AstraZeneca: dopo l'analisi del Credit Suisse, il titolo è in verde

  •   Le 30/07/2020 à 12h55
  •   DEHOUI Lionel

C'è una notizia che sorprende più di una persona in questo secondo giorno della settimana. Guardando le tendenze delle ultime settimane, è ovvio che questo è il risultato di un'attività. In effetti, il gruppo Neoen ha ottenuto un aumento del fatturato del 33% nel primo semestre dell'anno nonostante il contesto della crisi sanitaria. Ma non è l'unico. Lo imita il gigante Capgemini, le cui vendite sono aumentate dell'8,2% nel primo semestre. Attraverso questi risultati, si potrebbe pensare che il mondo delle imprese sia agitato solo dalla pubblicazione dei risultati del primo semestre del 2020. Ma basta guardare AstraZeneca per rendersi conto che ci sono altri argomenti che fanno notizia. In effetti, il titolo di AstraZeneca è in verde alla Borsa di Londra, nel cuore di un mercato in declino. Questo non ha mancato di attirare l'attenzione di un ufficio di analisi.

Il 76.4% dei conti di investitori al dettaglio perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
AstraZeneca: dopo l'analisi del Credit Suisse, il titolo è in verde
Immagine: Gwan Kho - Flickr

La partnership di AstraZeneca con un giapponese

L'ufficio analisi del Credit Suisse ha confermato il suo consiglio di acquistare sul valore con un prezzo indicativo di 9000 pence. Tuttavia, va ricordato che AstraZeneca ha annunciato di aver firmato un accordo con un gruppo giapponese. L'azienda in questione è Daiichi Sankyo. Questa firma arriva per consentire lo sviluppo e la commercializzazione di un nuovo anticorpo che sia preciso e che sarà utilizzato come trattamento contro i tumori cancerogeni.

La partnership tra le due società ruoterà attorno a un certo DS-1062. DS-1062 non è altro che un anticorpo che mira ad una glicoproteina di membrana che si trova in molti tumori. Questi includono il cancro al seno e ai polmoni. Questo porta l'ufficio del Credit Suisse a fornire alcune indicazioni piuttosto precise che stanno attirando l'attenzione dei dirigenti aziendali.

 

Le cifre importanti nella nota dell'ufficio analisi

In effetti, il Credit Suisse indica che il Gruppo AstraZeneca è chiaramente molto entusiasta del potenziale principale del TROP2 in diversi tipi di tumore. Nella sua nota ha anche indicato che il potenziale di picco delle vendite è di oltre 4,5 miliardi di dollari. Ha poi aggiunto che si aspetta con cautela che il valore di picco delle vendite sia significativo.

Per essere precisi, l'ufficio di analisi ha sottolineato che prevede che le vendite raggiungeranno il picco di 2,5 miliardi di dollari. Questa cifra è solo per il cancro ai polmoni. Pur essendo prudente, il Credit Suisse si aspetta anche un picco di vendite di 1 miliardo di dollari in ciascuno dei tumori della vescica e della TNBC. Non c'è bisogno di sottolineare che punta al suo primo lancio nel corso dell'anno 2023.

Nota: Gli analisti hanno concluso affermando che aumenta il GAP di base in media dell'1%. Precisa tuttavia che ciò riguarda il periodo dal 2023 al 2025. Un aumento che sarà accompagnato da un importante potenziale di leva secondo la nota dell'ufficio. La nota è arrivata nel contesto della dichiarazione di AstraZeneca che il farmaco per il diabete Farxiga aveva soddisfatto tutti i suoi punti finali.