Come trattare sulla quotazione della criptomoneta EOS?

Valutazione: 4.00 2 voti
 

Da qualche anno un nuovo tipo di attivo finanziario appassiona i trader online. Si tratta delle criptomonete, dette anche monete dematerializzate, di cui il Bitcoin è stato il pioniere. Oggi si contano sempre più criptomonete sul mercato ed alcune si mostrano più interessanti di altre nel quadro del trading, come nel caso della criptomoneta EOS che vi presentiamo qui più nel dettaglio e che rientra tra le più popolari del momento. Scoprirete il funzionamento dettagliato di questa moneta dematerializzata, lo storico del suo corso ed alcuni consigli per trattarla efficacemente con gli strumenti e le tecniche di analisi corrette.

 

Definizione della criptomoneta EOS

EOS è il nome che è stato attribuito ad una recente criptomoneta. Si tratta di una moneta dematerializzata che utilizza la tecnologia della “blockchain” nel contesto dello sviluppo di applicazioni decentralizzate o DApps (Decentralized Applications). L’EOS può quindi essere confrontato con l’Ethereum o Ether che è quello che gli somiglia di più tra le varie criptomonete del mercato.

Grazie ad EOS lo sviluppo delle applicazioni decentralizzate è molto semplificato perché queste criptomonete forniscono diversi servizi e funzionalità quali un sistema operativo per l’utilizzo di queste applicazioni.

Per sviluppare e creare EOS, gli sviluppatori si sono ispirati ad altre criptomonete del mercato ed hanno identificato i punti forti di ognuna per creare una nuova moneta dematerializzata più performante ed efficace. L’EOS si ispira in particolare all’attuale livello di sicurezza del Bitcoin ed alla qualità del supporto informatico di Ethereum. Il risultato è una piattaforma di applicazione contemporaneamente facile da utilizzare e che offre diverse possibilità di evoluzione per gli utenti regolari. L’idea è quindi di democraticizzare l’uso della blockchain che seduce sempre più utenti ormai da qualche anno.

Nel contesto molto chiuso delle applicazioni decentralizzate, l’EOS fa attualmente molto parlare di sé e si rivela essere una criptomoneta molto promettente. L’EOS rende infatti l’accesso alle soluzioni basate sulle blockchain più facile per gli sviluppatori e per gli altri utilizzatori che lo desiderino.

Grazie al codice sviluppato per EOS è quindi possibile creare una piattaforma destinata alle applicazioni decentralizzate di tipo blockchain e di trattare innumerevoli transazioni ogni secondo in condizioni di sicurezza ottimale. Diversi tipi di funzionalità sono in particolare integrati a questa soluzione come un servizio di identificazione degli utenti, un servizio di stoccaggio nel cloud ed un servizio di hosting di server per una migliore esperienza per sviluppatori di applicazioni ed imprenditori. 

 

Le funzionalità specifiche di EOS

Interessiamoci ora alle diverse specificità della criptomoneta EOS.

Per prima cosa, l’identificazione degli utenti è un vero punto di forza di questa moneta dematerializzata. Ricordiamo infatti che la rete EOS si presenta come una piattaforma chiavi in mano per le varie applicazioni e che gli sviluppatori possono beneficiarvi di un sistema di identificazione ben concepito. Questa piattaforma propone infatti vari tipi di conto utente con vari livelli di autorizzazione e dei dati utente securizzati a livello locale. Dopo gli ultimi aggiornamenti, su questa piattaforma è anche possibile disporre di un accesso condiviso ai database a partire da vari conti ma anche di stoccare i dati relativi agli utenti su un server locale e quindi esterno al blockchain. Il sistema integra anche un servizio di ripristino dei conti rubati e vari metodi permettono in particolare agli sviluppatori ed agli utenti di convalidare la propria identità e rimettere in efficienza il proprio conto quando è stato bloccato o compromesso.

Un’altra funzionalità interessante di EOS è la possibilità di accogliere server e stoccaggio nel cloud. Questa funzionalità è stata infatti integrata a questa soluzione per permettere ai programmatori di sviluppare le loro applicazioni e interfaccia web integrando l’hosting e lo stoccaggio nel cloud e di beneficiare della banda passante di download fornita direttamente dal sistema EOS. In questo modo gli sviluppatori non si devono più preoccupare della sicurezza del loro stoccaggio e della necessità di avere una banda passante sufficientemente ampia. EOS permette inoltre di controllare lo stoccaggio essendo possibile accedere alle analisi e ai rapporti di utilizzo dello stoccaggio stesso e della banda passante direttamente dalla piattaforma. Alcuni limiti possono inoltre essere impostati per alcune applicazioni specifiche con dei livelli predefiniti dall’utente. Ovviamente questi servizi vengono poi pagati tramite la criptomoneta EOS.

