conoscere bene questa azienda ed essere in grado di prevedere le variazioni delle sue azioni in Borsa, vi aiutiamo con il dettaglio delle grandi filiali del gruppo e le loro attività.

GRDF. La società GRDF è specializzata nella distribuzione di gas ed è attualmente il leader di questo settore di attività in Francia ed in Europa. Questa filiale ha in carico la costruzione della rete di distribuzione del gas naturale nonché della sua gestione e manutenzione. Per questo scopo GRDF ha siglato un contratto di servizio pubblico con lo Stato francese. Grazie a questa rete, la filiale si occupa dell’approvvigionamento in gas naturale degli utenti di una trentina di fornitori differenti. Questa entità impiega attualmente 12.000 dipendenti nel mondo.

Engie Cofely. Questa società creata da Engie è specializzata in servizi per l’efficienza energetica e ambientale. Propone i propri servizi principalmente alle collettività, alle imprese del terziario, al settore dell’industria e a quello della sanità. La sua principale missione è di migliorare le performance energetiche degli immobili ma si occupa anche di produzione di energie rinnovabili e garantisce inoltre la manutenzione multitecnica e il management. La società Engie Cofely impiega attualmente 12.000 dipendenti nel mondo e genera un volume d’affari di oltre 2,5 miliardi di euro l’anno.

Engie Electrabel. Questa filiale di Engie è specializzata nella fornitura di energia, principalmente elettrica e da gas naturale, nonché nella fornitura di servizi. Ad oggi è il più grande fornitore di elettricità del Benelux.

Engie Ineo. Questa società creata da Engie è un’entità specializzata nel settore dell’ingegneria elettrica, dei sistemi informativi e delle telecomunicazioni. Ha in particolare il compito di realizzare dei progetti di infrastrutture di trasporto, di telecomunicazione e di energia. Questa azienda ha in particolare realizzato il rinnovo dell'AccorHotels Arena e a preso in carico il cantiere del Forum des Halles a Parigi. Questa società impiega attualmente oltre 15.600 dipendenti in tutta Europa.

Engie IT. Altrimenti detta Engie Information et Technologies, questa società è una filiale specializzata nei sistemi informativi del gruppo Engie. Più precisamente, si occupa dell’ideazione, della realizzazione e della gestione di soluzioni informatiche destinate a dei collaboratori del gruppo Engie. Propone servizi di applicazioni e di infrastrutture. Questa entità è nata nel 2008 a seguito della fusione tra Gaz de France e Suez con la messa in opera della mutualizzazione dei sistemi informativi del gruppo che ha dato vita a Engie IT, chiamata in origine GDF Suez IT. Questa filiale è stata dotata al momento del lancio di un capitale sociale di 45 milioni di euro ed ha realizzato rapidamente un volume d’affari di diverse centinaia di milioni di euro. Recentemente, la società Engie IT ha dichiarato introiti annuali per oltre 400 milioni di euro.

Ovviamente, non abbiamo trattato qui tutte le aziende e società detenute dal gruppo Engie essendo queste estremamente numerose. Troverete comunque moltissime informazioni su queste aziende nel sito del gruppo.

 

Analisi dei punti forti e deboli del gruppo e delle azioni Engie

Per capire meglio in che modo le azioni Engie possano comportarsi in futuro e mettere quindi in opera delle strategie valide sulla loro quotazione, è necessario conoscere bene i loro punti forti e deboli per sapere come queste azioni possano svilupparsi e quali siano le loro prospettive di crescita.

Tra i punti forti del gruppo Engie va annoverata in particolare la varietà della sua gamma di prodotti che comprende gas naturale, idroelettrico, nucleare, solare, eolico, biomassa ed altri tipi di energia. Anche la presenza del gruppo a livello internazionale è un grosso punto di forza grazie allo sviluppo in oltre 70 paesi nel mondo. Il gruppo Engie beneficia anche di una elevatissima capacità di produzione di elettricità e presenta una situazione finanziaria giudicata più che soddisfacente. Infine, ricordiamo che Engie si posiziona come leader internazionale nel settore dei servizi pubblici.

Tuttavia, il gruppo Engie presenta anche alcuni punti deboli di cui si deve tener conto. Una delle sue debolezze concerne la concentrazione della sua attività principalmente in Europa con l’80% degli introiti generati provenienti da questa area. Inoltre, da alcuni anni il gruppo viene accusato di manipolazione dei mercati.

Engie è un valore interessante per gli investitori in considerazione delle numerose opportunità che si offrono a questa azienda nel prossimo futuro. Si noterà per esempio la sua grande capacità di sviluppo in alcuni paesi e zone geografiche come l’India, l’Africa ed il Medio Oriente che costituiscono dei mercati interessanti e redditizi. Le energie rinnovabili sono anch’esse uno degli assi di sviluppo cui punta il gruppo Engie per poter conquistare una posizione di leadership.

Comunque, per cogliere queste opportunità e profittarne al meglio, Engie deve fronteggiare alcune minacce quali una concorrenza sempre più forte nel settore delle energie rinnovabili o l’aumento dei prezzi del gas.

Come comprare online le azioni Engie?

Per acquistare subito le azioni Engie e speculare sul loro corso basta creare un conto di trading presso un broker rinomato. Fatelo subito ed approfittate di numerosi vantaggi.

Trattate subito le azioni Engie!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.