Apple stabilisce un record di performance per l'indice Dow Jones U.S

  •   Le 21/01/2020 à 15h15
  •   Adeline HARMANT

Il 2019 è stato un anno proficuo per gli investitori che hanno scommesso sul prezzo delle azioni Apple. Il titolo del gigante americano della mela ha infatti guadagnato oltre l'85% del suo valore in un anno, il che rappresenta la migliore performance annuale dell'indice Dow Jones ma anche il più grande incremento annuale in oltre 10 anni per questo gruppo. Vi suggeriamo di saperne un po' di più su questi dati per poter assumere posizioni strategiche su questo titolo nel 2020.

Inizia a fare trading su Apple!
76.4% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Apple stabilisce un record di performance per l'indice Dow Jones U.S
Immagine: Flickr

Una progressione verso l'alto superiore a quella dell'indice Dow Jones :

Se guardiamo al track record degli indici dei mercati azionari internazionali, e in particolare al Dow Jones del 2019, un'azione sembra distinguersi dalla massa. Questa è la quota del gruppo Apple, che ha guadagnato oltre l'85% al 30 dicembre 2019, e quindi è in testa ai guadagni più consistenti dell'anno per questo indice, che, va ricordato, comprende le 30 maggiori capitalizzazioni del mondo. Al secondo posto di questa lista troviamo le azioni del gruppo Microsoft che guadagna il 55%, seguita dalla quota di JP Morgan Chase che guadagna il 42%.

Così, al 30 dicembre 2019, il titolo Apple ha raggiunto il prezzo record di 292 dollari per azione, chiudendo così quest'anno con un massimo storico. La capitalizzazione di mercato totale del gruppo statunitense in quella stessa data era di oltre 1.290 miliardi di dollari. Tuttavia, e nonostante questo record per il gruppo della mela, è il gigante petrolifero saudita Saudi Aramco a detenere il record per la più grande capitalizzazione di mercato al mondo con una valutazione di oltre 1,6 trilioni di dollari poco dopo la sua IPO dell'11 dicembre 2019. Si segnala, tuttavia, che il flottante di questo gruppo, ovvero la quota del suo capitale quotata in borsa, è attualmente pari solo all'1,5%. Di conseguenza, il Gruppo Apple detiene ancora il titolo più liquido al mondo con quasi tutto il suo capitale disponibile sul mercato azionario.

Il 2019 è stato quindi l'anno migliore degli ultimi dieci anni per il gruppo, in quanto il titolo aveva guadagnato il 150% nel 2009, quando i mercati si sono ripresi a seguito della crisi finanziaria dei subprime. Tuttavia, l'anno 2019 non era iniziato nelle migliori condizioni per Apple poiché la società aveva emesso, il 2 gennaio, un avviso sui risultati del suo primo trimestre fiscale a seguito di un calo delle vendite di iPhone, che è ancora la sua principale fonte di ricavi e profitti. Inoltre, la disputa commerciale tra Cina e Stati Uniti avrebbe potuto portare a un boicottaggio dei prodotti Apple in Cina e a un aumento delle tasse sulle importazioni di prodotti a marchio statunitense in quel paese, anche quelli prodotti in Cina. Fortunatamente, queste minacce non si sono materializzate con le vendite che hanno retto bene e l'iPhone 11, che ha avuto un grande successo di pubblico quando è stato lanciato a settembre.

 

Un successo dovuto al lancio di un servizio di video in streaming:

Un'altra spiegazione del successo del titolo Apple sul mercato azionario nel 2019 è il lancio di un servizio di video-on-demand chiamato "Apple TV+", che ha permesso al gruppo di continuare a diversificare le proprie fonti di reddito da servizi.

Le previsioni degli analisti per il 2020 rimangono positive, con raccomandazioni d'acquisto basate sulle ottime vendite di fine anno e oltre gli annunci dei primi telefoni 5G del gruppo, che probabilmente segneranno un importante balzo in avanti tecnologico.

Molti broker consigliano ancora di acquistare questo titolo e pochi scommettono sulla sua vendita. Va notato, tuttavia, che l'obiettivo di prezzo medio degli analisti è del 268%, che corrisponde ad una diminuzione dell'8%. È quindi preferibile attendere questa flessione prima di prendere posizione su questo titolo e approfittare dell'imminente rialzo.

Naturalmente, vi consigliamo di tenere d'occhio l'analisi tecnica e fondamentale di questa azione.