Il sistema di remunerazione previsto da EOS è anche interessante. Non è infatti richiesto nessun micropagamento da parte degli utenti finali per un’applicazione che sia stata sviluppata sulla piattaforma EOS nel quadro dell’invio di messaggi o di operazioni sulla blockchain. Sono quindi gli sviluppatori di applicazioni stessi che scelgono come verranno pagate le piccole spese delle transazioni. In questo modo i professionisti che utilizzano questa piattaforma possono liberamente mettere in opera le loro strategie di rendimento e proporre dei servizi a pagamento o gratuiti secondo i loro desideri e obiettivi.

Il sistema EOS ha anche messo in opera un consensus mirante ad evitare le fork, il che significa che offre un modello che si basa sulla possibilità per i produttori di blockchain di validare le transazioni da confermare per un’applicazione che funziona correttamente o nel quadro di modifiche del codice sorgente di applicazioni individuali. Ciò funziona anche per il sistema EOS in quanto tale. In questo modo gli utenti possono aggiornare, correggere o declassare eventuali bug del sistema beneficiando di una sicurezza ottimale.

Infine, ed è uno dei grandi vantaggi del sistema EOS rispetto alla maggior parte degli altri sistemi di criptomonete, la velocità è molto interessante. Infatti, riducendo la latenza, EOS aumenta il livello di performance e struttura ogni blocco più finemente con dei cicli eseguiti in maniera sequenziale, cicli che vengono poi strutturati in thread eseguiti parallelamente in seno ai cicli stessi. È così possibile rispondere ai messaggi o inviarne in seno ad uno stesso blocco o tra blocchi diversi. Lo scopo è in questo caso di ridurre il limite inferiore teorico del tempo di risposta ad una semplice trasmissione di un messaggio online.

Non andremo oltre nei dettagli delle caratteristiche del sistema della criptomoneta EOS e ci interesseremo ora un po’ di più ai suoi concorrenti e alla maniera di trattare online sulla sua quotazione.

 

Quali sono le criptomonete concorrenti di EOS?

Come abbiamo appena visto, il sistema EOS è attualmente una delle criptomonete più promettenti ma ciò non significa tuttavia che i giochi siano ormai fatti per quanto riguarda l’evoluzione del suo corso negli anni a venire. Per realizzare una buona analisi fondamentale di questo valore, infatti, è importante tener conto della concorrenza. Vi presentiamo perciò ora brevemente le altre criptomonete che seducono gli investitori e i loro vantaggi.

  • Il Bitcoin. Si tratta ovviamente della criptomoneta più popolare del momento e quindi di un valore rassicurante per gli investitori. È stata la prima criptomoneta al mondo ed è anche la più solida rispetto al suo storico. Il Bitcoin mostra tuttavia alcune debolezze in particolare per quanto riguarda la sua scalabilità anche se in questo momento vengono testate delle risposte al problema. Insomma, il Bitcoin rimane un punto di riferimento in questo settore.
  • L’Ethereum. Occupa il secondo posto al mondo nel mercato delle criptomonete ed ha conosciuto in particolare un’evoluzione della quotazione molto interessante nel 2017. Ovviamente il forte rialzo registrato si è esaurito in una correzione naturale al ribasso. Tuttavia, l’Ether rimane una criptomoneta interessante per gli investitori perché è alla base dei progetti blockchain che sono sempre più numerosi. Numerosissimi progetti di blockchain, infatti, utilizzano ancora oggi la tecnologia messa in opera per Ethereum. Ogni nuovo progetto permette quindi di valorizzare Ethereum.
  • Golem. Il sistema messo in opera da Golem è interessante perché innovativo. Golem permette infatti di rendere sfruttabili i vostri spazi CPU di troppo in cambio di un token. Il progetto Golem è anche interessante perché è in piena evoluzione e si concretizza sempre di più.
  • Sonm. La tecnologia Sonm assomiglia molto alla tecnologia Golem di cui abbiamo appena parlato. Tuttavia, i risultati attesi dovrebbero essere ancora più interessanti. Anche se per il momento la criptomoneta Sonm non ha un vero valore e perde molti punti nei grafici borsistici, rappresenta un’alternativa interessanti per i mesi e gli anni a venire. Il valore aggiunto del token è infatti interessante e dovrebbe permettere a questo progetto di diventare un attore principale del suo settore in un prossimo futuro.
  • Il BAT. Questo progetto di criptomoneta si fonda sullo sviluppo di un navigatore web di nuova generazione per quanto riguarda la pubblicità e la gestione dell’attenzione degli utenti. Questo sistema è stato messo in opera dal fondatore di Mozilla Firefox che è anche all’origine del linguaggio Javascript, il che costituisce una garanzia per gli investitori.
  • Il Bancor. Questo valore è ugualmente interessante per gli investitori, in particolare grazie al successo della sua raccolta fondi che è stata di oltre 153 milioni di dollari in poche ore soltanto. Questa criptomoneta è considerata come una delle meno rischiose del momento grazie ad una raccolta di ETH superiore alle aspettative al momento del loro ICO. Il valore BNT presenta così un prezzo minimo de 0.1ETH.

