ADIDAS

Analisi della quotazione delle azioni Adidas

--- Annuncio ---
72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore.
 
Grafico fornito da TradingView

Ci sono delle multinazionali che non hanno più bisogno di presentazione, come i grandi marchi dell’abbigliamento o delle calzature, e che producono dei volumi d’affari che sono ovviamente molto interessanti per gli investitori. È questo il caso del gruppo Adidas le cui azioni sono molto popolari.

Ultimi notizie

Adidas: Covid-19 abbatte i risultati del primo trimestre

28/04/2020 - 11h32

Risultato netto di gestione in calo. EPS sotto il consenso. Margine operativo e ricavi in calo, il CEO Adidas è deluso. Questi sono gli elementi chiave di Adidas menzionati nel suo bilancio del primo trimestre sotto l'influenza di Covid-19.

Elementi che possono influenzare la quotazione di questo attivo:

Analisi n. 1

Si sa inoltre che il gruppo Adidas tende a svilupparsi su nuovi mercati internazionali. Questa strategia dovrebbe dare rapidamente i suoi frutti visto che i mercati dei paesi sviluppati sono attualmente investiti da una fortissima concorrenza.

Analisi n. 2

Analogamente, Adidas fa tutto il possibile per incrementare il proprio portafoglio prodotti. Cerca quindi di differenziarsi dai suoi concorrenti rispondendo a delle nuove esigenze e raggiungendo un più largo target di potenziali clienti.

Analisi n. 3

Infine, il gruppo Adidas intende investire ulteriormente in ricerca e sviluppo nel corso dei prossimi anni. Ciò gli permetterà di mettere a punto alcune innovazioni e di beneficiare dei diritti sui suoi brevetti per aumentare la propria redditività a lungo termine.

Analisi n. 4

Prima di tutto, nonostante la sua grande reputazione mondiale, la concorrenza cui il marchio Adidas deve far fronte è un punto importante. Andrà ovviamente seguita l’evoluzione delle quote di mercato del suo principale concorrente, il gruppo Nike, che è attualmente il leader di questo settore di attività.

Analisi n. 5

L’aumento di potere di negoziazione delle aziende in subappalto del gruppo Adidas è anch’esso una minaccia reale per la sua redditività a lungo termine. Ricordiamo infatti che l’azienda dà in subappalto la quasi totalità della sua produzione.

Analisi n. 6

Infine, il gruppo Adidas potrebbe subire le conseguenze di certe regolamentazioni governative, soprattutto per via della quota di prodotti fabbricati in Cina e, più in generale, in Asia.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Fare trading con i CFD su Plus500

Presentazione della società Adidas

Anche se non c’è alcun bisogno di presentare il gruppo Adidas data la sua popolarità a livello mondiale, ecco alcune informazioni interessanti sulla sua attività. Adidas è, come si sa, uno dei grandi ideatori, produttori e venditori di articoli e accessori sportivi nel mondo. Ma la sua attività si suddivide in diversi settori distinti. Ci sono innanzitutto le calzature, poi l’abbigliamento ed infine, con una piccola percentuale, le attrezzature sportive.

La storia del gruppo Adidas inizia nel 1924 in una lavanderia di una città della Baviera dove Adolf von Wilhelm Dassler, figlio di un calzolaio del posto, si mise a realizzare scarpe da calcio.

Nello stesso anno, in società con il fratello Rudolf, è stata fondata la fabbrica di scarpe Gebrüder Dassler Schuhfabrik.

La popolarità è arrivata nel 1936 quando l’azienda è diventata sponsor tecnico di Jesse Owens durante i Giochi Olimpici.

Nel 1947, le continue incomprensioni tra i due fratelli hanno portato ad una scissione della società. Rudolf ha creato nel 1948 il suo proprio marchio, Puma, noto brand giunto fino ai nostri giorni, mentre Adolf ha chiamato la sua nuova azienda Adidas, semplicemente facendo una crasi tra le prime lettere del suo nome e quelle del suo cognome (Adolf Dassler)

Adidas AG è diventata una società ufficialmente registrata a partire dal 1949.

Oggi Adidas è un gruppo multinazionale impegnato nella produzione di articoli sportivi per professionisti, dilettanti e, in generale, è divenuto nel tempo un marchio di life style il cui brand è caratterizzato da tre strisce parallele oblique, presenti su tutti i prodotti del gruppo.

Nel 1997 Adidas ha puntato all’espansione del gruppo con l’acquisizione di Salomon Group con i suoi relativi marchi (Salomon, TaylorMade e Mavic and Bonfire) modificando anche la denominazione in Adidas-Salomon AG.

Nel 2006 il gruppo ha acquisito anche la Rebook. La popolarità del brand Adidas ha continuato a crescere anche grazie alla fornitura di palloni per il campionato mondiale di calcio, gli europei, UEFA Champions League e Europa League.

Nel 2011 Adidas ha espanso la propria offerta di prodotti con l’acquisizione dell’azienda Five Ten, specializzata in scarpe da scalata e per mountain bike e nel 2015 si è aggiunta anche l’azienda austriaca Runtastic, acquisita per 220 milioni di euro.

