ARKEMA

Analisi della quotazione delle azioni Arkema

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

L’industria chimica è uno dei settori più ricercati dagli investitori in Borsa che vogliano investire in azioni al tempo stesso liquide e volatili. Nel mercato francese delle azioni, un gruppo si smarca dagli altri in questo ambito. Si tratta del gruppo Arkema, del quale vi parleremo qui più in dettaglio per aiutarvi a realizzare l’analisi del suo corso.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 2

Bisogna ovviamente seguire con la massima attenzione gli obiettivi che il gruppo Arkema si è fissato e la sua ambizione a diventare il leader incontestato della chimica di specialità e dei materiali avanzati. I dati da prendere in considerazione riguardano prima di tutto le vendite, in particolare quelle nei paesi emergenti, nonché i margini e il livello di indebitamento. La crescita dell’impresa sul mercato asiatico è particolarmente cruciale per l’avvenire del gruppo e vanno soprattutto seguite le ricadute finanziarie delle nuove fabbriche in questo territorio e l’evoluzione delle quote di mercato nei paesi ad alto rendimento.

Analisi n. 3

Bisogna ovviamente seguire con attenzione tutte le operazioni di acquisizione e, eventualmente, di cessione nonché le loro ricadute economiche rispetto agli obiettivi perseguiti da Arkema.

Analisi n. 4

Dato che il gruppo Arkema annuncia costantemente le prospettive di crescita del suo utile operativo, bisogna anche verificare la corrispondenza dei risultati con tali obiettivi.

Analisi n. 5

È inoltre bene tenere conto delle capacità di innovazione di questa azienda, soprattutto nei promettenti settori delle energie verdi e rinnovabili.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Arkema

Il gruppo Arkema è oggi uno dei leader internazionali nella produzione, nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti chimici. I prodotti chimici in questione fanno parte di differenti settori, e quindi si rivolgono ad una clientela varia, di cui il principale è quello dei prodotti chimici industriali seguito dai prodotti chimici ad alte prestazioni.

Arkema possiede oltre 90 siti di produzione nel mondo e commercializza i propri prodotti in Francia e in Europa in generale così come in Nord America e in Asia.

Analisi della quotazione delle azioni Arkema
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Per poter effettuare delle analisi pertinenti ed efficaci della quotazione delle azioni Arkema, occorre naturalmente conoscere perfettamente l’impresa ma anche i suoi principali concorrenti sul mercato e nel suo settore di attività. È quanto proponiamo ora con una rapida presentazione degli avversari diretti di questo gruppo.

BASF

Il principale concorrente del gruppo Arkema è senza dubbio il gruppo chimico tedesco BASF, il più grande gruppo al mondodi questo settore. Il nome dell’impresa è l’acronimo di Badische Anilin & Soda Fabrik, ovvero “fabbrica di anilina e di soda del Baden”. Creata nel 1865, la sede sociale della BASF si trova a Ludwigshafen sul Reno, in Germania, e occupa una superficie di oltre 10 km2. Il gruppo occupa oltre 34.000 dipendenti che lavorano in particolare allo sviluppo, alla sperimentazione, alla fabbricazione e alla vendita di diverse migliaia di prodotti.

Solvay

Un altro concorrente importante di cui bisogna tenere conto nelle analisi della quotazione delle azioni Arkema è, ovviamente, il gruppo Solvay. Questa impresa belga è specializzata nel settore chimico ed è stata creata nel 1863. Sin dalla sua creazione, la sua sede centrale dell’azienda si trova a Bruxelles e la società Solvay, che svolge le proprie attività in circa 62 paesi, impiega ad oggi più di 24.500 dipendenti. Le azioni della società Solvay vengono quotate sul mercato Euronext di Bruxelles.

Bayer AG

Il gruppo Bayer, che è un’impresa farmaceutica ma è anche specializzata in agrochimica, è in diretta concorrenza con il gruppo Arkema. L’impresa è stata fondata nel 1863 a Barnem e la sua sede sociale si trova attualmente a Leverkusen, in Germania. In termini storici, il gruppo Bayer AG si è dapprima specializzato nello sviluppo di farmaci da banco e di prodotti veterinari e, recentemente, anche in prodotti fitosanitari destinati all’industria agricola. Al gruppo Bayer si deve in particolare la creazione dell’aspirina.

Dow Chemical

Questa società multinazionale statunitense, nota anche come The Dow Chemical Company, è quotata sul mercato NYSE ed è uno dei leader internazionali nel settore della produzione e della distribuzione di prodotti chimici. La sua sede sociale si trova attualmente nel Michigan. Da molti anni il gruppo Dow Chemical è il secondo maggiore produttore di prodotti chimici in termini di fatturato ed è anche la terza impresa nel settore chimico in termini di capitalizzazione.

