Ultimi notizie

Aston Martin riduce il personale e risparmia denaro per far fronte alle perdite di coronavirus

05/06/2020 - 15h41

La casa automobilistica di lusso britannica Aston Martin ha subito pesanti perdite nel primo trimestre del 2020 a causa della pandemia. Il padre della famosa auto di James Bond sta quindi prendendo provvedimenti per far fronte alla situazione. Tra le misure adottate vi sono la riduzione del personale, dei subappaltatori e dei siti.

Analisi n. 1

È ovviamente necessario seguire l’evoluzione mondiale della crescita o della recessione del mercato automobilistico con dei dati quali la quantità di nuove immatricolazioni.

Analisi n. 2

Le strategie marketing messe in opera da Aston Martin e la sua strategia di comunicazione sono ulteriori elementi da monitorare perché consentono al gruppo di acquisire nuovi clienti.

Analisi n. 3

Analogamente, è indispensabile conoscere i mezzi dispiegati dal gruppo per accrescere la propria distribuzione nel mondo.

Analisi n. 4

Bisogna inoltre tenere d’occhio la strategia dei prezzi condotta dal gruppo in un settore di fascia molto alta.

Analisi n. 5

Il mercato delle materie prime energetiche, con in particolare il petrolio e il prezzo dei carburanti, deve essere seguito con il massimo interesse se si desidera investire su questo titolo.

Analisi n. 6

Vanno inoltre seguiti i concorrenti di Aston Martin e le loro novità e pubblicazioni principali.

Analisi n. 7

Infine, bisogna ovviamente concentrare la propria attenzione sulle innovazioni realizzate dal gruppo in termini di prodotti e di ingegneria.

Il 75% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Presentazione generale della società Aston Martin

Proponiamo ora di approfondire la conoscenza del gruppo Aston Martin e delle sue attività. Infatti, avendo un’ottima conoscenza delle fonti di reddito della società è possibile analizzare gli elementi che possono influenzare la quotazione delle sue azioni al rialzo o al ribasso.

Il gruppo Aston Martin è una holding britannica che opera nel settore automobilistico. Per la precisione, l’impresa è specializzata in progettazione, sviluppo, fabbricazione e vendita di automobili.

Il gruppo produce diverse gamme di veicoli fra cui i modelli Grand Tourer, l’auto sportiva Vantage e la Super GT. Produce inoltre dei coupé sportivi quattro porte e quattro posti come la Rapide S e delle special edition quali Vantage GT12, Vantage GT8, Vanquish Zagato Coupe, Vanquish Zagato Volante, Vanquish Zagato Speedster, DB4GT Continuation e Aston Martin Vulcan.

Sempre tra le principali fonti di reddito del gruppo Aston Martin va segnalata la fornitura di servizi di manutenzione e di riparazione dei veicoli venduti nonché il restauro di modelli Aston Martin attraverso la società Aston Martin Works Limited.

Inoltre, la holding detiene e gestisce diverse filiali tra cui AM Brand Limited, AM Nurburgring Racing Limited, AML Italy Srl, AML Overseas Services limited, AMWS Limited, Aston Martin Capital Holdings Limited, Aston Martin Capital Limited e Aston Martin Holdings.

Ad oggi la società impiega 2.450 dipendenti.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Aston Martin

Dopo aver fatto conoscenza con la società Aston Martin, partiamo alla scoperta della sua concorrenza. Il gruppo deve infatti affrontare dei gruppi di grande importanza nel segmento delle automobili di fascia altissima e di lusso di cui ecco i principali:

  • Ferrari. Il marchio di Maranello esiste dal 1947 ed è specializzato in veicoli sportivi e di lusso.
  • Bentley. Questo fabbricante automobilistico britannico esiste dal 1919 e appartiene al gruppo tedesco Volkswagen.
  • Porsche. È una fabbrica di automobili tedesca creata nel 1931 dall’ingegnere che ha creato la prima Volkswagen. Porsche è nota anche per essere il fabbricante automobilistico più redditizio della storia ed appartiene oggi al gruppo Volkswagen.
  • Jaguar. Il gruppo Jaguar è un marchio automobilistico britannico che propone veicoli di lusso e veicoli sportivi. Dal 2008 la società appartiene al fabbricante automobilistico indiano Tata Motors.
  • Lamborghini. Il marchio esiste dal 1963 e all’origine era specializzato in trattori agricoli per poi diversificarsi e infine specializzarsi negli emblematici veicoli sportivi che conosciamo oggi.
  • Maserati. Infine, bisogna anche prendere in considerazione la concorrenza di Maserati, casa fondata nel 1914, che oggi è una delle filiali del gruppo Fiat-Chrysler e che è specializzata in auto di lusso, auto sportive e auto da corsa.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Aston Martin

