Comprare azioni Carrefour

Valutazione: 4.32 22 voti
 

Spesso si pensa a torto che le azioni più interessanti su cui è possibile investire siano quelle delle grandi società americane. Ma anche il francese CAC 40 rigurgita di attivi molto interessanti perché le società francesi non hanno niente da invidiare quanto a capitalizzazione borsistica. È in particolare il caso delle azioni Carrefour che conoscono un successo crescente da alcuni anni e che interessano sempre di più i trader privati per via della loro forte liquidità e dell’accessibilità alle informazioni che le riguardano.  

 

Attività del gruppo Carrefour

Il gruppo Carrefour, che si è fuso con il gruppo francese Promodés benché si fosse già rapidamente esteso a livello europeo, è oggi il leader della grande distribuzione in Europa ed è andato anche ben oltre posizionandosi ad oggi al secondo posto mondiale di questo mercato molto appetibile, subito dopo il gigante americano Wall-Mart.

È stato questo gruppo a lanciare i primi ipermercati nel 1963 ma possiede anche un gran numero di strutture commerciali più piccole come i supermercati e i minimarket.

Generalmente il gruppo Carrefour è noto per i marchi che portano il suo nome ma conta al suo attivo anche altri marchi conosciuti.

 

Storia della società Carrefour

Per capire meglio le evoluzioni passate delle azioni Carrefour è importante conoscere le date significative che ne hanno marcato la storia. Sono particolarmente da ricordare gli eventi seguenti:

  • Dal 1985 al 1989 il gruppo Carrefour è passato da una piccola impresa familiare e nazionale ad un grande gruppo internazionale.
  • Dal 1998 al 2000 conosce il suo  periodo di maggior crescita, beneficiando dell’infatuazione del pubblico per la grande distribuzione.
  • Dal 2001 al 2004 l’arrivo della concorrenza sul piano europeo fa crollare la quotazione dei suoi titoli.
  • Dal 2007 al 2011 la razionalizzazione messa in opera permette l’ingresso di nuovi attori nel capitale.
  • Infine dal 2012 la creazione di nuove identità e attività come Carrefour Banque permetterà al gruppo di vedere di nuovo le sue azioni salire.

 

I principali concorrenti di Carrefour

Carrefour è uno dei più grandi gruppi francesi ed europei della grande distribuzione e di conseguenza i suoi principali concorrenti provengono da questo stesso settore. Il fatto di conoscere tali concorrenti permette di circoscrivere meglio le azioni Carrefour e di studiare gli eventuali cambiamenti nelle aree di mercato dei vari avversari commerciali per anticipare al meglio le variazioni della quotazione. Ecco perciò la lista dei grandi gruppi che fanno concorrenza attualmente al gruppo Carrefour:

  • Tesco PLC
  • Casino Guichard-Perrachon SA
  • Delhaize Group S.A.
  • Metro AG
  • ALDI Group
  • EdekaZentrale AG & Co. KG
  • Lidl Dienstleistung GmbH & Co. KG
  • Koninklijke AholdNV
  • Groupe Auchan S.A.
  • REWE Group

 

I principali partner di Carrefour

Il gruppo Carrefour è anche partner di alcuni eventi sportivi come il Tour de France, di cui è uno degli sponsor ufficiali, ma ha saputo associarsi con alcune grandi imprese per dei progetti comuni che è importante conoscere per completare correttamente le proprie analisi di questo titolo borsistico.

È questo per esempio il caso di un partenariato con GDF Suez attivato nel 2015 che ha per obiettivo di mettere in servizio i primi camion non inquinanti al bio-metano.

Carrefour si è separata dai suoi negozi Dia nel mondo nel 2011 ma ha poi acquisito i negozi di questo gruppo in Francia nel 2015. Si può quindi dire che queste due società sono ancora partner, almeno per quanto riguarda il mercato francese.

Infine Carrefour è partner di MasterCard per uno dei suoi servizi di finanziamento: la carta PASS. Questo partenariato è stato creato nel 2009 dal suo servizio di Bancassurance ed è stato recentemente rinnovato il che fa pensare che possa durare ancora diversi anni. 