Come si può constatare, le monete capaci di mettere in ombra l’EOS sono numerose ed è ovviamente essenziale tenere d’occhio con attenzione questo mercato e l’evoluzione delle quote di mercato di ognuna di queste soluzioni, senza contare che dovete anche prendere in considerazione le future soluzioni sempre in corso di sviluppo.

 

Evoluzione storica della quotazione dell’EOS

Come la maggior parte degli altri sistemi di criptomonete, l’EOS è quotato in Borsa. Come vedremo a seguire, è quindi possibile investire su questo valore al rialzo o al ribasso per profittare delle differenze di quotazione registrate ma, prima di farlo, è necessario capire bene come questo valore si comporti nei grafici borsistici ed interessarsi ai suoi comportamenti passati. Bisogna comprendere che l’EOS è una moneta dematerializzata ma che è quotata per parità con un’altra valuta di riferimento. Ecco quindi una rapida analisi storica della quotazione di questo valore in rapporto all’euro che corrisponde dunque alla parità EOS/EUR.

Cominciamo deliberatamente questa analisi tecnica ad inizio anno 2018 perché in precedenza la quotazione di questo attivo è rimasta piatta e senza interesse. È infatti a partire dal mese di febbraio 2018 che l’EOS mostra delle variazioni interessanti.

Il 16 febbraio 2018 la quotazione dell’EOS ha conosciuto dapprima un rialzo molto interessante e volatile che le ha permesso di passare dal livello di 1,05€ al livello di 8,35€. Ovviamente, come accade spesso dopo una simile progressione al rialzo, questo valore ha iniziato una correzione al ribasso dovuta al ritiro strategico degli utili da parte degli investitori. Questo ribasso si è concluso un mese dopo, nel marzo 2018, con il raggiungimento del livello di 3,78€.

Alcuni giorni dopo, il 21 marzo,  si è poi osservato un breve tentativo di ripresa di questo attivo in direzione dei 5,70€ prima di una nuova correzione al ribasso, meno forte questa volta, che gli ha fatto perdere alcuni punti in direzione dei 4,53€ il 1° aprile.

A partire dal 10 aprile 2018 le cose cominciano a diventare interessanti per quanto riguarda la quotazione dell’EOS che inizia infatti una progressione al rialzo inattesa e in due fasi. Il 12 aprile il valore raggiunge il livello di 7,15€ poi, con un movimento ancora più volatile, raggiunge i 20,34€ il 18 aprile. Dopo una leggera correzione al ribasso, viene raggiunto in seguito il livello di 12,48€, ottenuto il 24 aprile, prima di un leggero ritiro in direzione degli 11,81€ il 25 aprile.

Il 26 aprile la progressione al rialzo riprende alla grande e il valore raggiunge così il suo picco storico il 29 aprile 2018 a 17,72€. Subito dopo gli investitori decidono ancora una volta di ritirare i loro utili provocando un ribasso dell’EOS verso il livello di 14,30€ il 30 aprile.

L’inizio del mese di maggio mostra un bel tentativo di ripresa e dimostra quindi la fiducia degli investitori. Si può scommettere forte che questo valore potrà guadagnare ancora dei punti nei mesi e negli anni a venire con delle progressioni a volte rapide e molto volatili, come avete potuto constatare.

 

Dove e come trattare sulla quotazione dell’EOS?

Conoscete ora tutti i diversi vantaggi dell’EOS come criptomoneta ma anche come valore di Borsa e come attivo d’investimento quindi desiderate certamente investire su questo valore e profittare della sua forte volatilità. Per farlo, esistono ovviamente diversi metodi.

Potete in particolare decidere di acquistare degli EOS per conservarli in una specie di portafogli di criptomonete allo scopo di rivenderli successivamente sperando che il suo valore progredisca al rialzo. Per farlo bisogna ovviamente possedere un portafogli di questo tipo ed acquistare gli EOS da una piattaforma compatibile. Ma questo metodo ha ovviamente i suoi limiti e i suoi difetti perché non permette di basare la propria strategia unicamente sul rialzo di questa criptomoneta.

