Una delle migliori piattaforme di trading
  • Plus500
  • eToro
  • iForex
  • Markets

Valutazione: 4.60 5 voti
 

Il mercato degli indici di Borsa

Il mercato degli indici di Borsa è, senza alcun dubbio, uno dei più importanti, sia per chi investe in posizioni di Borsa che per i trader online.

Esistono tuttavia vari tipi di indici borsistici dal funzionamento particolare.

 

Che cos’è il mercato degli indici?

Gli indici di Borsa, come indicato dal loro nome, rappresentano nella maggior parte dei casi la performance di una piazza borsistica. Si distinguono tuttavia tre tipi di indici diversi:

  • Gli indici principali: rendono conto della performance di una Borsa o di una piazza borsistica in particolare. Il suo calcolo tiene conto dell’insieme delle grandi società quotate sulla specifica piazza borsistica. Per la Borsa italiana l’indice principale è il MIB 30.
  • Gli indici settoriali: in questo caso, gli indici corrispondono alla performance di un settore di attività specifico, come le nuove tecnologie per esempio, o di un insieme di imprese della stessa dimensione. Vengono calcolati tenendo conto di tutte le società di una o più Borse che corrispondo ai criteri prestabiliti. Il Nasdaq ne è un esempio.
  • Gli indici regionali: assomigliano molto agli indici principali ma possono corrispondere a diverse piazze borsistiche di una stessa zona geografica.

È per esempio il caso degli indici europei quali EURO STOXX o degli indici americani come il Dow Jones.

 

I principali indici borsistici mondiali

Esistono numerosi indici borsistici nel mondo. La maggior parte di essi raggruppa le più grandi aziende di un paese o di una zona geografica mentre altri riuniscono le aziende di uno specifico settore di attività. Ovviamente, non tutti gli indici borsistici mondiali sono accessibili online a partire dalle piattaforme di trading. Ecco i grandi indici che si potranno trovare facilmente presso la maggioranza dei broker:

 

Come vengono calcolati gli indici di Borsa?

Nella maggior parte dei casi, gli indici di Borsa vengono calcolati a partire dal cumulo delle capitalizzazioni borsistiche di tutte le società di una Borsa o di un settore di attività. Il risultato viene poi diviso per un valore fisso al momento della creazione dell’indice. Il suo valore si evolve in seguito in funzione degli acquisti.

 

Come speculare sul mercato degli indici?

Da qualche anno, è anche possibile speculare sui grandi indici di Borsa attraverso le piattaforme online, chiamate anche “broker”. Questi mediatori di nuovo genere mettono a disposizione degli investitori privati due strumenti che permettono di speculare sul valore degli indici di Borsa, al rialzo o al ribasso, con in più delle spese molto basse nell'ordine dello 0.5%.

I CFD permettono di puntare la somma di propria scelta su questi indici prendendo posizione all’acquisto o alla vendita ovvero al rialzo o al ribasso. I guadagni o le perdite vengono generati in questo caso dalla differenza tra la quotazione dell’indice al momento della presa di posizione e quella al momento della sua chiusura, meno lo spread praticato dal mediatore. Uno dei vantaggi dei CFD è che offrono un effetto leva che permette dei buoni guadagni anche con una piccola differenza di quotazione.

Ottenere dei profitti sul mercato degli indici borsistici

Capire il mercato degli indici borsistici può essere una soluzione efficace per ottenere dei profitti trattando direttamente su questi indici come su un qualsiasi altro attivo in Borsa. Fate subito la prova online!