Oggi il gruppo Adidas ha circa 40.000 dipendenti in tutto il mondo e si posiziona al secondo posto nella classifica mondiale per la produzione e commercializzazione di scarpe sportive con filiali operative in 55 paesi.

Il volume d’affari di Adidas viene realizzato soprattutto in Europa e nell’America del Nord. Le azioni Adidas vengono oggi quotate sul mercato tedesco Xetra ed integrano ovviamente il calcolo dell’indice DAX 30.

Analisi della quotazione delle azioni Adidas
Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500

Concorrenza

Se si vogliono realizzare delle buone analisi del suo titolo, è indispensabile conoscere la concorrenza del gruppo Adidas, motivo per cui passiamo ora a segnalare chi sono attualmente i concorrenti del gruppo nel suo settore di attività:

Puma SE

Il gruppo Puma è un concorrente importante ed è inoltre storicamente legato al gruppo Adidas. Infatti, questa impresa tedesca specializzata nella fabbricazione di articoli sportivi è stata creata nel 1948 da Rudolf Dassler, fratello maggiore di Adolf Dassler che ha creato Adidas. Il gruppo ha ora sede in Baviera ed è stato un’affiliata del gruppo francese Kering fino al 2018. Puma è un marchio noto in tutto il mondo e commercializzato in oltre 120 paesi ed è inoltre il terzo fornitore sportivo a livello mondiale dopo Nike e Adidas. Il gruppo ha una sede sociale anche in Italia a Milano.

Nike

Il secondo importante concorrente di Adidas è il gigante Nike, una società statunitense con sede a Beaverton nell’Oregon e creata nel 1971 da Philip Knight e Bill Bowerman. Il gruppo è specializzato nella fabbricazione e vendita di prodotti sportivi, tra cui calzature, indumenti e materiale sportivo. La notorietà del marchio Nike in tutto il mondo è ben consolidata, in particolare grazie al suo logo facilmente riconoscibile e alle sue campagne di marketing di qualità. Il gruppo è oggi il più grande fornitore di articoli sportivi del mondo in termini di fatturato davanti ad Adidas, che è al secondo posto. Realizza oltre la metà delle sue vendite al di fuori degli Stati Uniti.

Fila

Infine, si terrà conto anche della concorrenza del gruppo Fila. Questo marchio italiano è stato creato nel 1911 a Biella, in Piemonte, dai fratelli Ettore e Giansevero Fila. L’impresa, che un tempo era una semplice filatura di lana, è rapidamente diventata uno dei leader del suo settore e si è specializzata in abbigliamento e calzature sportive. Negli anni ’50, infatti, lo stabilimento della società è diventato una grande manifattura specializzata in biancheria intima per poi passare definitivamente al segmento sportivo.


Alleanze strategiche

Adidas ha anche messo in opera alcuni partenariati strategici nel corso degli ultimi anni.

Samsung

Il gruppo Adidas ha recentemente costituito una joint venture con Samsung allo scopo di sviluppare l’applicazione Micoach, un sistema di allenamento con piani di formazione personalizzati che ha come obiettivo di far concorrenza a Nike+.

Nike

Per rimediare alla penuria di maglie della nazionale di calcio francese, Nike, fornitore ufficiale della squadra, ha deciso di associarsi con Adidas nel 2014.

Wanda

Il gigante tedesco delle attrezzature sportive Adidas ha concluso un accordo con Wanda, il conglomerato controllato da Wang Jianlin, l’uomo più ricco in Cina, per sostenere degli eventi sportivi, promuovere il calcio e la pallacanestro ed aprire dei negozi nei centri commerciali di Wanda.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Fare trading con i CFD su Plus500
Gli elementi a favore di un rialzo della quotazione delle azioni

Per mettere in opera una strategia basata sul rialzo a lungo termine della quotazione delle azioni Adidas dovete ovviamente conoscere i punti di forza di cui dispone questa azienda per garantirsi degli introiti in crescita nel futuro ed attirare così dei nuovi investitori. È quanto vi proponiamo ora con un riepilogo dei punti forti di questo gruppo e quindi di questo titolo borsistico.

Ricordiamo prima di tutto che il marchio Adidas è un marchio storico che è stato lanciato nel 1949 e che ha rapidamente ottenuto un grande successo. Questa lunga esperienza fa di Adidas un marchio emblematico ancorato nella memoria collettiva pur restando soprattutto un marchio giovane e dinamico.

Per spingere le vendite, il gruppo Adidas può contare sul fatto di disporre di un portafogli di prodotti molto diversificato. Adidas propone infatti una vastissima gamma di calzature e di accessori sportivi che commercializza sia sotto il marchio Adidas, per la gamma Premium, che sotto il marchio Reebook, per la gamma intermedia.

Gli investitori e gli azionisti che si interessano a questo titolo apprezzano inoltre la situazione finanziaria solida e stabile di questa azienda. Grazie alla sua rete di oltre 4.000 negozi nel mondo e ai risultati annuali sempre molto soddisfacenti, Adidas può infatti vantarsi di una posizione finanziaria che gli analisti giudicano eccellente.