Mitsubishi Chemical Holding

Infine, la società giapponese Mitsubishi Chemical Holding, creata nel 2005 dalla fusione della Mitsubishi Chemical Corporation e della Mitsubishi Pharma Corporation, è un altro concorrente di Arkema da seguire. Le sue azioni fanno parte della composizione dell’indice borsistico TOPIX 100.


Alleanze strategiche

Arkema a siglato un accordo di partenariato mondiale, ben accolto dalla Borsa di Parigi nel 2007, con Spraying Systems per lo sviluppo tecnico e commerciale di soluzioni di rivestimento per le bottiglie di vetro usate come vuoto a rendere.

Brewer Science

Nel 2015 Brewer Science e Arkema hanno siglato un partenariato per sviluppare dei materiali ad alte prestazioni per il mercato dei semiconduttori.

Suez

 Suez ha annunciato nel 2016 il rinnovo del proprio partenariato con Arkema per 4 anni e 42 milioni di euro. Come conseguenza, Suez garantisce ormai la gestione e la valorizzazione di circa 240.000 tonnellate di rifiuti in 28 siti di Arkema in Francia.

ColisConsult

Nel 2017 ColisConsult, studio di consulenza e di mediazione nell’acquisto di mezzi di trasporto, ha avviato una collaborazione con il gruppo chimico francese Arkema. ColisConsult ha l’incarico di ottimizzare le circa 100.000 spedizioni annue sia a livello nazionale che internazionale effettuate verso una sessantina di siti europei di Arkema distribuiti in 16 paesi.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Prima di prendere una posizione al rialzo sulla quotazione delle azioni Arkema dovete porvi le domande giuste sulla redditività futura di questa azienda e le sue capacità di crescita. Per farlo, dovete ovviamente conoscere gli atout di questo gruppo nonché i punti forti delle sue azioni. Eccoli in dettaglio.

Per prima cosa, il gruppo Arkema presenta un atout innegabile per quanto concerne l’organizzazione delle sue attività. Questa azienda che era un tempo una filiale del gruppo Total è infatti organizzata in tre grandi poli di attività che generano delle quote di vendite similari: polo dei materiali ad alte performance, polo di chimica delle specialità e polo delle vernici.

Arkema si posiziona inoltre molto bene a livello mondiale ed è il numero uno per la maggior parte delle sue attività.

Il gruppo Arkema ha anche recentemente deciso di ricentrare le proprie attività sulla chimica delle specialità e su alcuni settori di nicchia come le energie rinnovabili, la purificazione dell’acqua, l’alleggerimento dei materiali e la chimica dei materiali, scelta che gli permette di ridurre notevolmente i rischi legati alla ciclicità.

Il bassissimo livello di debito del gruppo rispetto a quello che si constata nella maggior parte delle altre aziende del settore è per gli investitori un vantaggio considerevole.

Si nota inoltre tra i vantaggi di questo gruppo un’ottima ripartizione delle attività nel mondo. Sebbene il mercato europeo sia sempre in testa con il 40% delle vendite, l’America del Nord e l’Asia ne generano rispettivamente il 34% e il 20%. Il gruppo si concentra essenzialmente sui mercati statunitense e cinese che sono attualmente molto ricercati.

Il gruppo Arkema rassicura gli investitori anche per via della sua capacità di effettuare delle acquisizioni mirate e di gran qualità che gli permettono di diversificare le proprie attività e di mirare a nuovi mercati.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Sebbene il gruppo Arkema sembri disporre di tutti gli atout necessari alla propria crescita e quindi al rialzo della quotazione delle sue azioni, non bisogna però trascurare gli ostacoli che potrebbe incontrare e, quindi, gli eventuali punti deboli. Ecco quindi un riepilogo degli inconvenienti di questo valore e delle debolezze dell’azienda.

Per prima cosa, la mancanza di certezze nella crescita mondiale potrebbe penalizzare la ripresa dell’attività del gruppo Arkema che dipende soprattutto dalle esigenze dell’industria.

Nonostante cerchi di diversificarsi con le attività di nicchia che abbiamo descritto in precedenza, il gruppo rimane sfortunatamente esposto ai mercati ciclici su cui realizza oltre il 50% delle sue vendite. In particolare, il settore delle vernici acriliche, che genera oltre il 15% delle vendite, subisce una forte crisi con un notevole calo dei prezzi.

Analogamente, la forte implicazione della società Arkema sul mercato in fortissima espansione della Cina potrebbe rapidamente portare a un rischio di capacità produttiva superiore al bisogno.

Ovviamente, il gruppo Arkema e le sue azioni in Borsa sono anche sensibili alle decisioni politiche, soprattutto quelle riguardanti l’inquinamento che fanno temere l’applicazione di una carbon tax in Francia.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com