 

Corso e quotazione delle azioni Carrefour

Le azioni del gruppo Carrefour vengono quotate sul mercato Euronext Paris. Dalla loro prima quotazione, il loro corso oscilla tra 22€ e 58€. Il massimo è stato raggiunto nel 2007 dopo due anni di stagnazione e diverse crisi si sono succedute nel 2008 e 2009, in gran parte a causa della crisi economica che ha colpito e colpisce ancora attualmente l’Europa.

Tuttavia, il gruppo Carrefour ha saputo reagire di fronte alle difficoltà visto che dal 2010 le sue azioni sono nuovamente in rialzo malgrado un leggero arretramento nel 2011. Ad oggi si muovono attorno ai 32€.

Il gruppo Carrefour, essendo fortemente rappresentativo del settore della grande distribuzione francese, fa ovviamente parte della società incluse nel calcolo del primo indice europeo: il CAC 40. La sua parte nel calcolo globale è ad oggi del 2,83%.

 

I dati borsistici importanti a proposito del gruppo Carrefour

Sempre con l’obiettivo di capire meglio cos’è che influenza l’evoluzione della quotazione delle azioni Carrefour, vi proponiamo ora di prendere conoscenza di alcuni dati borsistici più generali ma che vanno tenuti presenti:

  • Nel 2017 la capitalizzazione borsistica totale del gruppo Carrefour è di 15.725,91 milioni di euro.
  • Ci sono attualmente 756.235.154 titoli in circolazione sul mercato borsistico.
  • Il corso delle azioni Carrefour viene quotato sul compartimento A del mercato Euronext Paris in Francia.
  • La società Carrefour fa parte dell’indice borsistico nazionale francese CAC 40.
  • Il suo azionariato è in gran parte privato. Si nota in particolare che l’11.51% delle quote è detenuto da Galfa, l’8.05% da Stanhore Trading Internacional, il 5.8% da JPMorgan Chase & Co e il 5.03% da Cervinia Europe.

 

Come analizzare la quotazione delle azioni Carrefour

Come per tutti i titoli dei grandi gruppi internazionali, e per capire in che modo si evolvono le azioni del gruppo Carrefour, è necessario interessarsi a vari elementi fondamentali oltre all’analisi tecnica. Ecco gli indicatori da seguire:

  • Le innovazioni e il lancio di nuovi prodotti o attività
  • Il volume d’affari lordo dell’impresa
  • I suoi risultati netti
  • Gli investimenti in Francia e fuori.
  • Gli avanzamenti e le innovazioni della concorrenza

Grazie a questi diversi elementi, sarete rapidamente in grado di capire in che modo le quotazioni delle azioni Carrefour possano evolversi a breve, medio o lungo termine. Si noti che i titoli Carrefour sono suscettibili di guadagnare ulteriori punti nel corso dei prossimi anni.

 

I differenti tipi di negozio del gruppo Carrefour

Il gruppo Carrefour si posiziona sul mercato della distribuzione tramite diversi tipi di negozio che vediamo qui in dettaglio:

  • Gli ipermercati. Sono quasi 1.500 e distribuiti in molti paesi sempre sotto il marchio Carrefour. Hanno una superficie minima di 3.000 m2 ma possono raggiungere i 24.400 m2 ed occupano da 250 a 750 dipendenti. Carrefour possedeva circa 1.000 ipermercati al di fuori della Francia nel 2006 che sono diventati 1.302 nel 2008, di cui 231 in Francia. Va anche notato che il gruppo ha lanciato nel 2010 il concept Carrefour Planet, destinato a sostituire tutti gli ipermercati già esistenti ma lo sviluppo di questo progetto è stato abbandonato nel 2012. Ad oggi ci sono nel mondo circa 1.500 ipermercati Carrefour.
  • I supermercati. Hanno una superficie massima di 3.000 m2 e sono generalmente al di sotto dei 2.500 m2. I supermercati del gruppo Carrefour operano sotto i marchi Champion, Carrefour Express, Endi, GB, GS, Gima, Globi e Norte. Attualmente ci sono nel mondo 3.462 supermercati appartenenti al gruppo Carrefour, soprattutto i marchi Carrefour Bairro, Carrefours Market et Supeco.
  • L’hard discount. Il concept è stato sviluppato dopo la seconda guerra mondiale da Aldi ed è stato poi ripreso da Carrefour negli anni ’70. Il gruppo Carrefour è stato presente in questo settore fino al 2011, quando l’ha abbandonato in seguito alla separazione da Dia. I marchi più diffusi per questo tipo di negozio erano Minipreco in Brasile e Portogallo, Ed in Francia e Dia in Spagna, Grecia, Turchia, Argentina e Cina.
  • I negozi di prossimità. Si tratta dei minimarket e di altri piccoli negozi, a volte dati in franchising a dei piccoli commercianti indipendenti. Questi negozi sono installati in centro città o in campagna e la loro superficie può andare dai 50 ai 900 metri quadri. Questa rete di negozi è presente in tutti i paesi in cui Carrefour è presente e conta oltre 7.000 punti vendita sotto i marchi Carrefour Bio, Carrefour City, Carrefour Contact, Carrefour Easy, Carrefour Express, Carrefour Montagne, 8 à huit e Proxi. Il gruppo possedeva in Francia i marchi Shopi, 8 à huit, Marché Plus e Proxi ma sono ormai spariti dagli anni 2000.
  • Il Cash & Carry. Presente nel mondo con ben 172 punti vendita, questo tipo di negozio tratta la vendita diretta ai professionisti con il marchio Promocash in Francia ed altri marchi all’estero.
  • L’e-commerce e i servizi tramite i quali il gruppo propone ai propri clienti assicurazioni, viaggi, prodotti finanziari o spettacoli.
  • Il carburante con Carfuel che garantisce la distribuzione di carburante e di prodotti in promozione nella grande distribuzione.
  • I servizi bancari con Carrefour Banque lanciata nel 2011. È la filiale bancaria del gruppo e commercializza prodotti finanziari ed assicurativi, propone il credito al consumo nonché prodotti di risparmio, assicurazioni auto, abitazione, integrative e previdenziali.

 

Dati finanziari supplementari a proposito del gruppo Carrefour

Ecco alcuni dati che vi aiuteranno a capire meglio le attività del gruppo Carrefour e gli elementi suscettibili di influenzare i suoi risultati e l’evoluzione del suo titolo borsistico.

  • Il gruppo possiede 12.296 negozi sparsi nel mondo di cui 1.481 sono ipermercati sotto i marchi Carrefour e Atacadao, 3.462 sono supermercati sotto i marchi Carrefour Bairro, Carrefour Market e Supeco, 7.181 sono negozi di prossimità con i marchi Carrefour City, Carrefour Express, Carrefour Contact, Carrefour Montagne, Carrefour Bio, 8 à Huit e Proxi, 172 sono cash and carry tra cui Promocash, Docks Market e Grossiper. Carrefour è anche presente su Internet con svariati siti di e-commerce come Carrefour OOshop, Carrefour.fr, Carrefour.es, Carrefour.eu, Carrefour.pl, Carrefour.ro, Carrefour.com.cn e Carrefour.com.tw.
  • Il volume d’affari della società Carrefour è di oltre 77 miliardi di euro all’anno ed è realizzato per il 46,7% in Francia, per il 25,4% nel resto d’Europa, per il 20,6% in America Latina e per il 7,4% in Asia.
  • Il volume d’affari ha beneficiato di diversi aumenti significativi: nel 1991 in seguito all’acquisto di Montlaur e di Euromarché, nel 1999 con l’acquisto di Comptoir Modernes, nel 2000 con la fusione con Promedès e nel 2001 con l’acquisto di attività belghe ed italiane.

 

Quali sono i vantaggi e i punti di forza delle azioni Carrefour in quanto attivi di Borsa?

