Air France-KLM: ingresso dei Paesi Bassi nella società ritenuta infondata

  •   Le 22/05/2020 à 09h56
  •   DEHOUI Lionel

Nelle ultime settimane, il mondo ha assistito al braccio di ferro tra la Corte costituzionale tedesca e la Commissione europea. Una situazione che si è venuta a creare a causa delle operazioni della Banca Centrale Europea che coinvolgono la Bundesbank, la banca centrale tedesca. Si tratta di un argomento scottante e i suoi sviluppi sono attesi con impazienza. Ma per il momento, è un altro fatto legale che si trova nelle notizie di questo mercoledì. Riguarda Air France-KLM e lo Stato olandese. Infatti, mentre tutti gli occhi erano puntati sulle istituzioni europee, la Corte dei conti olandese ha fatto una dichiarazione decisiva. Questo mercoledì la Corte ha ripercorso i fatti dell'anno scorso e si è pronunciata in merito. Ha ritenuto che la decisione dello Stato olandese di "entrare nel capitale della compagnia aerea Air France-KLM" sia infondata. Si tratta di un'inversione di tendenza rispetto a una decisione presa nel 2019.

Inizia a fare trading su Air France!
76.4% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

La logica dello Stato olandese

Il governo olandese aveva infatti deciso all'epoca di possedere il 14 % del capitale del gigantesco gruppo aereo. Si aspettava di diventare un po' più importante e decisivo nel processo decisionale all'interno di questo gruppo che opera nel settore delle compagnie aeree. Inoltre, il governo olandese era in una logica molto chiara all'epoca. Era ansiosa di possedere una quota pari a quella detenuta dalla Francia nel gigante dei trasporti.

 

Le argomentazioni della Corte dei conti olandese

E' infatti l'argomentazione avanzata dai giudici della Corte dei conti olandese che interessa a molti in questa sentenza. In una dichiarazione ufficiale, la Corte afferma che il Parlamento dovrebbe prima essere messo a conoscenza delle intenzioni dello Stato olandese. Essa afferma chiaramente che i vari ministri hanno l'obbligo di mettere sotto i riflettori il Parlamento. Un atteggiamento che devono adottare per questo tipo di transazioni.

In questo modo, non dovranno fare la presentazione di un accordo già finalizzato davanti al Parlamento. Quest'ultima vede quindi una grave irregolarità in questa operazione intrapresa dallo Stato olandese nella capitale del gruppo Air France-KLM. In ogni caso, è da questo punto di vista che i giudici della Corte hanno interpretato la situazione. Lo Stato olandese non è esattamente di questo parere. Inoltre, quest'ultimo non ha mancato di dare una risposta per giustificarsi.

 

Gli argomenti dello Stato olandese

Come argomento, Holland sostiene di aver fatto la cosa giusta e che rendere pubbliche le sue ambizioni lo avrebbe messo nei guai. La transazione sarebbe stata percepita come insider trading. Aumenterà il prezzo delle azioni della compagnia aerea, ma questo aumento sarà artificiale. Ciò non farà altro che complicare l'operazione di acquisizione delle azioni. Il ministro delle Finanze olandese ha suggerito che all'epoca si trovava in gravi difficoltà.

Si è trovato in un dilemma a causa di due regole che si contraddicono praticamente a vicenda. Tuttavia, il ministro delle Finanze Wopke Hoestra ha indicato che valuterà se una modifica della legge in materia sia possibile o necessaria. In conclusione, la Corte non ha invitato lo Stato ad annullare tale operazione. Ha semplicemente suggerito una lista di raccomandazioni per indurre le autorità olandesi ad astenersi dal farlo in futuro.