Atos conferma i suoi obiettivi e annuncia 3 importanti acquisizioni

  •   Le 20/04/2021 à 12h30
  •   HARMANT Adeline

Questo martedì mattina, Atos Group ha annunciato diversi dati interessanti con, da un lato, tre nuove acquisizioni durante l'anno e in aree mirate e, dall'altro, una conferma dei suoi obiettivi per il 2021 nonostante i risultati deludenti nel primo trimestre.

Il 72% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Fare trading con i CFD su Plus500
Atos conferma i suoi obiettivi e annuncia 3 importanti acquisizioni
Immagine: ©Tobias Arhelger/123RF.COM

3 grandi acquisizioni per Atos:

Martedì, Atos ha annunciato l'acquisizione di tre aziende nel campo della cybersecurity, della trasformazione digitale e dei big data continuando il cambiamento nel suo business mix. L'importo della prima transazione non è stato rivelato. Si prevede che sarà completato nel terzo trimestre del 2021 con la società tedesca di criptovalute cryptovision.

Atos sta anche rafforzando la sua posizione nell'Edge Computing e nell'analisi video con intelligenza artificiale attraverso l'acquisizione della società britannica Iris.atos ha anche rafforzato la sua posizione nell'Edge Computing e nell'analisi video con intelligenza artificiale attraverso l'acquisizione della società britannica Ipsotek per un importo non rivelato, che sarà completato nella seconda metà del 2021.

Infine, il gruppo ha anche firmato un accordo per acquistare Processia, uno specialista canadese nella gestione del ciclo di vita del prodotto, al fine di rafforzare la sua posizione nella trasformazione digitale. Anche l'importo di questa transazione, che sarà finalizzata nel secondo trimestre del 2021, è sconosciuto.

 

Il gruppo conferma i suoi obiettivi dopo i risultati del primo trimestre:

Infine, Atos Group ha anche confermato i suoi obiettivi per il 2021 questa mattina, nonostante un calo delle vendite nel primo trimestre. Infatti, i suoi ricavi sono diminuiti dell'1,9% a tassi di cambio costanti rispetto al primo trimestre del 2020 a 2,692 miliardi di euro a causa delle attività ancora colpite dalla crisi Covid-19 e nonostante una buona resilienza dei servizi finanziari, delle assicurazioni e della salute e delle scienze della vita.

Il settore industriale, che rappresenta il 18% del fatturato del gruppo, ha registrato un fatturato di 488 milioni di euro, in calo del 6,7% a tassi di cambio costanti. Questa attività è stata penalizzata in particolare da una riduzione dei volumi in Germania.

544 milioni grazie ai progetti di trasformazione nel Nord Europa e ai nuovi progetti di digital banking nei mercati in crescita.

Infine, anche il settore pubblico e la difesa hanno guadagnato il 3,2% a 579 milioni di euro a causa dei riporti nei big data ai trimestri successivi e una riduzione dei volumi in Nord America.

Va inoltre notato che durante il primo trimestre del 2021, l'acquisizione di ordini del gruppo è stata di 2,596 miliardi di euro, il che rappresenta un rapporto tra acquisizione di ordini e ricavi del 96% rispetto al 101% dello stesso periodo dell'anno scorso.

Atos ha anche confermato la sua guidance per il 2021 di una crescita dei ricavi dal 3,5 al 4 per cento a tassi di cambio costanti, un margine operativo da 40 a 80 punti base superiore a quello del 2020 e un free cash flow da 550 a 600 milioni di euro.