Volete investire sulle azioni Carrefour con una strategia a lungo termine e desiderate informarvi sulle possibilità di rialzo di questo titolo negli anni a venire? In questo caso, è interessante conoscere subito i vari vantaggi di questo valore di Borsa ed è per questo che vi proponiamo oggi un riassunto dei punti forti dell’impresa Carrefour nel dettaglio a seguire.

Per prima cosa è importante ricordare che il posizionamento in Europa e nel mondo del gruppo Carrefour è uno dei punti positivi. Infatti il gruppo Carrefour è ad oggi il leader della distribuzione alimentare in area europea e si classifica come secondo su scala internazionale per questo settore di attività.

La suddivisione delle attività del gruppo Carrefour nel mondo è un altro punto rassicurante. Infatti anche se il gruppo realizza a tutt’oggi la maggior parte delle sue vendite in Francia, il 47%, è comunque molto presente in altri paesi europei come il Belgio, la Spagna e l’Italia dovere realizza oltre il 26% delle sue vendite. Seguono altri paesi di altre regioni del mondo, in particolare l’America Latina, con il mercato brasiliano che produce il 19% delle vendite dell’impresa, e l’Asia, con i mercati cinese e di Taiwan.

Il gruppo Carrefour è riuscito a mettere in opera da diversi anni una strategia di prezzi bassi tutto l’anno ed ha tenuto anche a procedere al rinnovo di oltre il 70% dei suoi ipermercati francesi nel giro di pochi anni. In Brasile il 24% degli ipermercati di questa insegna sono stati rinnovati.

Per quanto riguarda il solo mercato francese che genera la maggior parte delle vendite di Carrefour, il gruppo ha guadagnato anche nuove quote di mercato, in particolare sotto il marchio Cora che detiene attualmente oltre il 28% di queste quote, davanti al gruppo Leclerc che ne detiene soltanto il 21%. Parallelamente la produttività dell’impresa ha mostrato un rialzo costante in questi ultimi anni, segno che il gruppo è in buona salute economica.

Gli investitori sono anche rassicurati dalla maniera di agire della direzione del gruppo Carrefour che ha recentemente messo in opera una strategia su tre grandi assi principali ovvero una decentralizzazione maggiore che permette maggior libertà e potere ai direttori di negozio, una ridefinizione delle attività di investimento su delle zone più mirate e su meno paesi nonché una valorizzazione più forte dell’immobiliare, in particolare grazie alla partecipazione del 48% che il gruppo detiene nella filiale Carmila.

Infine, dopo l’acquisto del sito di vendite online Rue du Commerce, il gruppo Carrefour è riuscito a farsi un posto nel settore dell’e-commerce diversificando così le sue attività di vendita.

 

Quali sono i difetti e i punti deboli delle azioni Carrefour in quanto attivi di Borsa?

Come abbiamo appena dimostrato, le azioni Carrefour sono un valore interessante per le strategie di investimento a lungo termine ma presentano comunque dei difetti che è importante conoscere prima di prendere posizione. Vi proponiamo quindi ora un riassunto dei punti deboli di questa impresa francese.

Per prima cosa è bene sottolineare che le azioni Carrefour sono molto esposte alle incertezze di alcuni altri mercati tra cui quello delle valute, con una sensibilità significativa all’evoluzione dei tassi di cambio dell’euro con il real brasiliano e lo yuan cinese. Il recente calo dei prezzi del petrolio greggio è un ulteriore freno alla loro crescita.

Sul mercato francese, e sebbene Carrefour sia riuscito recentemente a riguadagnare alcune quote di mercato, il gruppo soffre ancora di alcune lacune. La maggior parte delle sue vendite viene realizzata nella regione di Parigi, dando atto di uno sviluppo in provincia troppo debole. Del resto il gruppo è in ritardo rispetto alla concorrenza per quanto riguarda i servizi di drive, ovvero il ritiro in negozio di un ordine passato online. In questo settore molto specifico Carrefour detiene attualmente soltanto il 7% delle quote di mercato mentre il suo concorrente Leclerc ne detiene il 46%.

