Analisi n. 1

Per prima cosa, bisogna ovviamente tenere d’occhio con attenzione gli investimenti realizzati da Altice in imprese statunitensi che potrebbero demoralizzare gli investitori.

Analisi n. 2

Anche la concorrenza deve essere seguita con cura perché nel settore delle telecomunicazioni è particolarmente aggressiva.

Analisi n. 3

È inoltre necessario monitorare i risultati operativi delle grandi imprese che fanno parte del gruppo come SFR-Numericable.

Analisi n. 4

Infine, la struttura stessa del gruppo e la diversificazione delle sue attività saranno delle grandi sfide per i prossimi anni e si assisterà certamente ad una riorganizzazione completa dei differenti poli in cui il gruppo è più presente.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.

Presentazione generale della società Altice

Il gruppo Altice è attualmente una delle grandi aziende francesi ed europee specializzate in cablaggio e telecomunicazioni. Oltre che in Francia, l’azienda opera in diversi paesi europei tra cui Portogallo, Belgio, Svizzera e Lussemburgo nonché nelle Antille francesi e in altre aree geografiche come Israele, Repubblica Dominicana ed alcuni paesi dell’Oceano Indiano.

Propone soprattutto dei servizi connessi alla trasmissione via cavo come la diffusione di canali televisivi in alta definizione a pagamento, accesso ad Internet e servizi di telefonia fissa. I suoi servizi vengono proposti sia alla clientela privata che a quella professionale e aziendale.

La maggior parte del fatturato di Altice, il 52%, viene realizzato in Francia e, a seguire, vengono i mercati statunitense, portoghese, israeliano, dominicano e il resto del mondo.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Altice

Altice è un protagonista fondamentale in diversi settori di attività specifici quali le telecomunicazioni, i media e la televisione via cavo e a questo titolo deve fronteggiare una forte concorrenza da parte di altre società, alcune delle quali rientrano fra i grandi gruppi quotati in Borsa. Le telecomunicazioni e la televisione sono i due settori di attività che rappresentano le principali fonti di reddito di Altice e il livello di concorrenza presente in essi deve quindi essere monitorato. Nel quadro dello studio fondamentale delle azioni Altice si consiglia quindi di tener conto dei risultati e delle notizie relativi a queste grandi imprese.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Altice

La solidità del gruppo Altice dipende anche da una complessa strategia basata, tra le altre cose, su delle partnership strategiche con delle imprese concorrenti o di settori complementari. Ecco alcuni esempi delle ultime alleanze proficue del gruppo:

 

Vantaggi e punti di forza delle azioni Altice come attivo di Borsa

Per prima cosa, va ricordato che Altice è il gruppo di cui fa parte la società SFR-Numericable, un’azienda che gode di un ottimo posizionamento nel settore delle telecomunicazioni in Francia e, dopo l’acquisto di Virgin Mobile, anche sul mercato del Regno Unito. Questi operatori dispongono di un buon posizionamento anche in altri paesi tra cui il Portogallo. Sul mercato francese la filiale di Altice SFR-Numericable detiene oltre il 20% del mercato della telefonia fissa, oltre il 30% del mercato della telefonia mobile e, grazie al marchio Completel, il 20% del mercato B2B del settore. Detiene inoltre più del 15% delle quote di mercato dei servizi televisivi a pagamento.

Il gruppo Altice profitta inoltre del fatto che da alcuni anni il suo fatturato progredisce continuamente e, infatti, in appena 3 anni, il suo volume d’affari è passato da un miliardo di euro ad oltre 21 miliardi di euro, spingendo investitori e futuri azionisti ad interessarsi alle sue azioni.

Altice è anche stata capace di ricavarsi uno spazio tra i leader mondiali delle telecomunicazioni grazie ad una strategia di acquisizioni molto spinta. In totale, il gruppo ha investito oltre 50 miliardi di euro nell’acquisto di imprese fra cui SFR in Francia, Portugal Telecom in Portogallo e Suddenlink e Cabletelevision negli Stati Uniti. Il gruppo, la cui presenza era forte in precedenza unicamente in Francia e in Europa, estende progressivamente il proprio impero nel mondo.

Da notare inoltre che l’utile operativo della maggior parte delle imprese possedute da Altice è largamente positivo con una media superiore al 35%, cosa che ha permesso al gruppo di liberare rapidamente delle sinergie di fusione e far crescere i propri utili in diversi segmenti.

Il fatto che il gruppo non si limiti a svolgere delle attività nelle telecomunicazioni ma tenda invece a diversificarsi a poco a poco in differenti settori di attività dimostra bene la sua capacità nel proteggersi dai rischi connessi all’esposizione ad un unico segmento. Altice investe principalmente nel settore tecnologico e ciò gli ha permesso di trovarsi ben avanti in termini tecnici rispetto ai suoi concorrenti grazie alla banda ultra-larga della fibra ottica di cui detiene oltre il 65% delle quote di mercato.

Infine, sempre grazie alle sue numerose filiali e società, il gruppo Altice soffre molto poco della concorrenza e rimane un protagonista del mercato.

 

Svantaggi e punti deboli delle azioni Altice come attivo di Borsa

Per prima cosa, il mercato della telefonia mobile francese su cui il gruppo Altice punta molte delle proprie attività è un mercato estremamente concorrenziale e gli risulta quindi difficile conservare il proprio posto di leader del settore di fronte ad una politica dei prezzi sempre più complessa ed esigente.

Gli investitori si pongono inoltre delle domande circa il reale interesse in termini di creazione di valore della strategia di convergenza telecomunicazioni/media messa in atto dal gruppo, in particolare in seguito all’acquisto dalla casa madre di oltre il 49% del capitale di NextRadio TV, proprietaria in particolare di BFM TV e di RMC, e dell’avvicinamento tra Altice Media Group, che possiede i giornali Libération e l’Express, e l’operatore SFR finalizzato a dare accesso agli abbonati SFR a quattro universi, stampa, sport, intrattenimento e pubblicità, contro un aumento generale delle tariffe. Tra l’altro, questa operazione viene giudicata come particolarmente rischiosa da parte degli analisti.

Analogamente, la fiducia degli investitori è stata recentemente indebolita in seguito all’interesse manifestato da Altice per il gruppo statunitense Charter, uno specialista delle comunicazioni via cavo la cui capitalizzazione raggiunge i 120 miliardi di dollari, 10 volte la capitalizzazione di Altice, interesse che tra l’altro ha causato un netto calo delle azioni nell’estate 2017. Sembrerebbe che gli investitori statunitensi, che sono la principale fonte di finanziamento di Altice, ne abbiano abbastanza delle operazioni di acquisto del gruppo francese. Va ricordato che nel 2015, in seguito all’acquisto di Cabletelevision le azioni avevano perso molti punti.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.