Atlantia: calo delle vendite nel primo trimestre

  •   Le 01/06/2021 à 07h42
  •   DEHOUI Lionel

La società italiana di gestione autostradale Atlantia ha avuto un inizio d'anno difficile. Durante il primo trimestre del 2021, l'attività del gruppo è ancora influenzata dalla crisi sanitaria della Covid-19. I risultati registrati dal gruppo su tutto il periodo riflettono un calo della sua attività.

Il 67% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. Annuncio sponsorizzato per fare trading di CFD con eToro
Atlantia: calo delle vendite nel primo trimestre

Perdita netta registrata nel primo trimestre

Durante il periodo da gennaio a fine marzo 2021, l'attività della concessionaria autostradale numero uno in Europa, Atlantia, ha mostrato un forte calo. Negli ultimi tre mesi, il gruppo italiano ha registrato una nuova perdita netta di 67 milioni di euro contro una perdita di 10 milioni di euro di un anno prima.

Tuttavia, l'azienda romana ha fatto meglio delle previsioni del mercato, che erano per una perdita di 243 milioni di euro. D'altra parte, nel primo trimestre del 2021, il gruppo italiano di costruzioni ha registrato un Ebitda di 1,124 miliardi di euro, in calo del 12% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

È stato leggermente superiore alle aspettative degli analisti, che puntavano a 1,018 miliardi di euro. A questo livello, l'azienda ha fatto meglio anche grazie agli ammortamenti, che sono aumentati del 7%. L'Ebit, invece, è sceso del 60% a 141 milioni di euro nel trimestre.

 

Vendite in calo nel primo trimestre

Negli ultimi tre mesi, il fatturato di Atlantia è stato di 2,025 miliardi di euro. È in calo dell'8% rispetto al primo trimestre del 2020. Inoltre, questo fatturato è leggermente inferiore alle stime del mercato, che si aspettava 2,037 miliardi di euro. In effetti, gli effetti della pandemia di coronavirus hanno continuato ad avere un impatto sull'attività del gruppo durante questo periodo.

Di conseguenza, i ricavi delle concessioni autostradali (che rappresentano quasi l'84% delle entrate del gruppo) sono diminuiti del 3% nel T1-2021. Questo calo è stimato al 9,8% e al 20,1% rispettivamente in Francia e in Spagna. In America Latina, invece, il calo delle entrate è stato meno significativo.

Il calo è del 3,2% in Cile. In Brasile e Messico, il calo è stato dell'1,8%. Inoltre, gli aeroporti gestiti da Atlantia hanno registrato un calo del 73% delle entrate per il primo trimestre del 2021. Ciò è dovuto a un calo dell'83,9% del traffico negli aeroporti di Roma. È stata anche penalizzata dal calo del 72,1% del traffico a Nice Côte d'Azur.

 

Prospettive per l'esercizio 2021

La previsione di Atlantia per il resto dell'esercizio in corso è di migliorare la sua performance operativa, in particolare nelle autostrade e negli aeroporti. Per raggiungere questo obiettivo, l'azienda punta sulla revoca delle restrizioni favorite dalle campagne di vaccinazione.

Tuttavia, il gruppo italiano di costruzioni prevede di registrare un calo del 10% e del 70% del traffico autostradale e aeroportuale rispettivamente, rispetto ai livelli di due anni fa (2019). Infine, l'azienda si aspetta che i ricavi raggiungano i 9,4 miliardi di euro per l'intero anno 2021.