Per quanto riguarda il resto del mondo Carrefour ha mostrato un netto calo di volume d’affari nel mercato cinese, fenomeno che si spiega in particolare con le differenti ristrutturazioni dell’insegna in questo paese ma anche con l’arrivo di un concorrente molto pericoloso, Alibaba, che è attualmente il leader dell’e-commerce cinese. A causa di questi due fattori, il posizionamento del gruppo in Asia è rimesso in questione.

Si può anche notare, infine, che alcuni investitori trovano le azioni Carrefour ancora troppo care all’acquisto mentre altri valori di concorrenti statunitensi o britannici propongono dei prezzi più vantaggiosi e strategicamente attraenti.

Si può constatare che i difetti di Carrefour in quanto attivo di Borsa rimangono relativamente poco numerosi rispetto ai suoi vantaggi anche se devono comunque essere sorvegliati perché le vostre strategie abbiano un buon fondamento.

 

Alcuni consigli per realizzare una buona analisi fondamentale delle azioni Carrefour

Ora che conoscete i punti forti e i punti deboli delle azioni Carrefour potete cominciare a mettere in opera le vostre prime strategie di trading e per farlo avrete naturalmente bisogno di una buona analisi tecnica ma anche di un’analisi fondamentale di buona qualità che tenga conto dei principali fattori influenti. Ecco gli elementi che dovete controllare per prima cosa.

  • Le vendite, e quindi i risultati, del gruppo Carrefour sono strettamente legate al potere d’acquisto in Europa. È quindi prudente tener conto delle cifre della crescita e di altri fattori europei come eventuali rischi geopolitici o i cambiamenti nelle regole di apertura dei negozi che sono altrettanti fattori suscettibili di pesare sulla quotazione di questo attivo.
  • Ovviamente bisognerà sorvegliare anche il posizionamento del gruppo di fronte alla concorrenza nei principali paesi in cui esercita le sue attività. Bisognerà anche tenere d’occhio l’evoluzione delle quote di mercato di Carrefour in Francia, in Brasile e in Spagna perché sono i tre paesi dove il gruppo realizza oltre il 90% del suo risultato operazionale. Il mercato spagnolo è sicuramente quello che mostrerà maggiori cambiamenti a questo livello dopo l’acquisto nel 2016 da parte di Carrefour di oltre 36 ipermercati situati in 27 città diverse che portano le sue quote di mercato in questo paese ad oltre il 9%.
  • La strategia messa in opera da Carrefour per quanto riguarda il mercato cinese va anch’essa seguita da vicino. Il marchio ha infatti cambiato strategia ricentrandosi sull’alimentare e sui prodotti freschi. 
  • Sarà bene mantenere un sguardo attento alla messa in opera e al mantenimento della strategia multicanale del gruppo e sulla sua capacità di svilupparsi in particolare nel settore del drive e dell’e-commerce che sono le due sfide principale per l’impresa.
  • Ovviamente bisognerà tenere conto dell’influenza dei risultati dell’impresa Carrefour ma soprattutto del raggiungimento degli obiettivi fissati dalla direzione, in particolare per quanto riguarda l’aumento del flusso di cassa e le spese in conto capitale. L’indebitamento dovrà anch’esso essere ricalibrato e stabilizzato a medio termine.
  • Infine le future introduzioni in Borsa di qualche filiale del gruppo come l’agenzia immobiliare Carmila in Francia e la filiale brasiliana di Carrefour sono ovviamente suscettibili di influenzare in maniera importante la quotazione di queste azioni.

Grazie a tutte le informazioni che vi abbiamo trasmesso, siete ormai in grado di realizzare delle analisi tecniche e fondamentali pertinenti e di anticipare meglio le future variazioni possibili della quotazione delle azioni Carrefour sul mercato borsistico.

Dove e come trattare la quotazione delle azioni Carrefour

Se avete in programma di investire online sulla quotazione delle azioni Carrefour potete farlo oggi stesso raggiungendo uno dei mediatori di miglior qualità del mercato che mette a vostra disposizione una piattaforma di trading innovativa e funzionale.

Trattare subito le azioni Carrefour!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.