AEGON

Analisi della quotazione delle azioni Aegon

72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

L’invecchiamento della popolazione, soprattutto per quanto riguarda il mercato statunitense, è ovviamente un dato da monitorare con attenzione per via dei suoi effetti sui prodotti pensionistici.

Analisi n. 2

Le operazioni finalizzate a sviluppare le attività dell’impresa nei mercati emergenti della Cina e dell’India sono anch’essi dei buoni indici di crescita.

Analisi n. 3

La concentrazione di Aegon sulle sue attività principali senza allontanarsene è un ulteriore elemento importante per via dei rischi connessi alle fluttuazioni finanziarie.

Analisi n. 4

In seguito agli accordi della Solvency II, la concorrenza sarà più dura per Aegon e quindi uno studio dell’evoluzione delle quote di mercato di ognuno dei concorrenti principali è indispensabile.

Analisi n. 5

Bisogna inoltre seguire gli effetti delle regolamentazioni sempre più rigide del mercato statunitense, che è anche uno dei più complessi, e il loro effetto sui costi per Aegon.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Presentazione della società Aegon

Il gruppo olandese Aegon è uno dei leader mondiali delle polizze vita. Le polizze vita rappresentano il suo prodotto più venduto, nella misura dell’85% del volume d’affari, ma l’azienda commercializza anche altri tipi di polizze e sviluppa inoltre delle attività bancarie tradizionali.

Sebbene Aegon sviluppi il proprio fatturato soprattutto in Olanda raggiunge anche i mercati statunitense, inglese ed altri impiegando attualmente oltre 28.000 dipendenti.

Analisi della quotazione delle azioni Aegon
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500

Concorrenza

Ecco ora l’elenco dei principali concorrenti del gruppo Aegon nel suo settore di attività.

Allianz

Attualmente, il gruppo assicurativo tedesco Allianz è ovviamente uno dei principali concorrenti di Aegon e si tratta infatti del primo assicuratore europeo e del quarto gestore di attivi a livello internazionale. Il gruppo svolge attività di assicurazione contro i danni e di assicurazione vita in Germania, Svizzera, Francia e Italia e commercializza anche prodotti bancari.

AIG

 Il gruppo AIG, anche noto come American International Group, è uno dei leader mondiali nel settore assicurativo e dei servizi finanziari. Il gruppo occupa attualmente oltre 56.000 dipendenti e conta oltre 90 milioni di clienti. Opera in un centinaio di paesi.

Aviva

 Un altro serio concorrente di Aegon è il gruppo Aviva, una compagnia di assicurazioni operante in 14 paesi che è una delle più importanti nel Regno Unito. È anche uno dei leader del settore assicurativo europeo.

AXA

 Bisogna anche tener conto della concorrenza del gruppo francese AXA, che è anch’esso specializzato in assicurazioni e gestione di attivi e che da molti anni è uno dei leader del settore.

Generali

 Infine, la compagnia assicurativa italiana Generali è una delle cinquanta maggiori imprese al mondo e la terza più importante compagnia assicurativa al mondo dopo Allianz e AXA. Serve oltre 72 milioni di clienti nel mondo.


Alleanze strategiche

Aegon ha sviluppato una strategia di marketing internazionale tramite diverse partnership che gli hanno permesso di estendere le proprie attività nel mondo. Ecco alcuni esempi dei contratti recentemente stipulati dalla compagnia di assicurazioni con alcune grandi entità europee.

Banco Santander

Nel 2013 il gruppo Aegon è diventato partner del gruppo spagnolo Banco Santander nel quadro di un accordo su 25 anni e dell’acquisizione da parte di Aegon di una partecipazione del 51% in una compagnia di polizze vita e altre polizze per un importo di 220 milioni di euro.

La Banque Postale

Nel 2015 la Banque Postale ha annunciato la messa in opera di una partnership strategica con il gruppo Aegon nella gestione di attivi tramite l’acquisizione di una partecipazione da parte di Aegon nella banca francese.  La finalità di questo accordo è di sviluppare e consolidare le competenze professionali della Banque Postale Asset Management.

Atos

Nel 2016 il gruppo Atos ha stretto un contratto della durata di 13 anni con Aegon per la protezione dei processi aziendali nel Regno Unito.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Prima di prendere le prime posizioni su questo attivo bisogna conoscere i punti di forza e le debolezze di questo gruppo che sono altrettanti indici che saranno di aiuto nel prevedere meglio l’evoluzione della sua situazione finanziaria ed economica e quindi la progressione delle sue tendenze.

Per prima cosa, il gruppo Aegon profitta di un interessante posizionamento in tutto il mondo. La sua presenza internazionale è infatti molto ben concepita da un punto di vista strategico, soprattutto nei mercati chiave ovvero quelli emergenti. Questa situazione strategica è un vero e proprio vantaggio per l’azienda che si protegge quindi dai rischi geo-economici di un solo ed unico settore.

Analogamente, il fatto che il gruppo Aegon disponga di molti canali di distribuzione è un altro vantaggio per la distribuzione dei suoi prodotti. Grazie alla molteplicità dei canali di distribuzione il gruppo riduce notevolmente il rischio di cali di vendite.

Gli investitori e gli azionisti borsistici apprezzano molto, inoltre, il fatto che il capitale della società Aegon presenti una grande solidità e che non cessi di aumentare nel tempo. Questa caratteristica gli permette in particolare di resistere meglio alle evoluzioni del mercato e soprattutto di disporre di una forza di investimento molto pratica ed interessante.

Va detto che il gruppo Aegon è un’impresa che dispone di numerose competenze professionali diversificate in differenti settori. È in particolare noto per le sue competenze nei settori delle polizze vita, delle pensioni e della gestione di attivi. Grazie a tale diversità Aegon è in grado di applicare una buona ripartizione strategica delle proprie attività e di proteggersi dai rischi connessi ad un unico settore di competenza.

Infine, Aegon, per rispondere ad una domanda in crescita, può contare sulla sua grande forza lavoro che conta oltre 24.000 dipendenti nel mondo.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Sebbene, come si è potuto constatare in precedenza, il gruppo Aegon abbia numerosi punti di forza che gli permettono di affrontare più o meno serenamente il suo futuro e conquistare nuovi investitori in Borsa, bisogna anche avere coscienza delle sue principali debolezze che possono ostacolare la progressione rialzista o provocare uno specifico ribasso della quotazione dell’attivo. Ecco quindi gli elementi negativi da prendere in considerazione.

Prima di tutto, si nota che il gruppo Aegon, nonostante presenti delle interessanti cifre di crescita, è molto esposto ai rischi connessi al debito sovrano dei paesi europei. Infatti, i settori bancario e delle assicurazioni sono i primi ad essere colpiti dalle crisi economiche con dei cali sostanziali di introiti.

D’altra parte, l’espansione internazionale dell’impresa si mantiene limitata e il mercato degli Stati Uniti resta maggioritario. Per questo motivo Aegon dipende fortemente dal mercato statunitense e ciò rappresenta un ulteriore fattore di rischio molto importante in caso di crisi di questa area economica.

Sono questi gli unici punti deboli dell’impresa. Tuttavia, l’effetto di questi due elementi può essere significativo per via della forte volatilità di questo titolo borsistico e della fragilità di questo settore economico. Bisogna quindi assicurarsi di capirli bene e di comprenderne gli effetti prima di una qualsiasi presa di posizione su questo valore.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Plus500.com