Il gruppo Aston Martin ha ovviamente anche degli alleati e stringe regolarmente delle partnership strategiche con altre imprese per potenziare le proprie vendite e la propria crescita o per sviluppare nuovi modelli tecnologici. Ecco alcuni esempi di partnership recenti:

  • TAG Heuer. Nel 2018 Aston Martin ha sottoscritto una partnership con TAG Hauer facendo di questa azienda il partner ufficiale dell’Aston Martin Racing. Questa filiale del gruppo francese del lusso LVMH è quindi diventata il partner privilegiato del marchio automobilistico nel settore degli orologi ufficiali.
  • Mercedes. Un’altra interessante partnership è quella stretta da Aston Martin con il gruppo Mercedes, una partnership tecnica con la divisione sportiva del gruppo tedesco. Per la precisione, questa partnership ha permesso ad Aston Martin di accedere alle risorse e ai motori AMG di Mercedes e consente lo sviluppo del nuovo blocco V8 progettato in comune. Come contropartita di questa contribuzione di Mercedes, la sua filiale Daimler è entrata nel capitale di Aston Martin nella misura del 5%.
  • Total. Infine, una partnership precedente è stata rinnovata da Aston Martin. Si tratta della partnership stretta con il gruppo Total, la quarta più grande compagnia petrolifera e gasiera al mondo. La filiale Aston Martin Racing, specializzata in sport automobilistici ha rinnovato per alcuni anni supplementari questa partnership stretta nel 2016.

Domande frequenti

Quali sono i principali punti deboli delle azioni Aston Martin?

Le azioni Aston Martin presentano per gli investitori alcuni punti deboli che, sebbene poco numerosi, devono essere conosciuti. Si tratta per prima cosa di una scarsa penetrazione del mercato rispetto ai suoi concorrenti. Si rileva inoltre che il portafoglio prodotti del gruppo rimane limitato in alcuni mercati tra cui i principali mercati emergenti nei quali la casa è poco presente.

Come sono ripartite le attività di Aston Martin da un punto di vista geografico?

È molto interessante conoscere la ripartizione geografica delle attività e degli introiti del gruppo Aston Martin. Si noti che l’azienda realizza il 29,6% del fatturato in America, il 24,2% nell’Asia Pacifica, il 23,2% in Europa e Medio Oriente e solo il 23% nel Regno Unito. Questi dati consentono di capire meglio l’esposizione del titolo ai rischi geoeconomici.

Quali sono gli altri marchi detenuti da Aston Martin?

Il gruppo Aston Martin è conosciuto soprattutto per il suo marchio di auto omonimo ma possiede anche il marchio Lagonda, esistente dal 1906, che è una casa britannica sorella di Aston Martin. È importante prendere in considerazione questa informazione nel corso dell’analisi delle azioni Aston Martin perché può influenzare in maniera più o meno marcata la quotazione del titolo a seconda delle vendite di veicoli realizzate.

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia investimenti azionari e cripto-asset, sia il trading di attività sotto forma di CFD.

Si prega di notare che i CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di rapida perdita di fondi a causa del loro effetto leva. Il 75% dei conti dei trader al dettaglio perde fondi quando scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti chiederti se capisci come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio significativo di perdere i tuoi soldi.

Il contenuto in questione è fornito solo a scopo informativo e non deve essere considerato come consulenza in materia di investimenti. I risultati passati non sono garanzia di risultati futuri. La storia commerciale ha meno di 5 anni e potrebbe non essere sufficiente a servire da base per una decisione di investimento.

I criptoattivi sono strumenti volatili che possono fluttuare notevolmente in un periodo di tempo molto breve e non sono quindi adatti a tutti gli investitori. Al di fuori dei CFD, la negoziazione criptata non è regolamentata da alcun quadro normativo comunitario e non è pertanto soggetta a vigilanza.