Un altro metodo consiste invece nello speculare direttamente sulla quotazione di questo valore senza dover detenere degli EOS nel portafogli. Alcuni contratti di investimento online come, in particolare, i CFD offrono infatti questa possibilità.

I CFD sono dei contratti sulla differenza proposti dai broker online tramite delle piattaforme di trading. Vi permettono di prendere delle posizioni all’acquisto o alla vendita su valori diversi come le azioni di Borsa, le materie prime, gli indici, le coppie di valute o le criptomonete. Vi basta dunque puntare la parte di capitale di investimento che desiderate sull’EOS al rialzo o al ribasso e chiudere la vostra posizione quando la quotazione di questa criptomoneta avrà raggiunto il livello desiderato.

Le piattaforme di trading che propongono il trading sulla quotazione delle criptomonete sono le più potenti e le più tecnologiche del mercato e propongono quindi delle funzionalità e degli strumenti di aiuto alla decisione molto interessanti come i grafici personalizzabili, le notizie finanziarie in diretta e i segnali di trading relativi agli attivi che vi interessano.

I CFD sono dunque, secondo noi, i migliori strumenti di trading delle criptomonete come l’EOS, il Bitcoin e le altre che mostrano una volatilità interessante per il trading a breve e medio termine.

I broker accessibili dall’Italia propongono di solito la parità EOS/EUR come supporto ma alcuni mediatori danno anche accesso alla parità EOS/USD.

 

Come analizzare la quotazione dell’EOS in maniera efficace

Come tutti gli altri valori che potete trattare online, l’EOS richiede una buona conoscenza del mercato e dei metodi di analisi per essere trattata efficacemente. L’analisi tecnica sarà in questo caso da privilegiarsi per via della forte volatilità di questo tipo di attivi e della loro reattività ai differenti segnali. Vi consigliamo di spingere al massimo le vostre possibilità di previsione delle tendenze utilizzando contemporaneamente diversi indicatori tecnici. Trattando l’EOS da una piattaforma di CFD avrete la possibilità di visualizzare questi vari indicatori contemporaneamente sui grafici in diretta, ottenendo dei segnali più facilmente leggibili.

Sempre nel quadro dell’analisi tecnica, si sa che l’EOS è un valore di inversione importante che mostra molto spesso delle correzioni tecniche dopo un rialzo volatile. Prendere posizione alla fine di una tale tendenza è dunque una scelta oculata a condizione di essere in grado di identificare i punti di inversione o punti pivot.

L’analisi fondamentale ha ovviamente anch’essa la sua importanza. Per aiutarvi a realizzarla, ecco degli elementi che dovete tenere d’occhio con la massima attenzione.

  • La concorrenza. È sicuramente il punto più importante visto che le criptomonete si fanno una guerra spietata per attirare i nuovi utilizzatori. È quindi essenziale tenersi informati sulle criptomonete più promettenti del momento e sorvegliare ogni nuovo arrivo su questo mercato ed ogni progresso dei progetti attualmente in corso di sviluppo.
  • Il numero di utilizzatori. È un dato che potete facilmente consultare online e che determina la popolarità e le possibilità di sviluppo di una soluzione di criptomoneta. Più il numero di utilizzatori evolverà in maniera costante o esponenziale, più una criptomoneta avrà possibilità di continuare a crescere e a guadagnare quote di mercato.
  • L’interesse generale del mercato. Le criptomonete non fanno ancora parte delle abitudini degli utenti e degli sviluppatori. L’evoluzione dell’interesse del pubblico per queste soluzioni altamente tecnologiche avrà un impatto diretto sulla quotazione delle migliori di esse.

Per trattare con efficacia sulla quotazione dell’EOS dovete dunque contemporaneamente realizzare una buona analisi tecnica e una buona analisi fondamentale confrontando i segnali di acquisto e di vendita ottenuti tramite i due metodi per mettere in luce le tendenze più probabili che il suo corso prenderà a breve, medio o lungo termine. Non esitate a sfruttare tutte le funzionalità della vostra piattaforma di trading per affinare le vostre strategie ed aumentare le possibilità di prendere delle posizioni convincenti e intelligenti.

Trattare sulla quotazione dell’EOS online con semplicità

Siete interessati alla criptomoneta EOS in quanto attivo di investimento? In questo caso raggiungete senza attendere oltre una piattaforma di trading di qualità su cui potete trattare le più grandi criptomonete del mercato.

Trattare sulla quotazione dell’EOS ora!*
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio elevato di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 80.6% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.