Come abbiamo appena sottolineato, il gruppo Adidas dispone anche di una grande rete di negozi in differenti paesi ma, per incrementare ulteriormente i propri introiti, il gruppo può anche contare sui suoi negozi online e sui suoi numerosi rivenditori. Globalmente il gruppo, per smerciare i propri prodotti tramite differenti canali, è quindi riuscito a creare una rete di distribuzione complessa ma temibile.

La strategia di marketing del gruppo Adidas è anche basata in larga parte sulle sponsorizzazioni. Il marchio ha infatti sempre cercato di sponsorizzare personaggi celebri o organizzazioni sportive prestigiose come la NBA ed è inoltre molto ben rappresentato in occasione di grandi eventi sportivi mondiali come le Olimpiadi. Grazie a questa ottima comunicazione Adidas riesce a raggiungere moltissimi consumatori e a rafforzare la propria immagine di marca presso il grande pubblico.

Infine, come visto in precedenza, Adidas fa anche affidamento su numerosi partenariati ed alleanze con altre aziende, anche in settori più particolari come lo sviluppo sostenibile. Il gruppo si è in particolare avvicinato all’Organizzazione Internazionale del Lavoro, il che ha dato ad Adidas un innegabile vantaggio rispetto ai suoi concorrenti grazie alla creazione di un’azienda sostenibile.

Gli argomenti a favore di un ribasso della quotazione delle azioni

Abbiamo appena visto che il gruppo Adidas dispone di numerosi vantaggi che potrebbero permettere al suo titolo di evolvere positivamente in futuro ma, come si può immaginare, questi punti di forza non sono i soli elementi da prendere in considerazione e infatti dell’azienda bisogna anche conoscere le debolezze, che presentiamo qui in dettaglio.

Per prima cosa, va ricordato che i prodotti venduti sotto il marchio Adidas sono relativamente cari. Adidas punta infatti soprattutto su prodotti di qualità che utilizzano tecnologie innovative. Per questo motivo e per via di una modalità di produzione relativamente costosa il gruppo non riesce a posizionarsi su parte della clientela o su certi mercati specifici come quelli emergenti e dei paesi in via di sviluppo.

La produzione di scarpe e accessori sportivi del gruppo Adidas viene inoltre esternalizzata per oltre il 93%. Il gruppo fa infatti ricorso a delle aziende in subappalto, situate principalmente in Asia, per ridurre i propri costi di produzione e profittare di risorse maggiormente disponibili. Tuttavia, la decisione di esternalizzare la maggior parte della propria produzione comporta anche una grande dipendenza del gruppo da tali aziende. D’altra parte, la qualità dei prodotti fabbricati all’estero subisce un’attenzione sempre più critica da parte dei consumatori dei paesi sviluppati e ciò potrebbe, a lungo termine, nuocere all’azienda.

Infine, sebbene il gruppo Adidas disponga di un portafoglio prodotti diversificato, non dispone che di due marchi, Adidas e Reebook, il che costituisce un limite alla sua offerta e quindi alle sue vendite dato che alcuni dei suoi concorrenti diretti ne possiedono molti di più.

Le informazioni fornite in questa pagina sono solo indicative e non devono essere utilizzate senza effettuare un’analisi fondamentale più completa di questo titolo, tenendo conto, in particolare, dei dati esterni, delle pubblicazioni future e di qualsiasi notizia di natura fondamentale che potrebbe far evolvere questi punti di forza e di debolezza o renderli più o meno gravosi. Tali informazioni non costituiscono in alcun modo raccomandazioni per la realizzazione di transazioni.

Domande frequenti

Quali sono le attività di lobbying della società Adidas?

La società Adidas svolge delle attività di lobbying presso le istituzioni dell’Unione Europea e negli Stati Uniti. In Europa, Adidas è iscritta dal 2016 al registro dei rappresentanti di interessi presso la Commissione Europea con delle spese che si sono collocate tra i 400.000 e i 500.000 euro nel 2015. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, Adidas ha dichiarato, secondo il Center for Responsive Politics, delle spese di lobbying di 40.000 dollari nel 2015.

Qual è la direzione della tendenza della quotazione delle azioni Adidas?

Quando ci si interessa ai grafici borsistici storici della quotazione delle azioni Adidas, si constata che questo valore segue una tendenza di fondo nettamente rialzista a lungo termine. La sua performance nell’arco degli ultimi cinque anni è stata di +247,53%. Per gli ultimi tre anni la performance è passata al 42,98% e per gli ultimi due anni è stata del 30,54%. Tuttavia, a più breve termine, si osservano delle performance negative con una perdita del 13,47% nel 2019.

Quali eventi seguire per fare trading sulle azioni Adidas?

Per realizzare le analisi della quotazione delle azioni Adidas e anticiparne le tendenze future, si possono seguire gli eventi significativi dell’impresa. Può trattarsi di partnership con altre imprese, della creazione di nuovi prodotti o della pubblicazione di elementi finanziari o strategici interessanti. Le novità più interessanti da analizzare sono disponibili nel sito ufficiale dell’impresa.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500