L'azione di Tesla che cade dopo una dichiarazione da Elon Musk

  •   Le 04/05/2020 à 12h12
  •   HARMANT Adeline

Una dichiarazione di Elon Musk ha fatto crollare il prezzo delle azioni Tesla questa mattina. Lo scorso fine settimana, il capo di questo gruppo ha twittato che il prezzo delle azioni era troppo alto. Immediatamente, i mercati hanno reagito e il titolo ha perso il 10,3% a Wall Street dopo aver perso il 13%. Notiamo però che la quota rimane in crescita del 65% dall'inizio dell'anno e che la capitalizzazione di mercato del gruppo è quasi due volte superiore a quella dei concorrenti come General Motors, Ford o Fiat Chrysler. Tesla ha infatti annunciato l'intenzione di vendere mezzo milione di veicoli quest'anno, un record.

Inizia a fare trading su Tesla!
80.5% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le dichiarazioni di Elon Musk hanno un'influenza significativa sul mercato:

Non è la prima volta che una dichiarazione di Elon Musk provoca una forte reazione del mercato da quandonel 2018 e dopo che il mercato aveva aumentato la possibilità di ritiro di Tesla dal mercato azionario, il titolo aveva già mostrato un'estrema volatilità. Alla fine, nel 2019, quel ritiro è stato abbandonato dopo che la SEC ha richiesto a Elon Musk di dimettersi come presidente del consiglio di amministrazione del gruppo.

Da allora, Elon Musk non può più twittare su alcuni argomenti senza l'approvazione del General Counsel del gruppo, tra cui la salute finanziaria dell'azienda, le imminenti operazioni di M&A, i dati relativi alla produzione e alle vendite di veicoli, i nuovi modelli di auto e i riacquisti di azioni e prodotti finanziari di Tesla.

È quindi chiaro che quest'ultimo tweet è una violazione di questo accordo con la SEC.

 

Elon Musk sta facendo notizia con i suoi attuali tweet anti-contenimento:

Naturalmente, questo non è l'unico tweet di Elon Musk che ultimamente fa notizia da quando il capo della società spaziale SpaceX ha dichiarato la scorsa settimana di voler vendere tutti i suoi beni fisici e di non voler più possedere una casa.

Altri due tweet di questo schema decisamente non come gli altri sono questa volta finalizzati al contenimento della popolazione per limitare la diffusione di Covid-19. Questi tweet dicono in particolare "Date al popolo la sua libertà ora" o "Rabbia, rabbia, rabbia contro la morte della luce della coscienza".

Anche la settimana scorsa (mercoledì) si è espresso sulla stampa su questo argomento, descrivendo il confino come fascista e considerando che questo provvedimento soffocava le imprese. Elon Musk aveva infatti ritardato la chiusura del suo impianto di produzione in California per la Tesla il 19 marzo e stava pensando di riaprirlo il 4 maggio. Il contenimento prolungato e l'allontanamento sociale imposto hanno infine frustrato i suoi piani, che senza dubbio hanno provocato la sua rabbia.

Notiamo comunque che il gruppo Tesla è riuscito, nonostante la situazione, a generare un utile netto di 16 milioni di dollari nel primo trimestre del 2020, un record in questo periodo da quando il gruppo è stato creato.