Previsioni di bilancio

Secondo le previsioni di bilancio del governo francese, il prodotto interno lordo (PIL) diminuirà dell'8% nel 2020. Qualche giorno fa, le previsioni del governo includevano solo un calo dell'1%. Dal 1945, la Francia non ha vissuto una situazione del genere, che supera quella del 2009. Ciò potrebbe creare enormi problemi come il calo delle entrate statali, la disoccupazione e il fallimento delle imprese.

 

Il debito della Francia

Il deficit pubblico della Francia aumenterà quest'anno del 9% del PIL. D'altra parte, pochi giorni fa era del 7,6%. Anche il debito pubblico si sta muovendo nella stessa direzione e raggiungerà il 115% del PIL, rispetto al 112% di prima. Per affrontare la crisi, la Francia ha scelto il debito piuttosto che il crollo della sua economia. Il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire, ha dichiarato: "Non abbiamo scelto il debito, l'unica scelta responsabile". Una scelta che è stata fortemente criticata dai francesi.

 

Il nuovo piano

Il nuovo piano per affrontare lo shock della crisi evidenzia alcune particolarità. Il budget per il lavoro a orario ridotto è fissato a 24 miliardi di euro rispetto ai 20 miliardi di euro degli ultimi tempi. Questo accordo può essere prorogato dopo l'11 maggio per le società che non possono riprendere l'attività. L'importo destinato alle piccole imprese e ai lavoratori autonomi è di 7 miliardi di euro, con un aumento di 1 miliardo di euro. Va aggiunto che il nuovo piano è passato da 100 miliardi di euro a 110 miliardi di euro.

 

Rinvio e cancellazione delle spese

Le aziende che si trovano in situazioni difficili potrebbero subire un rinvio e la cancellazione delle loro spese. Il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire ha dichiarato che: "Dal momento in cui non si trova un fatturato, il rinvio potrebbe trasformarsi in À". In considerazione della situazione, alcuni settori di attività come gli alberghi e i ristoranti sono stati chiusi su richiesta dello Stato. Queste aziende potrebbero vedersi cancellare completamente i loro oneri.

 

Ulteriori informazioni

Va sottolineato che questa situazione che la Francia sta attraversando è la prima nella storia. Dopo la crisi finanziaria del 2008, le attività sono diminuite, ma hanno raggiunto solo il 2,9%. Il deficit è stato del 7,2% nel 2009. La nuova previsione del Ministro dei conti pubblici è a scopo illustrativo a causa del deconfinamento, non ancora strutturato. Tuttavia, l'aumento delle tasse non sarà la soluzione per finanziare il deficit di bilancio.